Storie di EVO

1948 Óleum

Written by Veronica Lavenia

Dietro ogni azienda c’è sempre la storia di una scommessa. E dietro ogni scommessa ci sono storie di donne e uomini che costruiscono sogni.

Chi scommette sulla terra e la coltiva secondo i dettami del biologico e della sostenibilità regala un sogno anche a noi consumatori: quella di un futuro migliore per le giovani generazioni.

Chi scommette sulla terra regala anche una certezza a ognuno di noi: quella di portare a tavola prodotti sani e buoni. Un privilegio, oggigiorno.

Nel 2015, María Miró Arias, veterinaria, madre e moglie, scommette su quella terra coltivata per decenni dalla sua famiglia, acquistando, dal padre in pensione, i terreni che, oggi, danno il nome a uno degli olio extra vergine di oliva spagnoli più premiati al mondo: 1948 Oleum.

Maria appartiene alla quarta generazione di olivicoltori di questa azienda familiare nata grazie all’imprenditorialità di Don Evaristo Miró Cordobés, nella prima metà del XX secolo.

Una storia che racconta una Spagna ricca di tradizione nel settore. Fino al 1948, l’olio ottenuto dal frantoio, situato nella Finca Recacha, nella città sivigliana di Lantejuela, veniva commercializzato con il nome di “Herederos de Evaristo Miró”. Il 1948, fu l’ultimo anno in cui l’olio venne commercializzato con quel nome, per questo quando la pronipote Doña María Miró Arias, ha deciso di riprendere l’attività, nella città sivigliana di Écija, ha scelto 1948 come nome dell’azienda accanto alla traduzione in latino di olio, ÓLEUM.

Quando e come è nato 1948 Oleum?

Il nostro progetto nasce nel 2015, quando abbiamo rilevato l’oliveto biologico di famiglia. Siamo la quinta generazione di agricoltori e, sebbene fino a quella data la nostra vita professionale fosse stata diversa, abbiamo sempre mantenuto quelle radici nella terra. Mi chiamo María Miró Arias, e sono un medico veterinario, specializzato nella conservazione delle razze autoctone e nello sviluppo rurale. Con la nascita della mia seconda figlia, conciliare lavoro e famiglia era diventato impossibile per me. Così, ho deciso di prendermi una pausa (a volte, è bene fermarsi e guardare il mondo con occhi diversi). Ma le mie preoccupazioni e il mio ritmo biologico non gestivano molto bene quel vuoto, avevo bisogno di uno scopo, di una nuova sfida. Per questo, la mia famiglia mi ha proposto la gestione dell’azienda agricola ecologica. Mio padre era andato in pensione alcuni anni prima e pensavamo fosse un buon momento per il passaggio generazionale. Così, abbiamo iniziato questa dolce transizione, con innumerevoli momenti insieme, padre e figlia. Molto duro, come tutti gli inizi, ma molto soddisfacente. Fino a quella data la mia famiglia vendeva le olive raccolte a un frantoio biologico, dove si congratulavano con noi, anno dopo anno, per la qualità dell’olio da loro ottenuto. Così, durante la raccolta 2015, scatta la scintilla: suggerisco a mio padre di acquistare da lui una parte del raccolto per commercializzare il nostro olio. Quello stesso pomeriggio, mio ​​marito e socio in affari, Rafael Arevalo ed io, matita in mano, e con le idee che scorrevano a tutta velocità, abbiamo iniziato a creare un nome, un’immagine, un marchio, un progetto che ha permeato la nostra filosofia della vita.

Cosa significa il nome?

