Storie di EVO

Museo della cultura dell’olio di Baeza

Written by Veronica Lavenia

Negli ultimi decenni l’Andalusia, in particolare Jaén e la sua provincia, hanno investito nella coltivazione degli uliveti. Una produzione di qualità, riconosciuta a livello internazionale, che ha reso questa splendida regione spagnola la capitale mondiale dell’olio Extravergine di oliva.
In un contesto così ricco di storia e tradizione, l’Andalusia non è più solo una regione dedita al turismo costiero e artistico, ma anche un punto di riferimento per gli amanti della cultura dell’olio EVO. Nello specifico, la provincia di Jaén propone una ricca offerta turistica nel settore olivicolo con una serie di eventi e visite guidate, tutti legati alla diffusione di una cultura ricca di tradizione come l’olivo.

Baeza è uno dei luoghi imperdibili per chiunque visiti l’Andalusia. Una città meravigliosa che, con Úbeda, è un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Non solo un ricco patrimonio artistico, risalente all’Umanesimo e al Rinascimento italiano, ma anche una meta per eccellenza per gli amanti della cultura dell’olivo.

Il “Museo della Cultura dell’Olivo” di Baeza è un piccolo gioiello che racchiude la storia, le tradizioni e tutto ciò che ruota intorno alla cultura dell’olio d’oliva.

Sebastián Moreno Cuevas racconta la storia di uno dei più noti musei dell’olio, inserito in un contesto storico e paesaggistico che lo rende uno dei fiori all’occhiello dell’olivicoltura spagnola.

©Museo de la cultura del olivo Baeza

Sebastián, quando è nato il Museo e che storia racconta l’edificio che lo ospita?

Il progetto per la creazione del Museo de la Cultura del Olivo Hacienda la Laguna è nato negli anni ’90 del secolo scorso e infatti l’inaugurazione è stata nel 1997 essendo il primo centro culturale o museo dedicato all’olivo e all’olio d’oliva in Andalusia.
Il museo si trova in uno spazio monumentale e naturale unico, in una vecchia Hacienda del s. XVII che prende il nome da un’area naturale “La Laguna Grande” che è la più grande zona umida della provincia di Jaén e luogo di sosta per migliaia di uccelli migratori.
In un primo momento, era di proprietà dei Gesuiti, per poi passare ai privati e, per tutto il XIX secolo, trasformò il paesaggio con la piantumazione di oltre 100.000 ulivi, irrigati dalla Laguna Grande per mezzo di un acquedotto in mattoni di cui, all’interno del museo stesso, si può vedere una piccola sezione che è stata conservata. La storia di Hacienda la Laguna è anche legata a un ingegnere polacco di nome Bartmansky che fu portato qui nel 1848 dall’allora proprietario Sig. José Manuel Collado. Questo tecnico si occupava della piantagione di ulivi, dell’irrigazione e anche dell’ampliamento della Hacienda con un frantoio, alloggi per i signori, la Cappella e soprattutto la Cantina in pietra e influenzata dall’architettura mitteleuropea, considerata un Bene di Interesse Culturale e uno dei gioielli industriali della s. XIX, infatti è conosciuta come “La Cattedrale dell’Olio”.
Nel XX Secolo, dopo diversi proprietari, la Fattoria divenne sede della Scuola di Ospitalità, punto di riferimento della cucina di Jaén e da dove provengono i migliori chef del momento della provincia. Attualmente, la gestione di questo museo è responsabilità della società Pópulo Servicios Turísticos, pioniera nella provincia nello svolgimento delle attività di Oleoturismo dal 2000.

Come è organizzata la visita al Museo?
Hacienda la Laguna si trova a 8 chilometri da Baeza, nel cuore della Valle del Guadalquivir, in un’enclave unica circondata da milioni di ulivi, molti dei quali hanno più di due secoli.
Nel museo si svolgono molte attività legate al mondo dell’olio d’oliva, come la visita guidata, degustazioni di olio extravergine di oliva, visite agli oliveti per vedere le attività durante tutto l’anno, evidenziando il tempo della raccolta, la visita ai moderni frantoi per vedere il processo di produzione dell’oro liquido, le colazioni dei mugnai o il pranzo di campagna nell’Orto delle Varietà di Olivo, le visite all’Area Naturale per conoscere allo stesso tempo gli ulivi centenari della fattoria, laboratori didattici per scolaresche ed altro ancora.
Basterà contattare lo staff e organizzeremo l’attività à la carte sia per gruppi che per singoli, oltre a congressi, in diverse lingue.

©Museo de la cultura del olivo Baeza

Quali sono i principali oggetti di pregio presenti utili a ricostruire il percorso storico dell’olivicoltura?
L’edificio ha già un valore storico e architettonico unico, con una superficie di circa 5000 mq, suddivisa in diversi spazi molto interessanti che offrono un’evoluzione storica e cronologica della produzione dell’olio d’oliva.
Segnaliamo in primo luogo l’Olivo, con un Giardino di Varietà di ulivi dell’intero bacino del Mediterraneo, 49 alberi di diverse varietà come il turco Aybalik, il greco Koroneiki, il Frantoio italiano, il Picual della nostra provincia, il Arbequina…
Inoltre, abbiamo vecchi mulini che rappresentano sistemi di pressatura dell’antichità, come la Trave di origine romana, rappresentata da una Trave lunga 19 metri, proveniente dal Cortijo el Romeral de Carmona, Siviglia, e che è considerata la più grande in Spagna, datata 1875, o il torchio Torre di Andújar, un altro degli innovativi s. XIX, o la stampa Alhorí di un piccolo mulino a Belméz de la Moraleda nella Sierra Mágina.
In tutto il museo è possibile vedere gli strumenti per le diverse mansioni legate alla coltivazione, dalla potatura, alla raccolta alla svinatura nelle cantine. A corredo di ciò, è spiegata la qualità dell’olio d’oliva, le sue varietà, i suoi benefici per la salute, l’uso a casa e l’uso dei residui di oliva. Utilizziamo anche audiovisivi dove vengono affrontati numerosi temi dal paesaggio al confezionamento del prodotto di cui Jaén è il più alto produttore al mondo.

©Museo de la cultura del olivo Baeza

Come è organizzata la degustazione?
Tutti i giorni vi è la possibilità di degustare oli EVO nella bottega del museo. Per tutti i clienti interessati, previa prenotazione, può essere organizzato un Laboratorio di Iniziazione alla Degustazione di Olio d’Oliva che si svolge nell’antico frantoio del museo e in cui effettuiamo una degustazione organolettica di diverse varietà di oli EVO per valutare le caratteristiche positive (come fruttato, amaro e piccante) ma anche i difetti.

©Museo de la cultura del olivo Baeza

Come sono organizzate le visite in questo periodo?
Attualmente, e tenendo conto delle misure Anti Covid, effettuiamo visite su prenotazione ogni giorno e in diverse lingue. È una delle attività più importanti per conoscere bene la Cultura dell’Olivo.

Senza dubbio, essere accompagnati da una guida specializzata è l’opzione migliore per vedere il prima e il dopo la coltivazione e la produzione dell’olio d’oliva.
Abbiamo guide professionali in spagnolo, inglese, francese e tedesco che non solo presentano il museo ma anche le numerose attività parallele come vedere un frantoio, visitare un allevamento di olive intensivo o tradizionale, fare una degustazione ed altro.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Italian based writer and magazine contributor.
Author of six books, some of her works have appeared in the most popular International Food magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com