Books Letti per Voi

Il ritorno della narrativa Ispano-americana: Il sussurro delle api di Sofía Segovia

Written by Veronica Lavenia

La narrativa Ispano-americana, che ha regalato pagine di altissimo livello alla letteratura mondiale, è nota al, cosiddetto, grande pubblico, ai “non addetti ai lavori”, per lo più per figure carismatiche come Gabriel García Márquez, fondatore di quel realismo magico da cui poi, più o meno maldestramente, hanno attinto altri scrittori del continente Latino Americano,  Mario Vargas Llosa, l’intellettuale, lo scrittore “impegnato” per eccellenza, Premio Nobel nel 2010 ed Isabel Allende.

A fronte di talenti così carismatici, negli anni duemila è mancata una figura che potesse prendere in mano lo scettro di successi editoriali internazionali. Per lo meno fino al 2015, quando la scrittrice Messicana Sofía Segovia diventa un caso letterario nel suo Paese prima e, in seguito, in tutto il Continente Latinoamericano con il romanzo “El murmullo de las abejas”. Tradotto negli Stati Uniti con il titolo The Murmur of bees” (2019), in Italia il romanzo è stato pubblicato nel giugno 2020, per i tipi di Rizzoli ed ha scalato in fretta le classifiche di vendita.

“Il Sussurro delle api” è il romanzo che torna a dare nuova linfa vitale ad una letteratura, quella Ispano-americana, che per lungo tempo, ha atteso eredi capaci di proseguire il cammino tracciato dai padri citati, esprimendo, ed è ciò che conta, la propria personalità.

Sofía Segovia ha risvegliato nella memoria collettiva storia e paesaggi di una nazione, il Messico, che ha regalato alcune delle pagine più belle della narrativa Ispano-americana e, mondiale, più in generale (da Juan Rulfo a Carlos Fuentes e Octavio Paz).

Linares (Messico del Nord) è la Macondo di questo romanzo che ricorda, in alcune parti, alcune pagine del migliore realismo magico di García Márquez.

La storia si apre con la “Nana Reja”, la balia della famiglia Morales, che lascia la sedia a dondolo nella quale riposava da tempo immemore per perdersi tra i monti del posto. Sicuri di trovarla morta, Reja si presenta, invece, ai famigliari con in braccio un bambino misterioso mentre, nell’altro braccio, regge un favo. Di fronte all’insistenza di Nana Reja, i Morales decidono di adottare il bambino. Ricoperto da un manto di api che lo accompagnerà tutta la vita, Simonopio cambierà l’esistenza della famiglia Morales e di tutta la regione. Una esistenza di mutamenti e lotte che avverranno all’interno di un quadro storico importante come le grandi guerre, l’influenza spagnola e, soprattutto, la Rivoluzione Messicana.

Il sussurro delle api ha l’odore di lavanda della biancheria sempre profumata; del sapone bianco, delle arance e del miele. Un storia di amore, la saga di una famiglia che lotta per la vita, per la terra come spesso accade in realtà complesse come quella Ispano-americana.

Simonopio cresce nell’amore di una famiglia che non sa chi furono i suoi genitori e circondato da api che, invece di pungerlo lo proteggono. Il paese parla di questo bambino sfortunato, con un labbro leporino che sembra una “Caverna” e che non gli consente di parlare correttamente. Un bambino che, proprio per questo, suscita anche paura tra gli abitanti di Linares i quali  lo etichettano come “figlio del diavolo” o di alcune streghe della zona. Lungi dall’essere superstizioso, Francisco Morales, invece, non bada al chiacchiericcio popolare e lo alleva come fosse uno di famiglia.

Simonopio, da parte sua, cresce più attratto dalla Natura che dalle regole famigliari. Grazie alle sue api impara ad esplorare le montagne e le sue escursioni durano anche giorni. Il bambino, inoltre, possiede una spiccata sensibilità interiore che lo porta ad intuire il futuro, a conoscere i segreti altrui a prevedere eventi, come, ad esempio, la rivoluzione agricola Messicana che portò alla sostituzione delle piantagioni di mais e canna da zucchero per i più produttivi alberi da frutta.

Dal punto di vista tecnico-narrativo, la storia è narrata con punti di vista alterni, tra la prima e la terza persona. Segovia dimostra di aver approfondito i temi storici trattati nel romanzo con descrizione dettagliata riguardanti la Rivoluzione Messicana e l’epidemia di influenza Spagnola. Scrittrice molto influente in Messico, ne “Il Sussurro delle api” è stata la stessa Segovia a confermare la sua volontà di scrivere sulla Rivoluzione Messicana in modo alternativo, puntando sulla netta distinzione sociale ed economica tra Nord e Sud del Paese. Segovia è riuscita nell’obiettivo, da lei stessa dichiarato, di denunciare come la letteratura messicana abbia escluso la realtà del Nord del Messico. Il libro approfondisce alcune caratteristiche ideologiche e sociali del Nord, denunciando come il narcotraffico non sia la sola problematica del Messico ma che gli scrittori affrontano prevalentemente questo tema, forse anche per comodità ideologiche ed editoriali.

L’autrice invita gli abitanti del Nord del Messico a diventare attori protagonisti della loro storia prima “che altri raccontino la storia al posto vostro”.

Per vicinanza geografica, inoltre, Segovia è molto attiva nel promuovere la letteratura Messicana negli Stati Uniti, al fine di far conoscere altri aspetti di una Nazione, nota, per lo più, per importanti problematiche sociali che codificano i Messicani solo come criminali.

Una carriera iniziata nel mondo del giornalismo da lei poi lasciato perché non voleva perdere la vita come molti suoi colleghi Messicani, le influenze giornalistiche sono presenti nel romanzo attraverso i processi di ricerca che l’hanno portata a consultare archivi storici delle città, ad ascoltare le memorie di chi quella storia, da lei poi romanzata, l’ha vissuta sulla propria pelle.

Di solito, dietro ai cosiddetti “fenomeni letterari”, si celano solo mere logiche commerciali. Prendi un autore Sud Americano, capace di creare una storia che sia anche solo un vago richiamo ai capolavori di Márquez, o ai best sellers di Isabel Allende, e con un battage pubblicitario importante, il successo è pronto. Di solito, di tali autori non rimane traccia. In questo caso, siamo di fronte ad un vero talento narrativo, abile nello strutturare un romanzo di quasi cinquecento pagine con maestria e padronanza delle tecniche narrative.

“Il sussurro delle api”è molto di più di un caso letterario Internazionale. Se l’autrice confermerà le premesse anche nel prossimo libro (Tears of Ambers, Amazon Crossing), in uscita nel 2021, avremo la certezza di un talento abile nello scrivere nuove pagine di narrativa Ispano-americana che saranno ricordate nel tempo.

Non perdere:

Se l’acqua (non) incontra il cioccolato

La maga delle spezie

Nessuno scrive al colonnello

About the author

Veronica Lavenia

PhD (former University academic). Italian based (food) writer, (food) communicator and magazine contributor. Authors of six books (five cookbooks), some of her works have appeared and appears in the most popular International food magazine, as “Gluten-free Heaven”; "Vegetarian Living"; "Veggie Magazine"; "Lifestyle FOOD"; "Australian Good Food & Travel Guide; "Chickpea";" TML" (The Mediterranean lifestyle), among others.