Dall’inizio del XX secolo, nella fattoria Recacha, insieme ai miei bis-bisnonni (e, successivamente, bisnonni e nonni) vivevano diverse famiglie che lavoravano per loro. Vi erano bovini (pecore, galline, maiali…), un mulino, un frantoio. Mi piace ascoltare le storie di mio padre, a volte divertenti, a volte aspre e tristi. Era il 1948, quando il frantoio divenne obsoleto e l’olio non fu più prodotto in azienda. Da allora, la mia famiglia ha venduto le olive raccolte ad altri frantoi. Inoltre, nel 1948, nacquero i miei genitori e suoceri, che si preoccuparono di darci un’istruzione e studi ma non ci portarono mai via dal nostro territorio. Ci hanno trasmesso quel rispetto e l’amore per la campagna che, oggi, condividiamo con le nostre figlie. Quell’anno, quindi, per noi è una data importante, rappresenta il fatto di riprendere il legame con l’olio e, inoltre, è un omaggio ai nostri genitori, come ringraziamento per aver instillato in noi l’amore per l’agricoltura. D’altra parte, abbiamo anche voluto ricordare l’importanza dell’olio extra vergine di oliva nella nostra zona per più di 2000 anni, quando il nostro oro liquido era il motore economico e la moneta della nostra città natale, Ecija, battezzata Astigi, in epoca romana. Come curiosità, vale la pena ricordare che il Monte Testaccio a Roma è un colle artificiale ,costruito, in modo ordinato, a base di anfore olearie rotte, per l’80% provenienti dalla provincia Betica. Le iscrizioni scolpite con calamo nell’argilla ancora fresca dell’anfora includono i nomi di Hispalis, Corduba e Astigi in massa. (Siviglia, Córdoba e Écija).

In quale zona della Spagna si trova l’azienda agricola e qual è la caratteristica di questa zona geografica che rende speciale la produzione olivicola?

La nostra fattoria si trova nel sud della Spagna, alla confluenza dei comuni di Lantejuela ed Ecija, nella zona di Recacha, nel cuore della campagna sivigliana, (Andalusia, Spagna). È un territorio fertile, circondato da vaste distese di coltivazioni di cereali, splendidi girasoli e ulivi, mari di ulivi. Il terreno è ricco di sostanze nutritive e con una struttura adatta al nostro clima, afflitto da alte temperature e scarse precipitazioni, ma con notti miti quasi tutto l’anno dove solitamente non ci sono gelate che danneggiano foglie o frutti. Negli ultimi anni, si sono moltiplicati gli oliveti super intensivi, la cui disposizione a siepi ricorda i vigneti, ma restiamo fedeli all’oliveto tradizionale, dove ogni albero ha il suo spazio e le sue radici possono esplorare alla ricerca di acqua e nutrienti senza competere con ciascuno altro e in equilibrio con l’ambiente. L’azienda si trova all’interno di un’area protetta, denominata Red Natura 2000, dove abbondano zone umide e lagune e la cui biodiversità di flora e fauna autoctona e uccelli migratori sono una rivendicazione di ecoturismo e turismo ornitologico.

Quali sono le cultivar presenti in azienda?

Il nostro oliveto biologico dispone di due varietà di ulivi: Arbequina e Picual, che ci forniscono due oli diversi dalle sfumature molto caratteristiche e apprezzati dai palati più esigenti. La varietà Arbequina è originaria del nord della Spagna, della Catalogna. La sua chioma folta e frondosa e il suo buon adattamento a sud, ha fatto proliferare molto le sue piantagioni nella nostra zona. Il nostro olio di oliva Arbequina ha un fruttato verde, dolce e fruttato, aroma gradevole, note sorprendenti di frutti tropicali, banana, mela e frutta secca in bocca. Ideale per grigliate di pesce, macedonie, condimenti leggeri e pasticceria secca. La varietà Picual è originaria dell’Andalusia orientale, nella provincia di Jaén. Sono alberi più snelli, resistenti alla siccità e altamente adattati al nostro clima. Il nostro olio d’oliva di questa varietà offre un ottimo fruttato verde intenso ed equilibrato, lieve amarezza e prurito, profumo di campagna al naso, sfumature di foglia di olivo al palato. La sua esplosione di sapore in bocca lo rende ideale da abbinare a verdure al vapore, insalate verdi, carni alla griglia, condimenti.

