Storie (Di)Vino

D.O. Toro

Written by Veronica Lavenia

I vini di Toro (comune spagnolo, appartenente alla Comunità Autonoma di Castilla e León) hanno una storia molto antica, risalente a prima degli insediamenti dei Romani. Nel Medioevo erano così apprezzati da essere commercializzati in paesi e città dove era vietata la vendita di altri vini. Sono stati i primi vini europei  a sbarcare nelle Americhe.

Durante il 19° secolo, grandi quantità furono esportate in Francia per colmare il vuoto lasciato dalla peste della filossera.

Nel 1990, la Junta de Castilla y León (Spagna) è stata coinvolta in un piano di selezione clonale e sanificazione della vite, recuperando e moltiplicando le varietà autoctone della Comunità Autonoma. Tra queste varietà emerge la Tinta de Toro, attualmente certificata come varietà autoctona, con un proprio nome e caratteristiche agronomiche e ampelografiche ben definite. È commercializzato con un’etichetta blu e il numero di clone corrispondente.

L’impegno per la qualità implica il rispetto di rigorosi standard attuali, stabiliti dal Regolamento che regola la Denominazione di Origine Toro.

I vini rossi sono realizzati, principalmente, con la varietà Tinta de Toro, sempre alla ricerca del grado di maturità richiesto per ottenere vini in cui l’equilibrio delle loro componenti si riflette nella notevole qualità dei vini.

L’uva diraspata viene posta in tini, dove fermenta con le bucce per un tempo che dipende dal tipo di vino. In questo modo, i vini giovani vengono lasciati nel tino per periodi più brevi e i vini che devono essere invecchiati in botti di rovere bordolese vengono macerati per periodi più lunghi, ottenendo, così, un’estrazione che, con il passare del tempo, viene addomesticata in botte, e rinforzante la longevità dei vini.

Date le eccezionali condizioni climatiche della zona, la varietà Tinta de Toro matura precocemente. Ciò, consente alle aziende vinicole di produrre anche vini con il sistema della macerazione carbonica. Questi vini profumati, freschi e aromatici vengono commercializzati a partire dal mese di novembre dello stesso anno in cui vengono raccolte le uve.

Felipe Nalda Álvarez Presidente di DO Toro racconta questa splendida realtà.

©Do Toro

Dalla nascita del DO Toro, quali obiettivi avete raggiunto e quali ancora quelli da raggiungere?
Sin dalla nascita del DO Toro, enologi e viticoltori hanno lavorato instancabilmente per far sì che il vino Toro fosse apprezzato. Con il passare del tempo, grande lavoro e impegno, i vini Toro si sono posizionati in cima a tutte le classifiche internazionali, oltre a connettersi con i consumatori in modo che scelgano i vini Toro, rispetto ad altre opzioni. Un altro grande traguardo raggiunto è essere riusciti a vendere 16 milioni di bottiglie nel 2021. La crescita di Toro è stata esponenziale in tutti questi anni e le cifre lo dimostrano. Obiettivi da raggiungere? Continuare a crescere e far conoscere i nostri fantastici vini a un pubblico molto più vasto e conquistare più palati.

©Do Toro

Quali sono le peculiarità del territorio e dei suoi vini?
Toro ha delle peculiarità molto marcate che lo rendono diverso dalle altre Denominazioni di Origine sotto molti aspetti. La nostra grande particolarità è la varietà autoctona che abbiamo e con la quale viene prodotto circa il 90% dei nostri vini, la Tinta de Toro. Un altro di questi può essere il suo clima, temperature estreme che favoriscono lo sviluppo delle uve in modo diverso, oppure i diversi tipi di terreno che conferiscono alle uve peculiarità diverse a seconda del tipo di terreno e della zona in cui viene coltivato e si trova quel determinato vigneto. I nostri vini sono anche particolari, sì, non solo per la loro potenza e sapore, che sono unici, ma anche per il loro meraviglioso e intenso colore caratteristico che Tinta de Toro offre loro.

©Do Toro

Attraverso quali servizi/attività promuovete il vino DO Toro?
Partecipiamo a fiere ed eventi promozionali per far conoscere i vini Toro ai partecipanti. Missioni inverse vengono svolte anche con importatori di altri paesi strategici affinché vengano nella zona di produzione per conoscerla in prima persona e vedere come vengono prodotti i nostri vini. Anche gli articoli su riviste e pubblicazioni specializzate sono uno strumento fondamentale, poiché rappresentano il modo migliore per raggiungere quel pubblico specifico e suscitare il loro interesse per Toro ei suoi vini. Inoltre, spiccano le collaborazioni con diverse degustazioni per professionisti, importatori o studenti che vengono svolte per far conoscere in prima persona i nostri vini.

©Do Toro

Potrebbe descrivere brevemente gli spazi di interesse culturale ed enoturistico di DO Toro?
La ricchezza di DO Toro è incalcolabile. L’offerta enoturistica e culturale che offre è immensa, non solo per la sua ricca gastronomia, con il vino Toro come protagonista principale, ma anche per il suo innumerevole patrimonio storico-artistico che offre ai visitatori un’esperienza indimenticabile da vivere grazie alla Strada del vino Toro.

©Do Toro

Perché i vino DO Toro sono speciali?
Per la grande personalità. Potrebbe essere il riassunto di tutto. I vini Toro sono unici. Ricchi di aromi, sapore e, soprattutto, colore. Le possibilità offerte da Tinta de Toro sono enormi ed è evidente nella grande qualità del vino Toro. I vini Toro non lasciano nessuno indifferente, sono vini dalle grandi potenzialità.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com