Storie (Di)Vino

New York Wine & Grape Foundation

Written by Veronica Lavenia

Lo Stato di New York è la terza regione vinicola degli Stati Uniti con un territorio molto variegato che si estende per circa 800 km. Con 11 AVA (l’equivalente dell’IGP europeo), New York è stata storicamente anche il principale vigneto d’America, anche se la sua produzione non è ancora sufficientemente conosciuta dal consumatore medio internazionale.

Ci sono sei principali regioni vinicole nello Stato di New York:

  1. Lago Erie
  2. Scarpata del Niagara
  3. Finger Lakes
  4. Long Island
  5. Valle Champlain
  6. Valle dell’Hudson

La storia della vite in questa zona ha centinaia di anni. Per alcuni anni, l’area è stata dominata esclusivamente da varietà e ibridi nativi americani, e non è stato fino alla fine degli anni ’50 che il dottor Konstantin Frank, di origine ucraina, ha iniziato a sperimentare vinifera europea di alta qualità, in particolare nei Finger Lakes. Il suo successo prefigurava il brillante futuro dei Finger Lakes come regione principale per il Riesling in Nord America.

Oggi, la regione possiede piantagioni di ibridi e Vitis vinifera, con un aumento della produzione di vino pregiato che ha attirato l’attenzione del mondo. Attualmente, la regione ha 420 cantine, con più di 400 stabilite dal 1976.

Gli undici laghi della zona moderano il clima riscaldando o raffreddando (a seconda della stagione) l’atmosfera circostante, rendendo possibile la viticoltura in questa parte dello stato nord occidentale di New York. I due più grandi Finger Lakes, Seneca e Cayuga, non si congelano quasi mai. La regione dei Finger Lakes è unica in quanto ha più in comune con gli AVA del Michigan e dell’Ontario che con altre aree viticole dello stato di New York.

La mission della New York Wine & Grape Foundation, fondata nel 1985, è quella di diffondere la tradizione vitivinicola della regione e aiutare le aziende nella comunicazione, nel marketing e nella ricerca.

Michèle Piron, responsabile per l’Europa della New York Wine & Grape Foundation, ci racconta qualcosa in più su questa incredibile regione vinicola.

©New York Wines and Grapes Foundation-Robert Mazza Inc-Photos Credit to Rima Brindamourww

Dalla nascita della vostra Fondazione, quali obiettivi avete raggiunto e quali restano da raggiungere?

Siamo gli outsider in un’industria di istituzioni del Vecchio Mondo. Abbiamo affrontato le avversità e ci siamo riuniti come famiglia per creare qualcosa dal nulla. Il gioco sta cambiando e ci stiamo guadagnando un posto in testa al gruppo. Invece di seguire secoli di tradizioni, riti o regole, stiamo ridefinendo qualità, gusti ed esperienze.

La storia di New York Wine inizia con le nostre persone, i nostri incredibili produttori di vino, che hanno scelto di piantare le proprie radici a New York, cercando opportunità e investendo nelle loro comunità locali.

©New York Wines and Grapes Foundation-Lieb Cellars-Photos Credit to Rima Brindamour

Quali sono le peculiarità del territorio di New York e dei suoi vini?

Clima fresco e cibo amichevole a causa della loro diversità e freschezza.

Quali servizi/attività utilizzi per promuovere le regioni vinicole di New York?

In tutta Europa promuoviamo attivamente i vini di New York da circa 18 mesi. Abbiamo ospitato una serie di webinar educativi per i membri del settore del vino, dando ai partecipanti l’opportunità di ascoltare direttamente i produttori di vino e, per alcuni partecipanti, provare i loro vini allo stesso tempo. Oltre alla serie di webinar, abbiamo organizzato piccoli eventi mirati per presentare i produttori di vino agli importatori e ai compratori dei diversi paesi.

©New York Wines and Grapes Foundation-Hound’s Tree_Photo by Rima Brindamour

Potrebbe descrivere brevemente le aree di interesse culturale ed enoturistico della New York Wine Region?

I sette principali AVA sono mostrati sulla mappa, come segue: Champlain Valley di New York; i Laghi Finger; Lago Erie; Long Island; la regione del fiume Hudson; Niagara Escarpate e l’Upper Hudson. Ci sono anche AVA più piccoli all’interno della regione dei Finger Lakes (Seneca Lake e Cayuga Lake) e a Long Island (The Hamptons e North Fork di Long Island). Ogni regione ha combinazioni distinte di suolo, topografia e clima che rendono unici i vini regionali.