Il nostro oliveto e i nostri oli sono certificati biologici dal CAAE (ES-ECO-001-AN Operatore 25339): ogni anno ci sottoponiamo a controlli approfonditi per garantire che non utilizziamo fertilizzanti o trattamenti di sintesi, né applichiamo diserbanti e manteniamo un rispettosa dell’attività agricola con l’ambiente. I nostri EVO sono quindi privi di residui e sono molto apprezzati dai consumatori attenti ad un’alimentazione sana e sostenibile.

Perché 1948 Oleum è speciale?

Nel 1948, l’Oleum prevale per eccellenza, quindi il 100% della nostra produzione è olio extravergine di oliva biologico. Il nostro territorio è il nostro tesoro più grande, per questo cerchiamo di trasmettere la nostra cultura e le nostre radici affinché il consumatore, oltre ad acquisire aromi e sapori premium, si senta attratto anche dalla nostra geografia e dalla nostra storia, creando così un legame emotivo basato su fiducia e autenticità. Fin dall’inizio, siamo stati chiari che 1948 Oleum non è solo olio di oliva, è qualcosa di più. Per questo, ci impegniamo prima di tutto per la qualità. Per questo, rinunciamo alla quantità. Effettuiamo una raccolta anticipata, quando l’oliva è ancora verde, prima della maturazione (toni viola/neri). Così, all’inizio di novembre, l’olio prodotto e conservato in ogni oliva, raggiunge il suo massimo valore, riuscendo così a cogliere tutto il profumo e il sapore della campagna, con le sfumature caratteristiche di ogni varietà. Sebbene sia vero che la raccolta successiva (la campagna di raccolta delle olive in Andalusia dura fino alla fine di marzo), la resa in grassi è maggiore, quindi si otterrebbero più kg di olio, ma con sfumature più mature, meno verdi, di qualità inferiore. Sebbene siano ancora vergini o extravergine (EVO), la maggior parte degli EVO commerciali proviene da un’oliva molto matura, è un peccato che molti consumatori non abbiano mai nemmeno assaggiato un EVO di raccolta anticipata. In questa scelta, troviamo, inoltre, un’altra qualità positiva, il contenuto di antiossidanti naturali. I noti polifenoli, infatti, sono anche in percentuale maggiore, raggiungendo così due obiettivi: Il primo di essi è quello di ottenere un olio con proprietà e qualità benefiche alla salute, poiché molti studi e indagini dimostrano che queste sostanze proteggono da alcune malattie degenerative. Il secondo obiettivo è ritardare il processo di maturità e irrancidimento. L’olio, sia nel serbatoio che nella confezione, è ancora vivo ma, a differenza del vino, purtroppo la qualità dell’olio non migliora nel tempo, si evolve. Nei primi mesi maturano le sue sfumature. Nella varietà Arbequina, ad esempio, un EVO da raccolta precoce che aveva sfumature di banana, ricordava una banana giallo verdastra, tesa e compatta.

Ma, quello stesso EVO confezionato a novembre, quando apri la bottiglia pochi mesi dopo, ti ricorderà un delizioso frutto o banana matura. Per quanto eccellente possa essere, con il passare degli anni, quella preziosa bottiglia scoprirà un olio stantio e sbilanciato. Non viziato, perché l’olio d’oliva non scade, ma sarà solo un ricordo di quello che era. Pertanto, maggiore è il contenuto di polifenoli, più a lungo possiamo godere i il suo sapore fresco. Ad esempio, nel 2019, la nostra varietà Picual conteneva 1443 mg / kg di olio, considerato sano sopra i 250 mg / kg di olio), questo è quasi 6 volte più sano. Tutti questi attributi positivi sono ciò che cerchiamo di far conoscere e diffondere, con l’aiuto di chef come Daniel del Toro o ristoranti emblematici come Maria Castaña, La Tabernita, Ágora o Laurel, dove cucinano piatti tipici Encijan, andalusi e mediterranei con le nostre due varietà di olio extra vergine di oliva biologico. Un piacere per i sensi dei visitatori e dei consumatori locali, che in fondo sono i migliori ambasciatori dell’Oleum 1948, perché sanno che siamo qualcosa di più.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com