Storie (Di)Vino

Fernando Almeda: Professione enologo

Written by Piero Pardini

Crediti: © Fernando Almeda Enologo

Fernando Almeda, catalano di nascita e cileno di adozione, è uno degli enologi più rinomati a livello internazionale con una carriera lunga e cosmopolita.
Essendo nato a Barcellona, ​​in Spagna, terra ad alta vocazione vinicola, la passione per il vino è una conseguenza naturale.
Almeda ha diretto i processi di vinificazione a Curicó, in Cile, presso le prestigiose Bodegas Torres fino al 2019. Oggi, è consulente e produce i suoi vini.
Scopriamo di più sulla sua professionalità dalle sue parole.

Come e quando è nata la passione per il vino?
Amo il vino perché mio nonno ha prodotto vino in Cile per 60 anni. Andavo a trovarlo durante le mie vacanze. Ricordo di averlo seguito attraverso la cantina e i vigneti, ascoltando quello che cercava sempre di spiegare. Ricordi meravigliosi.

Quando ha deciso che l’enologo sarebbe diventato la sua professione?
Ho sempre voluto studiare enologia. Negli anni ’80 c’è stata una grande crisi del vino e la mia famiglia mi ha consigliato di studiare altro. Dopo il servizio militare, ho deciso di lasciare la mia casa a Barcellona e sono andato a Madrid per realizzare il mio sogno. Non è stato facile ma alla fine ce l’ho fatta.

© Fernando Almeda Enologo

Quanto è importante per un enologo entrare in empatia con le persone che si prendono cura di quel vigneto e di quelle colline?
Le persone che si occupano di vino e vigneti hanno una sensibilità speciale. Vivere la vita ogni anno tra le vigne arricchisce il tuo spirito. Le condizioni di ogni anno sono state sempre diverse, ma i cambiamenti stanno diventando più estremi. Solo con questa sensibilità è possibile ottenere un buon risultato. Solo le persone che lavorano ogni giorno nelle vigne possono sentirlo e comunicarlo, l’esperienza è l’indizio. Il senso del Terroir non è completo senza le persone che si prendono cura delle viti.

Nell’immaginario collettivo degli appassionati di vino, quindi, non professionisti, il sommelier è la figura più nota all’interno della filiera del “vino” mentre l’enologo lavora “dietro le quinte”. Quanto, secondo la tua esperienza, le due figure (se lo sono) sono in opposizione e quanto, al contrario, sono (se lo sono) complementari?
Il mondo del vino ha diversi e importanti anelli di catena dalla vigna al consumatore finale. Sommelier ed enologi per definizione hanno un rapporto speciale in questa filiera. Hanno bisogno l’uno dell’altro. I sommelier lavorano direttamente con i consumatori e hanno questo rapporto speciale. Possono fornire feedback ai produttori di vino su come viene apprezzato il vino. D’altra parte, i sommelier sono nutriti da vignaioli. Per capirlo e comunicarlo in modo corretto serve come è stato realizzato il vino.

© Fernando Almeda Enologo

L’enologo è anche una figura controversa, acclamata dai più e criticata da altri. Siete accusati di “creare” vini che devono rispettare i canoni delle guide, insomma accontentare tutti. Fantasia o vi è, in alcuni casi, una base di verità?
È una domanda molto controversa e affascinante. La qualità è un’interpretazione soggettiva individuale. Varia a seconda dell’origine, dello stile e del prezzo. È definito da caratteristiche del vino quali equilibrio, lunghezza, intensità, complessità e tipicità. Una buona qualità va a vantaggio dell’immagine e della consapevolezza del marchio, sempre necessarie per scopi commerciali. In termini di sigillo di differenziazione del vino, ci sono diversi stili di lavoro dell’enologo e diverse strategie di cantina. Come consumatore di vino, è importante chiedersi se la qualità e le tariffe siano sempre in linea. Normalmente, è così ma a volte ci sono sorprese. Come per ogni cosa nella vita di oggi, è necessario scegliere con saggezza. L’oro luccica ma non è tutto oro quel che luccica.

Uno dei suoi pregi e difetti, professionalmente parlando.
Ho partecipato a 36 annate durante la mia carriera, a volte nell’emisfero nord e sud, nello stesso anno. Ho prodotto molti stili di vino diversi da molti vitigni diversi, utilizzando tecniche diverse in diverse parti del mondo. Anche se sono orgoglioso di dire che sto ancora imparando ogni anno e cercando nuove sfide, ho la chiarezza sullo stile di vino che voglio creare. L’eleganza è la chiave. Questo è quello che sono oggi.


The Wolf Post è gratuito, sempre senza contenuti a pagamento.
É sostenuto da un’Associazione Culturale.
Eppure, un tuo contributo sarebbe, tra l’altro, anche segno di gradimento per il nostro lavoro.



About the author

Piero Pardini

Founder and editor of "The Wolf Post".
Freelance Journalist.
Wine critic and Sommelier.
He has also written about sports and technology for some specialized magazines.
Co-author of the authorized biography "Gianni Clerici - The writer, the poet the journalist", Le Lettere, Firenze.

This site is protected by wp-copyrightpro.com