©New York Wines and Grapes Foundation-Fox Run Vineyards-Photos Credit to Rima Brindamour

Il ruolo unico di New York come una delle regioni vinicole più antiche d’America e un pioniere nella viticoltura ha fornito un’eredità diversificata nei suoi vigneti. Il nostro abbraccio del vecchio mondo, del nuovo mondo e di tutto ciò che sta nel mezzo, rende i vini di New York qualcosa di unico da esplorare. Le varietà autoctone, gli ibridi franco-americani (noti anche come produttori diretti ibridi) e le varietà vinifera svolgono tutti un ruolo nella produzione di una gamma di vini più ampia di quella di qualsiasi altro stato degli Stati Uniti.

©New York Wines and Grapes Foundation-Brotherhood cellars-Photos Credit to Rima Brindamour

Quali sono gli obiettivi fissati per il prossimo futuro per diffondere sempre più le vostre eccellenze sia a livello nazionale che internazionale?

Fare sapere a tutto il mondo che New York è stato tra i primi Stati a coltivare uva e produrre vino, una tradizione secolare che funge da base per la forte crescita di oggi.

La Brotherhood Winery nella regione del fiume Hudson, fondata nel 1839, è la più antica azienda vinicola ininterrottamente operativa della nazione. La Great Western Winery, nata nel 1860 come Hammondsport and Pleasant Valley Wine Company, è diventata la U.S. Bonded Winery No. 1 e ha rapidamente stabilito una reputazione internazionale per i vini spumanti prodotti nei Finger Lakes. Oggi, il marchio Great Western è di proprietà e commercializzato da Constellation Brands e la Pleasant Valley Wine Company è stata ristabilita.

©New York Wines and Grapes Foundation-Boundary Breaks-Photos Credit to Rima Brindamour

E fare sapere a tutto il mondo che, anche se la maggior parte delle aziende vinicole dello Stato sono piccole, New York è uno dei principali produttori di vino americano. Sulla base dei dati del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, New York è il terzo più grande stato produttore di vino, con quasi 28,10 milioni di galloni prodotti nel 2017, pari a circa il 3% della produzione nazionale.

©New York Wines and Grapes Foundation-Brotherhood barrel_front-Photos Credit to Rima Brindamour

Perché i New York Wines sono così speciali?
L’industria vinicola di New York produce più varietà di vini di quasi tutte le regioni vinicole del mondo, offrendo qualcosa per soddisfare ogni gusto e budget. Le varietà native americane, note come vitis labrusca, erano le uniche uve coltivate a New York fino agli anni ’30. Queste varietà resistenti e produttive come Concord (rosso), Catawba (rosa) e Niagara (bianco) si traducono in vini con un pronunciato aroma e sapore di uva che molte persone preferiscono. Le varietà franco-americane, sviluppate principalmente da scienziati francesi circa 100 anni fa, combinano il meglio di entrambi i mondi: le caratteristiche aromatiche dei vini europei e la robustezza delle viti americane. Baco Noir (rosso) e Seyval Blanc (bianco) sono due esempi, insieme alle varietà Noiret, Traminette e Valvin Muscat di sviluppo più recente. Le varietà europee (vitis vinifera) – come Riesling e Merlot – sono le aggiunte più recenti al repertorio viticolo di New York, dovute principalmente alla visione e alla persistenza del defunto Dr. Konstantin Frank. Contraddicendo la saggezza convenzionale secondo cui queste delicate varietà non potevano essere coltivate nei Finger Lakes, il Dr. Frank dimostrò drammaticamente che potevano, e nel processo iniziò la “rivoluzione vinifera”, che si diffuse oltre i Finger Lakes e New York in altri stati orientali.

©New York Wines and Grapes Foundation

I vini di New York di tutti i tipi hanno raggiunto lo status di classe mondiale. La storia di New York Wines è ancora da scrivere. I nostri produttori di vino continuano a possedere una volontà senza paura di aprire nuove strade, cambiare la conversazione, far progredire la nostra scienza e creare tradizioni moderne.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com