Storie (Di)Vino

Importatori di vino: Girasole Imports

Written by Veronica Lavenia

Girasole Imports è un’azienda specializzata nell’importazione di vini italiani negli Stati Uniti. Una storia che racconta alcune delle eccellenze enologiche italiane, accuratamente selezionate da Paula Barbarito Levitt e suo marito Marc E. Levitt. “Sotto il sole italiano” è il mantra che rappresenta Paula e Marc.

Paula Barbarito Levitt, autrice del popolare blog di cibo e viaggi “La Bella Sorella”, ha un solido background italiano nel campo enogastronomico, acquisito visitando ogni angolo d’Italia. La sua doppia cittadinanza (Stati Uniti-Italia) le permette di comprendere meglio i limiti e le opportunità di entrambe le culture, in modo da poter importare negli States la tradizione e l’innovazione dei piccoli e medi produttori di vino italiani. Paula organizza eventi didattici volti anche a far conoscere al consumatore le varietà autoctone italiane. Marc porta in azienda la sua esperienza, maturata nel mondo del business internazionale. La passione e la conoscenza di Marc del vino italiano sono nate da numerosi viaggi di famiglia in Italia nel corso degli anni, alimentando la sua storia d’amore con il popolo italiano, il cibo, la cultura e il vino. Scopriamo di più su questa realtà dalle parole di Paula.

©Girasole Imports

Quando è nata Girasole Imports, quali sono state le difficoltà che avete incontrato all’inizio e quali obiettivi avete raggiunto?

Le difficoltà erano duplici: avviare una nuova attività, con tutte le regolamentazioni esistenti per l’importazione e la vendita di vino in California erano scoraggianti. La seconda difficoltà è stata assicurarsi di procedere lentamente con solide basi, e solo allora la nostra attività è cresciuta passo dopo passo. Ci sono così tante grandi regioni, varietà e produttori in Italia ed è stato difficile iniziare prima con 10 produttori e inserire quei marchi, e poi crescere  fino a 15, poi 20 e arrivare agli attuali 30.

©Girasole Imports

Rispetto agli esordi, come si è evoluta la domanda di vino italiano negli Stati Uniti? C’è una maggiore conoscenza da parte dei vostri clienti dei vini italiani o si affidano esclusivamente alla vostra esperienza?

Siamo cresciuti negli anni, quindi, dalla nostra prospettiva, la domanda di produttori Girasole è aumentata, ma è difficile stabilire se tale domanda sia il risultato di una nuova crescita o di persone che stanno passando ai vini italiani. L’educazione e la formazione del cliente per il personale di enoteca e ristorante è per noi fondamentale in quanto sono i veri venditori dei vini. Collaboriamo con i rivenditori e teniamo degustazioni, eventi virtuali per educare il consumatore finale. Quello che abbiamo visto, attraverso questi sforzi e con il nostro portfolio clienti, è che il consumatore californiano sta diventando più avventuroso nelle sue selezioni italiane. Siamo diventati un nome di fiducia per molti acquirenti e clienti finali. Una selezione Girasole Imports significherà una selezione di cui ti puoi fidare per essere rappresentativa delle persone, del luogo, della famiglia e del vero.

©Girasole Imports

Ci sono vini più richiesti di altri, magari provenienti da specifiche regioni italiane, o vince ancora il buon nome del vino italiano, indipendentemente dall’area geografica?

Brunello, Barolo, Barbaresco, Chianti sono ancora molto diffusi e importanti ma le persone sono ora aperte ad altre regioni come Campania, Marche, Veneto, Liguria, Sicilia e Friuli. La maggior parte dei consumatori californiani considerano i vini italiani con una buona reputazione ma se si avventurano fuori da alcune delle zone più popolari, possono sentirsi sopraffatti. Troppa scelta può creare confusione. È qui che la reputazione dell’importatore può aiutare e l’educazione che forniamo a i nostri clienti (HoReCa) e i clienti finali. In California, a causa della cultura del vino locale, troviamo che i consumatori sono più disposti a sperimentare, il Nebbiolo della Valtellina oi bianchi di Matelica, ad esempio.

Quali fattori influenzano la scelta del consumatore statunitense nell’acquisto di vini italiani?

• Fiducia in chi acquista: enoteca, ristorante, camerieri;

• Qualità;

• Prezzo • In alcuni mercati anche come il vino viene prodotto: vegano, biodinamico, biologico, piccolo produttore, gestito da donne, ecc.

In base a quali criteri qualitativi selezionate le aziende da posizionare nel mercato statunitense?

Il produttore deve condividere la nostra filosofia e abbracciare anche un rapporto personale con Girasole. Naturalmente, devono superare il nostro panel di degustazione di sommelier e clienti top. Infine, assicurarsi che le selezioni possano essere competitive all’interno del mercato. Ci sono molti altri importanti importatori in California e anche se i nostri produttori sono i migliori, molte volte non si può avere il 50% in più di prezzo e aspettarsi di avere un volume di vendita.

Pandemia: come è cambiato il settore dell’export del vino e quali criticità ha evidenziato?

Siamo stati molto fortunati in termini di resistenza alla pandemia e molto di questo ha avuto a che fare con una parola: partnership. Ci teniamo molto alle collaborazioni che abbiamo avuto con i nostri produttori e il nostro cliente HoReCa e che hanno aiutato molto. Avere una base diversificata di clienti al dettaglio e ristoranti è stato positivo poiché solo i ristoranti sono stati colpiti per i primi mesi, ma le vendite al dettaglio sono aumentate in modo significativo poiché le persone stavano a casa e si godevano una bottiglia (o 2!) Abbiamo fatto in modo di non perdere alcun pagamento dei fornitori poiché sappiamo che queste famiglie fanno affidamento sui proventi delle esportazioni, soprattutto durante la pandemia, poiché le vendite dei ristoranti locali si sono prosciugate in Italia. Penso che la pandemia abbia messo in evidenza a molti produttori che se non hai un rapporto premuroso, con il tuo importatore, in tempi di difficoltà, potresti non poter contare su di loro. Siamo stati contattati da alcuni produttori che se ne sono resi conto durante la pandemia mentre cercano un nuovo partner nel mercato statunitense.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Italian based writer and magazine contributor.
Author of six books, some of her works have appeared in the most popular International Food magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com