Storie (Di)Vino

Strade del vino di Monticello

Written by Veronica Lavenia

Monticello, situato a Charlottesville, in Virginia, era la dimora di Thomas Jefferson (terzo presidente degli Stati Uniti e fondatore dell’Università della Virginia).

Jefferson, affacciandosi dalla sua casa in cima alla montagna, sognava i vigneti circostanti che avrebbero prodotto un vino di così alta qualità da poter rivaleggiare con i migliori vini del Vecchio Mondo. Per realizzare il suo sogno, Jefferson chiese l’aiuto di Filippo Mazzei, medico italiano giramondo, divenuto cittadino onorario della Virginia.
Nel 1733, Mazzei, incuriosito dalla disponibilità di terreno e dalla possibilità di impiantare vigneti e altre colture mediterranee, si trasferì in Virginia, con un gruppo di contadini toscani. A Monticello conobbe Thomas Jefferson, con il quale aveva già corrispondenza. Jefferson lo convinse a restare, rinunciando persino a una parte del suo patrimonio per convincerlo. Questa partnership commerciale portò alla nascita di un primo impianto di un vigneto nella colonia della Virginia. In oltre quarant’anni di permanenza Mazzei ha ricercato il terroir e piantato migliaia di viti nei terreni intorno a Monticello e nelle vicine fattorie. Il lavoro è stato interrotto con l’inizio della rivoluzione americana.

©Monticello Wine Trails-Hark Vineyards

Dopo la Rivoluzione, Jefferson proseguì nel suo sogno che, però, rimase irrealizzato, a causa di varie vicissitudini, tra cui la fillossera.
Solo nel 1835, qualcosa iniziò a cambiare grazie al dottor DN Norton, capace di coltivare un vitigno autoctono, non suscettibile alla fillossera, che avrebbe portato il suo nome, Norton.

I vini Monticello ottennero, così, il loro primo riconoscimento internazionale e Charlottesville divenne nota come la “capitale della cintura vinicola della Virginia”.

©Monticello Wine Trails-Barbousville Vineyards

Da allora la fama di Monticello e della sua tradizione vitivinicola è conosciuta in tutto il mondo ed è sempre stata mantenuta alta anche grazie ad Associazioni come la Strada dei Vini di Monticello.
Costituita da aziende vinicole della zona, tutte entro 25 miglia da Charlottesville, l’Associazione promuove l’eccellenza dei vini Monticello a livello internazionale. Le cantine dell’Associazione accolgono il visitatore (nazionale e internazionale) in un’atmosfera accogliente e bucolica per degustare il proprio vino.

Scopriamo di più dalle parole di Stephen Barnard, enologo di Keswick Vineyards.

©Monticello Wine Trails- Veritas Vineyards

Dalla nascita di Monticello Wine Trail, quali obiettivi avete raggiunto e quali restano da raggiungere?

Penso che possiamo guardare indietro ed essere orgogliosi del miglioramento della qualità dei vini, l’istituzione del MWT come destinazione per le persone che amano il vino e vogliono sperimentare la diversità e la bellezza che il nostro percorso ha da offrire.

Vogliamo continuare a consolidare il MWT come una delle principali aree vinicole produttrici e promuovere ulteriormente i vini ed espandere i nostri confini, il che è importante per il percorso, ma ha anche effetti positivi su altre attività ricettive all’interno dell’area.

©Monticello Wine Trails- Pippin Hill Tasting

Dobbiamo renderci conto che siamo solo amministratori della terra per un breve periodo di tempo e che dobbiamo trasmettere informazioni, proteggere la terra e ispirare le generazioni a entrare in questo business e costruire su ciò che è stato fatto finora.

©Monticello Wine Trails- Afton Mountain Vineyard

Quali sono le peculiarità del territorio e dei suoi vini?

È una domanda difficile a cui rispondere perché non c’è una sola cosa che definisca questo sentiero. Sì, la qualità del vino è alta, ma mi piace il fatto che includa una tale diversità di varietà e stili. I nostri terroir sono così diversi e con il talento che abbiamo nella nostra zona, i vini sono così unici ed espressivi del sito e offrono al consumatore così tante meravigliose opzioni.

©Monticello Wine Trails- Stinson vineyards

Organizziamo la Monticello Cup Wine Competition e prima del gala abbiamo un programma incentrato sul vino di una settimana che include un festival e cene [qualcosa che non siamo stati in grado di fare con la recente ondata di Covid ma speriamo di rifarlo].

©Monticello Wine Trails- Knight’s Gambit

Può descrivere brevemente le aree di interesse culturale ed enoturistico della Strada dei Vini di Monticello?

Il sentiero funge da leva per lo sviluppo economico e da stimolo per le aree. Le persone che visitano il sentiero soggiornano negli hotel e nei B&B locali, mangiano nei ristoranti locali, visitano Charlottesville e frequentano le piccole imprese locali. Una volta innamorati del territorio, dei vini, della cultura, sperano che tornino a casa e ne scrivano, convincano altre persone a visitare la nostra zona così tutti noi lo siamo.

©Monticello Wine Trails-Keswick Vineyards

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com