Storie (Di)Vino

Ruta Verde Bolivia

Written by Veronica Lavenia

I vini Boliviani sono una realtà ancora tutta in espansione e da scoprire.
Rispetto a produttori come Argentina e Cile, l’industria vinicola Boliviana ha dimensioni più piccoli. Per questo, la strategia delle aziende bolivane è quella di produrre solo vini di altissima qualità.

L’altitudine è la chiave che rende speciali i vini di questa suggestiva nazione naziona dell’America Merdionale. Quasi tutti i vigneti sono ubicati tra i 1.600 e i 3.000 metri sul livello del mare. I vini d’alta quota della Bolivia hanno un sapore unico. Per merito dell’altitudine più estrema al mondo i vini boliviani hanno una freschezza importante.
I vitigni internazionali piantati in Bolivia includono Muscatel, Cabernet Sauvignon, Syrah, Merlot, Malbec, Tannat, Garnacha, Barbera, Sauvignon Blanc, Riesling, Franc Colombard e Chenin Blanc.
Una terra da conoscere nei suoi vari aspetti al fine di comprendere e apprezzare la cultura vinicola.
Scopriamo di più dalle parole di Maria Eugenia Oliva di Ruta Verde Boliva.

©Ruta Verde Bolivia-Cascada en Los Volcanes

Quando è nata l’Agenzia e di cosa si occupa nello specifico?
Ruta Verde Tours è un’agenzia turistica fondata nel 2006. Originariamente, l’azienda è stata creata da una coppia olandese-boliviana che ha voluto condividere con il resto del mondo i tesori che hanno trovato in Bolivia, un paese affascinante, ricco di biodiversità, sia naturale che culturale.
Ci sforziamo per promuovere la Bolivia nel suo insieme, cioè non solo l’Altiplano, che è l’area più conosciuta, ma anche la zona tropicale amazzonica e le valli, che costituiscono, di fatto, la percentuale maggiore del territorio.
Organizziamo tour per tutti i gusti e interessi: escursioni storico-culturali, escursioni e tour avventurosi nei parchi nazionali; visite nella giungla e osservazione della fauna selvatica; tour in barca sul Lago Titicaca e sui fiumi amazzonici e molto altro. Ci concentriamo su servizi privati ​​e progettiamo viaggi di andata e ritorno su misura per gli interessi e le esigenze del viaggiatore.

©Ruta Verde Bolivia-Bodega Uvairenda

Attraverso quali servizi/attività promuovete la diffusione della cultura vinicola boliviana?

La nostra offerta di servizi turistici nel Paese è ampia e diversificata, quanto la sua geografia, motivo per cui includiamo anche la strada del vino, che promuoviamo attraverso il nostro blog e i social network.
La regione vinicola delle valli di Tarija è un’area solitamente lasciata da parte dai turisti che visitano solo gli altopiani. Questa regione delle alte valli è considerata un segreto locale che merita di essere scoperto da più visitatori. Le attrazioni naturali della zona, le sue pittoresche cittadine, i vigneti, le cantine e gli ottimi vini meritano di essere inseriti nella mappa mondiale dei vini.

©Ruta Verde Bolivia- Ruta Escenica a Samaipata

Quali sono le peculiarità del territorio e dei suoi vini?
La produzione del vino in Bolivia ha una tradizione di oltre quattro secoli, le prime uve Moscatel de Alejandría furono portate dai missionari gesuiti nel XVI secolo. La maggior parte delle cantine di Tarija sono gestite da famiglie che producono vini da diverse generazioni.
Negli ultimi cinquant’anni la produzione ha migliorato la sua qualità e sono state adottate moderne tecnologie ma i vini continuano a essere prodotti su piccola scala, rispetto a noti produttori sudamericani come Cile e Argentina.
I produttori di vino in Bolivia sono consapevoli che è difficile per loro competere in volume, motivo per cui si sono concentrati su un’altra strategia con un obiettivo chiaro: il mercato dei vini di altissima qualità.
Qui, l’industria del vino è piccola ma si producono vini che hanno un sapore unico, molto aromatico. Gli esperti spiegano che a renderli così speciali e unici è l’altitudine alla quale vengono prodotti. La viticoltura boliviana inizia ad altitudini dove si fermano altre cantine nel resto del mondo. Quasi tutti i vigneti si trovano tra i 1.600 ei 3.000 metri sul livello del mare. In alta quota non solo si intensificano gli sbalzi di temperatura tra il giorno e la notte, ma è maggiore l’esposizione delle uve ai raggi UV. Questo, fa sì che le viti creino una pelle più spessa per la protezione. Hanno anche livelli più elevati di resveratrolo (una sostanza chimica che si ritiene agisca contro l’invecchiamento e le malattie cardiache), fino a dieci volte di più rispetto ai vini di altre parti del mondo.
L’azienda vinicola boliviana inizia a ricevere il riconoscimento che merita, nel Paese e all’estero. Diversi vini hanno ricevuto più medaglie d’oro. Un paio di esempi sono: “Juan Cruz” e “Tannat Origen”, entrambi vini tannat di Bodegas ‘Aranjuez’ e “Único” di Bodegas ‘Campos de Solana’.

