Opinion

Il Re di Wimbledon è Roger Federer

Written by The Wolf's eye
Roger Federer - The Championships Wimbledon 2017 All rights reserved - Photographer: © Angelo Tonelli (FIT)

Roger Federer – The Championships Wimbledon 2017 All rights reserved – Photographer: © Angelo Tonelli (FIT)

Wimbledon 2017 si preannunciava ricco di partite avvincenti e di numerosi giocatori papabili per la vittoria. Nel mio precedente editoriale ho scritto di un torneo aperto a mille sorprese e outsider, dando sempre come prioritari per la finale i grandi 4 (Federer; Nadal; Murray e Djokovic).
Di fatto, questa edizione di Wimbledon non ha brillato per emozioni particolari né per prestazioni particolari.
I grandi hanno deluso le aspettative come gli outsider (fatta eccezione per Cilic, arrivato in finale).
Chi, ancora una volta, ha confermato il suo immenso talento (se ve ne fosse ancora bisogno) è Roger Federer.
Giunto in finale senza troppa fatica, non ha perso un set, il campione svizzero ha vinto il “suo” torneo per l’ottava volta, a quasi 36 anni.
Ammettiamolo, quanti, pur amando il gioco di Federer, all’inizio del torneo, avrebbero scommesso tutto sulla sua vittoria?
E invece lui è qui a ricordarci che per lui il tennis non è più solo un lavoro gratificante e faticoso ma la sua vita.
Federer ama giocare a tennis e, questo, unito a una condizione fisica ancora ottimale, nonostante l’età e il talento, lo rendono il giocatore da battere nelle superfici a lui più congeniali.
Il Re non abdicherà tanto facilmente e regalerà agli amanti di questo sport ancora tante emozioni.

About the author

The Wolf's eye

Editoriale del direttore