Storie (Di)Vino

DO Catalunya

Written by Veronica Lavenia

La Denominació d’Origen Catalunya, approvata nel 1999, comprende circa 4.000 ettari di vigneto con un clima mediterraneo.

In questo territorio sono presenti venticinque varietà di uva, tra cui emergono tra l’uva bianca, la garnacha bianca, il gewürztraminer, il macabeo e la malvasía mentre per l’uva nera, il cabernet franc e sauvignon e la garnacha nera.

Molti dei vigneti della Denominació d’Origen Cataluña si trovano intorno a monasteri del Medioevo, come quelli di Montserrat, Santes Creus, Poblet o Sant Pere de Rodes. Questo perché, in molti casi, erano i monaci ad avere i permessi reali per produrre vino.

Scopriamo di più dalle parole di Xavier Pié Dols, Presidente di DO Catalunya.

©DO Catalunya

Da quando è nata la DO Catalunya quali gli obiettivi raggiunti fino a oggi?
DO Catalunya nasce nel 1999 anche se la tradizione vinicola del nostro territorio è più antica della nostra stessa storia. Fenici e Romani introdussero la coltivazione della vite in Catalogna e, da allora, il vino fa parte della nostra vita quotidiana, della nostra dieta, della nostra cultura, della nostra quotidianità e dei nostri momenti di festa.

DO Catalunya è l’erede di questa tradizione. Le cantine che fanno parte della DO sono molto diverse, così come l’orografia e la climatologia dell’intera regione, ma hanno un obiettivo comune: realizzare un vino di qualità. Infatti, la DO Catalunya rappresenta oltre il 50% del vino catalano a Denominazione di Origine, è diventata la Denominazione di Origine che imbottiglia più vino con più di 62,1 milioni di bottiglie vendute annualmente e con un peso molto importante nei mercati di esportazione, che riuniscono più di 100 paesi in tutto il mondo.

Quali sono le caratteristiche del territorio e dei vini?
DO Catalunya si estende nel nord-est della penisola iberica, tra il Mar Mediterraneo ei Pirenei. Raccoglie 42.985 ettari. Zona viticola estesa su 426 comuni della Catalogna, dove la vigna è stata, tradizionalmente, coltivata, diventando un elemento caratteristico e intrinseco dei suoi paesaggi e della sua cultura.

La Catalogna ha condizioni naturali eccezionali: una grande diversità di suoli, microclimi e condizioni orografiche e una posizione geografica che le ha permesso di raggiungere la varietà, la qualità e la continuità del suo potenziale enologico.

Tutti i vini DO Catalunya possono ricercare la massima espressione della materia prima: l’uva, facendo fermentare i mosti in vasche di acciaio inox e sotto stretto controllo della temperatura. Oppure, presentano il caratteristico bouquet del contatto con il legno di rovere che, a sua volta, li arricchisce di complessità.

Per quanto riguarda l’enoturismo, che tipo di proposte e di territori vengono offerti all’utente?
Attualmente, DO Catalunya riunisce la stragrande maggioranza dei comuni vinicoli catalani. In questo senso, l’offerta enoturistica offerta dalla DO è molto ampia, poiché si estende su tutto il territorio catalano. L’utente può sentirsi libero di esplorare le cantine in diverse zone della Catalogna e conoscere la diversità dei territori e dei vini che esistono in tutto il territorio, tenendo sempre presente un elemento comune: sono i vini protetti dalla DO Catalunya, il cui sigillo IT è garanzia di qualità e vicinanza, dove intervengono valori paesaggistici, tradizionali e culturali.

Quali sono gli obiettivi per il prossimo futuro per diffondere sempre più le eccellenze del DO de Catalunya, sia a livello nazionale che internazionale?

L’obiettivo è quello di migliorare gradualmente la qualità dei vini e dei vigneti, promuovendo la ricerca e l’applicazione delle ultime tecnologie, come meccanismo necessario per rispondere ai mercati esigenti di oggi.

©DO Catalunya

Consolidare, creare e innovare sono le linee guida fondamentali che spiegano DO Catalunya: per questo dispone di un’ampia gamma di vitigni autorizzati, in modo che viticoltori e cantine possano produrre i loro vini con flessibilità, creatività e libertà.

La stessa cantina può lavorare con diverse denominazioni di origine, anche se un vino può averne solo una. Infatti, il 90% delle nostre cantine ha vini con altre denominazioni di origine. Anche così, sebbene ci siano DO a livello più locale, DO Catalunya svolge un ruolo fondamentale nel mercato internazionale.

DO Catalunya è la chiave per l’esportazione. È attraente e riconosciuta a livello internazionale perché, essendo la DO più grande, è anche quella che consente più varietà di uva, in modo da offrire agli enologi un quadro di creazione più flessibile, perché è l’unica che consente di fare vini estraendo i migliori provenienti da diverse aree catalane.

©DO Catalunya

Perché i vini DO Catalunya sono speciali?
La DO Catalunya consente la produzione di vini con libertà, creatività e flessibilità, poiché dispone di un’ampia gamma di varietà autorizzate. I viticoltori e le cantine agiscono come agenti creativi, adattandosi facilmente alla domanda dei consumatori.

DO Catalunya ha 36 vitigni autoctoni e internazionali autorizzati che consentono al viticoltore di creare la miscela del suo vino. Si producono rosati e rossi bianchi, crianza, reserva e gran reserva, con una permanenza minima in botte nel caso dei vini rossi, di 6, 12 o 24 mesi, e un periodo di invecchiamento totale rispettivamente di 2, 3 o 5 anni.  Anche spumanti e liquori.

Troveremo tagli insoliti in base alle molteplici opzioni offerte dalla sua vasta gamma di vitigni autorizzati. Le varietà di coltivazione tradizionale della Catalogna sono spesso abbinate alle varietà estere recentemente impiantate nel nostro territorio.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Italian based writer and magazine contributor.
Author of six books, some of her works have appeared in the most popular International Food magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com