©Ruta Verde Bolivia- Pueblito en Tarija

Può descrivere brevemente i territori di interesse culturale ed enoturistico che attraversa?
Il punto di partenza è Tarija, conosciuta anche come “l’Andalusia boliviana”, è una città affascinante con un clima molto piacevole e un’atmosfera rilassata lungo le stradine del suo centro coloniale pieno di bei negozi, caffè e imponenti edifici storici. la Casa d’Oro in stile Liberty e il Castello Azzurro, che fu costruito nell’800, come casa di campagna ornata da giardini con piante portate da diverse parti del mondo.
Attraversiamo la pacifica e inebriante Valle de Concepción, che con il suo clima piacevole, è una terra di sole dove sono state installate le più importanti cantine e vigneti della Bolivia. In un tour di tre giorni vengono visitate diverse cantine industriali moderne, una delle quali riconosciuta per il suo impressionante stile architettonico all’avanguardia con la più recente tecnologia enologica e la sua cantina sotterranea in pietra, unica a Tarija. Includiamo anche una visita a una cantina Singanies (brandy distillato). In contrasto, c’è anche una misteriosa azienda vinicola artigianale nella Valle de los Cintis, dove il tempo sembra essersi fermato, in un’antica casa di mattoni che custodisce il segreto dei suoi vini.

©Ruta Verde Bolivia-Bodega La Concepcion

Durante il viaggio, si visitano splendidi paesaggi vitivinicoli per scatti fotografici e altri punti di interesse come: la città di San Lorenzo e il canyon di Angostura, uno stretto naturale che si trova tra formazioni rocciose alla confluenza dei fiumi Guadalquivir e Camacho. Ci sono passeggiate lungo i sentieri di Coimata con i suoi paesaggi di singolare bellezza naturale adornati da cascate e pozze di acque cristalline, fino alle dune di sabbia di Tajzara e le sue lagune abitate dai fenicotteri.
Un’altra esperienza interessante sono le gole del Rujero, uno dei più importanti giacimenti fossiliferi della valle centrale. C’è un “fiore di terra” resti di animali preistorici che abitavano questo luogo circa un milione di anni fa.
I vigneti di Samaipata, più a est del paese, sono visitati come parte di un tour di uno o più giorni in questa città, che è l’ingresso di diverse attrazioni, come la zona meridionale del Parco Nazionale di Amboro e il centro archeologico di “El Fuerte”, monumento archeologico di epoca precolombiana, scolpito in una pietra gigante.

©Ruta Verde Bolivia

Quali sono le principali aree vinicole della Bolivia e che tipo di vini vengono prodotti?

La Bolivia ha tre zone vinicole principali:

1) La Valle Centrale di Tarija, situata nel sud della Bolivia, con le principali e grandi cantine del paese, dove si producono vini, spumanti e liquori in stile mediterraneo, come il famoso e genuinamente boliviano Singani (un brandy aromatico distillato dal vino Moscatel, ottimo nei cocktail).

2) L’antica Valle de Cinti con le sue produzioni artigianali d’epoca, soprattutto per il consumo locale. Qui, il tempo sembra essersi fermato. Le cantine sono in vecchi edifici di mattoni, l’uva viene ancora pigiata con i piedi e il vino viene conservato nelle tradizionali bottiglie da damigiana invece che in acciaio inox.

3) Le valli di Santa Cruz, nei pressi di Samaipata, una delle cittadine più pittoresche della parte orientale della Bolivia, al confine con la regione amazzonica. Un paio di nuove entusiaste ‘boutique’ si sono stabilite in queste valli.

©Ruta Verde Bolivia

Perché scegliere la Strada Verde Boliviana?

Amiamo la Bolivia e apprezziamo l’opportunità di mostrarlo.

I nostri tour vengono effettuati in un servizio completamente privato e con guide bilingue. Ci sforziamo di offrire attenzione e dettagli personalizzati, in modo che i viaggi possano essere adattati agli interessi speciali del visitatore.

Siamo, inoltre, orgogliosi di lavorare con le comunità locali e le guide in tutto il paese per aiutarle a essere coinvolte e quindi a beneficiare dello sviluppo turistico. È la tua opportunità per mostrare con orgoglio la tua cultura, il tuo cibo e i paesaggi naturali in cui vivi.

La nostra strada del vino è una variegata combinazione di attività: visite ai vigneti, con cantine sia moderne che artigianali, deliziose degustazioni di vini (varietale, bivarietale, trivarietale, vini di riserva e collezione di viti d’alta quota) e singani e chuflay (tipico cocktail esotico a base di singani ). Il tutto accompagnato da cucina locale, spettacoli musicali e balli popolari. Tour attraverso pittoreschi villaggi con case di mattoni e città coloniali con edifici storici, oltre a escursioni e passeggiate per godere di attrazioni naturali come cascate, foreste, canyon impressionanti, dune di sabbia e lagune abitate da fenicotteri.

©Ruta Verde Bolivia-Bodega La Concepcion

Ci piace includere la parte esperienziale e di contatto culturale. Ecco perché includiamo anche musical popolari per rilassarsi e finire per ballare godendo del carisma e della gioia della gente di Tarija.

Le valli di Tarija sono belle tutto l’anno, ma consigliamo di visitarle durante il periodo della vendemmia (gennaio-inizio marzo), la stagione si chiude con la festa della vendemmia che si tiene ogni marzo.

Conosciamo la Bolivia e possiamo progettare il miglior itinerario includendo altre attrazioni come il Salar de Uyuni, che è una meta imperdibile in Sud America. Lì, nel mezzo dell’imponente salina più grande del mondo, puoi goderti un tramonto indimenticabile con l’accompagnamento perfetto: un bicchiere di vino boliviano!

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com