Storie (Di)Vino

Scuola di vino di eccellenza: CHANGINS

Written by Veronica Lavenia

In qualsiasi ambito professionale la credibilità si costruisce nel tempo, con le competenze acquisite attraverso lo studio.

La credibilità costruita dall’industria del vino a livello internazionale non si basa solo su importanti investimenti in campo pubblicitario ma anche sui professionisti che lavorano intorno alle cantine. L’enologo e il sommelier sono due figure con competenze diverse e percorsi di studio altrettanto distinti, entrambi, però, contribuiscono a rendere affascinante agli occhi dei consumatori un mondo di grande tradizione.

Anche per questo le scuole specializzate nel settore sono sempre richieste e offrono una ricca offerta formativa. Non solo, propongono anche corsi di formazione per appassionati e sommelier in erba.

CHANGINS è un centro di formazione unico in Svizzera per l’istruzione superiore nel commercio della vite, del vino e dell’arboricoltura. Una scuola del vino aperta anche ai non professionisti con corsi dedicati.

Non c’è formazione senza ricerca e CHANGINS è anche questo e molto altro, come spiega Denise Cugini, responsabile della comunicazione.

©Changins

Quando è nata CHANGINS e quale formazione offre ai futuri professionisti del vino?
Fondata nel 1948, la scuola è ubicata nella sede di Changins dal 1975. CHANGINS è un luogo di formazione unico in Svizzera, centro nazionale di competenza per l’istruzione superiore nel commercio della vite e del vino.
Riunisce tre scuole:
L’Università di Scienze Applicate (HES) in Viticoltura ed Enologia per:
• Laurea triennale HES-SO in viticoltura ed enologia. Settore unico in Svizzera;
• Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Vita HES-SO orientamento viticoltura ed enologia unito al Vinifera EuroMaster.
La scuola superiore:
• Enotecnico dipl. ES per diventare un viticoltore;
• Seguire i corsi per Brevetti e Maestri di vignaiolo, enotecnico o arboricoltore;
La scuola del vino per:
•amatori e professionisti;
• Acquisire il Certificato Federale di Sommelier.

©Changins

Che tipo di corso offre la scuola ad appassionati e futuri sommelier?
Ogni anno, più di sessanta docenti offrono moduli a quasi trecento dilettanti o professionisti. I corsi si svolgono prevalentemente di sera: degustazione, analisi sensoriale, conoscenza dei vini per regioni e vitigni, svizzeri o esteri, tecniche di viticoltura o vinificazione, nonché aspetti legali della vendita dei vini. Senza dimenticare la sezione piaceri e scoperte, che spazia dall’olio d’oliva al whisky, passando per rum e birra
Dal 1999, la scuola del vino propone corsi che uniscono la serietà dell’insegnamento al piacere della degustazione, volti a:
• amanti del vino, dai principianti ai degustatori esperti;
• professionisti nel settore della ristorazione e alberghiero;
• professionisti nella vendita di vini e liquori.
Si tratta di trovare un equilibrio tra insegnamento e condivisione, divertimento e serietà, Romain Cellery, responsabile della scuola del vino.
La scuola consente, inoltre, di seguire corsi di preparazione al Diploma Federale Sommelier-Sommelier.

©Changins

Quali corsi sono tra i più richiesti?
Il modulo introduttivo alla degustazione è uno dei prodotti di punta della scuola del vino e rappresenta il punto di ingresso ideale nel mondo della degustazione. La prima sera, le persone imparano a differenziare i sapori, oltre a descrivere il colore del vino. Poi, si esercitano a riconoscere gli aromi e a commentare il bouquet. Alla fine della quarta sessione, e dopo aver degustato molti vini bianchi, rossi e rosati, sono in grado di dare un commento di degustazione strutturato e preciso. Ogni sessione è composta da un terzo di teoria e due terzi di degustazione.

©Changins

Offrite anche collaborazioni formative con cantine locali?
Abbiamo collaborazioni di insegnamento e ricerca. Molti titolari di aziende sono tra i nostri laureati.

