Basket Sport

OriOra Pistoia, parla Blaz Mesicek

Blaz Mesicek © Pistoia Basket 2000
Written by Redazione

Credits: Blaz Mesicek © Pistoia Basket 2000

Arrivato nel corso del restyling invernale, Blaz Mesicek si è guadagnato, dopo aver firmato un contratto di un solo mese, la conferma fino alla fine della stagione, impressionando positivamente fin dalla sua gara d’esordio, a inizio febbraio, contro Milano. Tocca proprio a lui parlare del momento della squadra e di queste sue prime settimane a Pistoia: “Per me essere qui è una grande opportunità -spiega il numero 21 biancorosso- a maggior ragione dopo le difficoltà incontrate a inizio stagione con l’Olimpija. Pistoia è una squadra che dà opportunità ai giovani e sono convinto di poter aiutare il club a raggiungere l’obiettivo della salvezza: non possiamo negare che siamo in una situazione difficile, ma devo dire che noi nuovi ci siamo subito integrati con i reduci della vecchia guardia. Siamo un buon gruppo, andiamo d’accordo anche fuori dal campo e durante la settimana ci alleniamo duramente e in modo costante. Il tempo non è molto, purtroppo, ma stiamo trovando una buona chimica di squadra: dobbiamo rimanere positivi e dare il 100% in questi ultimi due mesi”.
Domenica a Cremona è arrivata la sua miglior prestazione in carriera, a conferma di come, ad appena 21 anni, il suo contributo, anche in termini di atteggiamento, sia paragonabile a quello di un veterano: “La cultura cestistica del mio Paese -afferma Mesicek- è tale per cui quando si va in campo lo si fa solo per dare il massimo e sempre per vincere, indipendentemente dai problemi, dagli avversari e quant’altro. Credo anche che a 21 anni non si sia più giovani, sportivamente parlando: in Slovenia si definisce “giovane” un giocatore di 15 o 16 anni, non certo un 21enne. Ritengo di avere la maturità per prendermi le mie responsabilità e regolarmi di conseguenza”.
Su cosa manca ancora per ottenere quelle vittorie che garantiscano la salvezza, il pensiero di Mesicek è chiaro: “Abbiamo cambiato molto e il tempo per conoscerci bene e lavorare insieme non è stato finora molto. Al di là di questo -afferma però l’ex giocatore di Brindisi- dobbiamo migliorare a livello di concentrazione e continuità, perché anche a Cremona abbiamo avuto dei passaggi a vuoto che non ci possiamo permettere: credere in noi stessi, attenersi al piano partita e soprattutto restare sul pezzo per 40 minuti sono le chiavi se vogliamo raggiungere il nostro obiettivo”.
Francesco Petrucci
Ufficio Stampa
A.S. Pistoia Basket 2000

About the author

Redazione

La Redazione di The Wolf Post