Storie (Di)Vino

Gabriela Celeste: Professione enologa

Written by Piero Pardini

Era il 1999, quando Michel Rolland, stella dell’enologia francese, scelse Gabriela Celeste non solo come sua discepola ma anche come socia, fondatrice e direttrice di ENO.ROLLAND, uno dei più quotati laboratori enologici argentini.

Oggi, Gabriela, ingegnere agronomo con specializzazione in viticultura ed enologia, è una delle enologhe più quotate del Sud America e con una esperienza Internazionale tra Francia  e Italia.

© Gabriela Celeste Enologa

Come e quando è nata la passione per il vino?

La mia passione per il vino mi è stata tramandata dai miei genitori sin da quando ero piccola, dato che il vino era sempre sulla tavola della casa di famiglia. I miei genitori ricordano che, quando avevo un anno invece di chiedere acqua, dicevo: “voglio più vino!”.
In seguito, durante gli studi in Scienze Agrarie, mi è piaciuta molto questa trasformazione dell’uva in vino, vedendo come la vigna poteva essere gestita dalla coltivazione e influenzare la qualità della materia prima e poi in cantina quell’uva poteva essere trasformata per dare origine a un prodotto capace di suscitare piacere in chi lo beve.

Quando ha deciso che l’enologia sarebbe diventato la tua professione?

Quando studiavo l’ultimo anno per diventare ingegnere in agronomia, mi piaceva molto l’atmosfera di una cantina: i profumi, la freschezza e la penombra delle cantine, i macchinari ad alta tecnologia, che cominciavano a essere utilizzati sempre di più nella vinificazione; le lavorazioni dalla vendemmia al riempimento delle botti con il vino nuovo; l’arte di miscelare i vini e ottenere qualcosa di sorprendente. Tutto questo, mi ha portato a candidarmi come stagista in una piccola azienda vinicola e, così, ho potuto affermare la mia vocazione di vignaiolo. Poi, con il titolo in mano, ho deciso di cercare lavoro tra le migliori cantine argentine e sono riuscito ad entrare in una di esse.

© Gabriela Celeste Enologa

Quanto è importante per un enologo entrare in empatia con le persone che si prendono cura di quel vigneto e di quelle colline?

È della massima importanza, poiché le persone che si prendono cura della vigna e lavorano con passione, vedono quel lavoro riflesso nei risultati che sono uve di qualità. Ed è questo il punto di partenza per ottenere grandi vini. Senza uve di qualità non esistono grandi vini. Né bisogna dimenticare che i tralci sono esseri viventi e, come tali, possono rispondere agli stimoli e, soprattutto, alle buone cure. Per questo, la nostra missione di vignaioli deve essere quella di trasmettere la passione necessaria per far sì che ognuno degli anelli di questa meravigliosa filiera dia il meglio di sé, come molti di noi fanno.

© Gabriela Celeste Enologa

Nell’immaginario collettivo degli appassionati di vino, quindi, non professionisti, il sommelier è la figura più nota all’interno della filiera del “vino” mentre l’enologo lavora “dietro le quinte”. Quanto, secondo la tua esperienza, le due figure (se lo sono) sono in opposizione e quanto, al contrario, sono (se lo sono) complementari?

Penso che queste due figure, il sommelier e l’enologo, siano sempre complementari. Entrambi, sono partecipanti allo stesso processo ma in fasi diverse. Mentre l’enologo si occupa della trasformazione dell’uva in vino, cioè del processo produttivo (“dietro le quinte”), il sommelier è il contatto diretto con il consumatore, ultimo anello della filiera del processo di commercializzazione. Molte volte, i due ruoli si sovrappongono, poiché il sommelier deve raccontare la storia di quel vino che sta presentando o vendendo e anche l’enologo è chiamato a collaborare alla vendita del vino, trasmettendo le sue esperienze durante l’elaborazione. Inoltre, la formazione di base di entrambi è diversa, mentre l’enologo è formato in scienze, chimica, il sommelier è formato più in quello umanistico e commerciale.

© Gabriela Celeste Enologa

L’enologo è anche una figura controversa, acclamata dai più e criticata da altri. Siete accusati di “creare” vini che devono rispettare i canoni delle guide, insomma accontentare tutti. Fantasia o vi è, in alcuni casi, una base di verità?

Penso metà fantasia e metà verità. L’importante è creare vini che piacciano all’enologo, perché sarebbe difficile fare un vino che non sia di loro gradimento. Lì, tutto il tuo timbro è rivelato e puoi mostrare il tuo stile. Ma è anche vero che, a volte, dalla parte commerciale di un’azienda, arrivano nuove tendenze di mercato e all’enologo viene chiesto di “affinare” i vini seguendo queste tendenze. Questo è normale, perché i vini non sono fatti solo per berli, ma l’oggetto di questa produzione è la vendita di successo del prodotto.
C’è il savoir fair dell’enologo che può creare vini piacevoli per la maggior parte del pubblico senza perdere il loro stile o personalità.

© Gabriela Celeste Enologa

Uno dei suoi pregi e difetti, professionalmente parlando.

È difficile parlare di se stessi ma, credo che alcuni dei miei punti di forza siano l’impegno, la passione e l’onestà sul lavoro. Il mio più grande punto debole è non saper dire “no” e, per questo, molte volte, corro tutto il giorno per cercare di arrivare con tutti gli impegni che mi sono assunta quasi senza accorgermene.

About the author

Piero Pardini

Founder and editor of "The Wolf Post".
Freelance Journalist.
Wine critic and Sommelier.
He has also written about sports and technology for some specialized magazines.
Co-author of the authorized biography "Gianni Clerici - The writer, the poet the journalist", Le Lettere, Firenze.

This site is protected by wp-copyrightpro.com