Storie di EVO

Museo Istriano dell’olio

Written by Veronica Lavenia

Nel viaggio alla scoperta del mondo dell’olio extravergine d’oliva, i musei dell’olio d’oliva sono una tappa consigliata. Suggeriti anche per gli amanti dell’arte e della cultura, non solo enogastronomica, i musei dell’olio sono un patrimonio da preservare.

Lorena Boljunčić, storica dell’arte e imprenditrice nel settore del turismo, è la fondatrice del Museo Olei Histriae. Situato nel centro di Pola, suggestiva città croata, il Museo è il fiore all’occhiello della città, nato dalla passione di Lorena per la cultura dell’olivo.

©Museum Olei Histriae

Un museo che, sin dalla sua apertura, è stato visitato da numerosi turisti internazionali e che propone un vero e proprio viaggio nel passato alla scoperta di come i romani trasformavano le olive in olio, passando dal Medioevo per arrivare ai giorni nostri con un percorso di degustazione.

Lorena, come è nata la tua passione per il mondo dell’olio e quando hai deciso di creare un museo interamente dedicato all’olio extravergine di oliva?
Ebbene, quindici anni fa pensavo non mi piacesse l’olio d’oliva. A quel tempo, la maggior parte degli oli d’oliva in Istria provenivano da una raccolta tardiva e non amavo l’odore e il sapore. Ma presto, gli alberi che mio padre piantò molti anni fa hanno iniziato a dare frutti e, per la prima volta, ho assaggiato un olio d’oliva fresco. Quella era effettivamente un’epoca in cui alcuni pionieri produttori Istriani iniziarono con metodi di produzione moderni. Affascinata da questo mondo, ho iniziato a studiarlo. Come storico dell’arte, ho anche svolto ricerche sulla storia dell’olivicoltura in Istria, e poi, cinque anni fa, ho deciso di creare uno spazio dedicato. Così, è nato il Museo dell’olio Istriano.

©Museum Olei Histriae

Prima dell’inaugurazione, come hai organizzato la costruzione del museo?
Non è stato facile. Avevamo bisogno di un grande spazio per coprire il museo, i locali di degustazione e il negozio. Abbiamo trovato un posto nel centro di Pula, lo abbiamo ristrutturato e abbiamo iniziato a lavorare. Purtroppo, a causa del Covid 19, lo scorso inverno, abbiamo deciso di trasferirci in un altro luogo, sempre in centro, vicino all’Anfiteatro Romano e lo riapriremo nelle prossime settimane. Il nuovo spazio ha 560 m2 e sarà molto simile a quello vecchio.

©Museum Olei Histriae

Il museo offre diversi spazi. Puoi descrivere brevemente come è strutturato?
La mia idea era di presentare tutti gli aspetti dell’olio extravergine di oliva in Istria. Nel Museo Olei Histriae, c’è una storia interessante sul passato di epoca romana e medievale, nonché sul presente dell’olivicoltura in Istria. Spieghiamo anche cosa è importante per produrre olio d’oliva di alta qualità, cos’è l’analisi chimica o sensoriale, ecc. Ci sono due film originali, uno girato quarant’anni fa dove i nostri visitatori possono vedere come produciamo l’olio d’oliva e il secondo come lo facciamo oggi. Oltre al museo, c’è la degustazione guidata, dove insegniamo ai nostri ospiti come riconoscere la qualità di un olio EVO, e come distinguerla da quelle industriali seguendo gli standard internazionali. È come un corso piccolo e interessante test EVO.
Alla fine, abbiamo un negozio con la più vasta selezione di produttori istriani. Ci sono più di 20 produttori dell’Istria, tutte le varietà di olio Extra vergine d’oliva istriano, diverse miscele e altri prodotti di olio d’oliva come cosmetici naturali ecc.

©Museum Olei Histriae

Come è organizzata la visita al Museo?

Ci sono molte informazioni che, in realtà, sono un’introduzione alla degustazione. Abbiamo audioguide in dodici lingue. Terminata la visita al museo, vi è una degustazione guidata. Alla fine, la visita in negozio per scegliere il tipo di olio preferito.

©Museum Olei Histriae

Quali sono i principali oggetti di valore presenti utili per ricostruire il percorso storico della cultura olearia?
I macchinari sono l’aspetto più interessante. Sostanzialmente, il metodo di produzione dell’olio d’oliva era simile dai tempi dei romani fino a tempi recenti. Nell’Ottocento, ad esempio, c’erano le presse idrauliche, ma la frangitura e l’impasto delle olive era quasi la stessa. Oggi, abbiamo un modo completamente diverso di fare l’olio, ci occupiamo molto dei polifenoli e la raccolta è anticipata. Molti visitatori pensano che ci siano due tipi di olive: verde e nera. Mostriamo loro che ogni oliva è verde all’inizio e il colore cambia con la maturazione dell’oliva.
In epoca romana, abbiamo una mappa molto istruttiva dell’esportazione di olio d’oliva istriano nel I secolo in tutto l’Impero Romano. Ne siamo venuti a conoscenza oggi, analizzando, forme speciali di anfore – Dressel 6B, che sono state realizzate in Istria, e trovate in diversi luoghi in tutta Europa.

©Museum Olei Histriae

Come è organizzata la degustazione?
La degustazione guidata è seguita da una breve presentazione PowerPoint in cui i nostri ospiti osservano un elenco di attributi positivi e negativi dell’olio d’oliva. Li cerchiamo negli oli presentati, confrontando EVO di alta qualità ed EVO a basso costo del supermercato che, di solito, ha difetti di odore e gusto. Nel pacchetto Gold Experience aggiungiamo 5 oli istriani di alta qualità di diverse varietà e finiamo con il dessert, abbiniamo il dolce con l’olio d’oliva.

©Museum Olei Histriae

Quali tipi di olio extravergine di oliva sono disponibili nell’e-shop del museo?
Abbiamo una selezione davvero interessante dei migliori EVO Istriani. Nell’ultimo decennio, i produttori istriani hanno vinto molti premi internazionali e siamo così orgogliosi di promuoverli. Su ogni scaffale esponiamo uno o più premi di ogni produttore da diversi concorsi.

©Museum Olei Histriae

Come sono organizzate le visite in questo periodo?
Prima del Covid 19 lavoravamo tutto l’anno, tranne gennaio e febbraio. Speriamo che, dopo quest’anno, le cose tornino alla normalità e continueremo a lavorare come in precedenza. Nella nuova sede inizieremo a lavorare all’inizio di giugno, quindi tra poche settimane. Poiché lo spazio della Casa dell’olio d’oliva istriano ha più di 560 metri quadrati, possiamo accogliere 60 persone contemporaneamente. Ci prendiamo cura degli standard epidemiologici; parte dei nostri dipendenti è già vaccinata.

Museo Olei Histriae.

info@oleumhistriae.com

Don’t miss:

Alla scoperta del MOOM: Matera olive oil Museum

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Italian based writer and magazine contributor.
Author of six books, some of her works have appeared in the most popular International Food magazines.
Food Connoisseur.
EVOO Communicator. Founder of the EVOO Column at "The Wolf Post".
Writer| Translator| Communication Manager at "The Wolf Post", since the birth of the magazine.

She has always lived in the countryside. She has learned to "get her hands dirty", working and reaping the benefits of the fields, since she was a child. She participated in grape harvests, olive picking and assisted in the subsequent stages of production.
Food & Wine tourism were the family holidays that educated her on the subject.

This site is protected by wp-copyrightpro.com