Quanto è importante sostenere la ricerca nel settore vitivinicolo e che tipo di ricerca sostenete?
Questo è fondamentale e CHANGINS ha rivendicato, fin dai suoi inizi, un insegnamento pratico ancorato alla realtà sul terreno. La maggior parte degli insegnanti ha un legame diretto con il settore o perché possiede o lavora in un’azienda vinicola o perché svolge attività di ricerca applicata. I loro progetti o esperienze forniscono loro conoscenze sempre aggiornate che consentono un miglioramento continuo e l’ancoraggio dell’insegnamento nella realtà.
Diversi progetti sono stati recentemente avviati presso l’Università di CHANGINS su temi tanto importanti quanto attuali, come la sostenibilità e la valorizzazione del prodotto.

©Changins

Le ricerche da noi attualment effettuate:
Il progetto DuraPrimVine mira a studiare l’impatto dei composti organici volatili negli oli essenziali sulla vite per combattere le infezioni da peronospora. Se nel suo precedente progetto Markus Rienth e i suoi partner Hepia sono stati in grado di dimostrare un effetto degli oli essenziali sull’infezione da peronospora, questo nuovo progetto consentirà una migliore comprensione di queste potenziali alternative per il trattamento delle malattie fungine della vite.
Con i suoi due progetti, Midibo-2 e PestiDiome, Thierry Heger continua la sua ricerca sul microbioma del suolo. Mentre il primo si concentra sullo studio del microbioma dei suoli agricoli svizzeri, il secondo mira a studiare l’impatto di un biopesticida utilizzato in viticoltura sulle comunità microbiche del suolo.
Lo sviluppo di alternative all’uso degli erbicidi rappresenta una grande sfida per la viticoltura, soprattutto in appezzamenti non facilmente accessibili alla meccanizzazione. Diversi ricercatori dell’Università di CHANGINS stanno lavorando su queste alternative da diversi anni e il loro progetto CV-VigneSol mira a progettare percorsi tecnici innovativi, senza erbicidi, per la copertura del suolo in viticoltura.
Per la lotta alternativa agli insetti, il progetto NoThrips sta sviluppando un approccio biologico innovativo con l’obiettivo di controllare le popolazioni di insetti nocivi. Semplice ed economico, sarà sinonimo di guadagno per i produttori, senza impatto negativo sull’ambiente e senza residui sui prodotti commercializzati.

©Changins

Il progetto A Each His Own Chasselas, finanziato dall’Associazione per la Promozione di Chasselas e OFAG, mira a comprendere meglio i consumatori nei loro rapporti con i vini prodotti da questo vitigno tipicamente svizzero. Attraverso un’analisi qualitativa dell’immagine di Chasselas nella mente dei consumatori svizzeri, una migliore comprensione del rapporto tra il consumatore ei vini di Chasselas consentirà di promuovere al meglio questo prodotto tradizionale delle nostre regioni.
Analisi bacche e mosti:
WinE-Index sta sviluppando un sensore per l’analisi dei polifenoli durante la fase di estrazione. Questo strumento semplice ed economico dovrebbe aiutare il processo decisionale in questa fase cruciale della produzione del vino rosso.
Infine, BIOTOP desidera sviluppare le conoscenze sulle popolazioni di lieviti naturalmente presenti negli acini. L’obiettivo principale di questo progetto è fornire strumenti innovativi per consentire alle aziende vinicole di sfruttare la diversità di microrganismi legati al loro terroir. Maggiori dettagli su https://www.changins.ch/recherche-appliquee-et-developpement/projets/.

I vostri studenti trovano lavoro in aziende vinicole svizzere o all’estero?
Sia in Svizzera che all’estero!

Quanto sono importanti le scuole come la vostra per rafforzare l’immagine del vino non solo in Svizzera ma a livello internazionale?
È fondamentale, i nostri laureati sono i migliori ambasciatori. Esportano know-how in tutto il mondo e contribuiscono così al riconoscimento dei vini svizzeri.


The Wolf Post è gratuito, sempre senza contenuti a pagamento.
È sostenuto da un’Associazione Culturale senza fini di lucro.
Eppure, un tuo contributo sarebbe, tra l’altro, anche segno di gradimento per il nostro lavoro.


About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com