Storie (Di)Vino

Museo del vino di Galicia

Written by Veronica Lavenia

Il Museo del vino della Galizia è un museo di proprietà regionale, nato con lo scopo di preservare e divulgare il patrimonio culturale vinicolo della Galizia.

La mostra copre tre piani di un edificio unico, costruito nel 18° secolo come priorato per lo sfruttamento del vino dipendente dal Mosteiro de San Martiño Pinario a Santiago de Compostela e convertito, dopo il disimpegno di Mendizábal, nella canonica di Santo André de Camporredondo.

Scopriamo di più dalle parole del direttore del Museo, José César Llana Rodríguez.

©MUSEO DO VIÑO DE GALICIA

Quando è nato il Museo e quali obiettivi sono stati raggiunti fino ad oggi?
Il Museo del Vino della Galizia è stato creato nel 2019, attraverso il Decreto della Xunta de Galicia 86/2019, del 27 luglio, creando il Museo del Vino della Galizia; inaugurato il 18 luglio dello stesso anno.
A oggi, oltre a contribuire alla conservazione, documentazione, ricerca, esposizione e divulgazione del patrimonio vitivinicolo della Galizia attraverso le sue mostre, ha sviluppato attività educative e informative volte a promuovere la conoscenza dell’industria vinicola della Galizia.

©MUSEO DO VIÑO DE GALICIA

L’edificio ha un importante valore culturale. Puoi parlarci della sua rilevanza storica?
Si tratta di un autentico esempio di “architettura del vino”, poiché fu costruito per ospitare la sede dell’azienda agricola nel Ribeiro del grande monastero Compostelano di San Martín Pinario. Da qui, venivano gestiti gli interessi vitivinicoli di questa antica regione vinicola. Si compone di una cantina, un’area funzionale dove sono ubicati cinque torchi, uno spazio intermedio e nella parte superiore gli alloggi e gli uffici del monaco preposto alla gestione e dei suoi assistenti e personale di servizio. Un ottimo bene architettonico dal design neoclassico, pensato per ospitare e rispondere alle esigenze della grande cantina che ospita.

©MUSEO DO VIÑO DE GALICIA

Come è strutturato il Museo e cosa offre al visitatore?
Il Museo è strutturato su quattro piani che ospitano otto spazi espositivi più la cantina. Al piano superiore si trovano la reception e quattro sale dedicate, rispettivamente, alla creazione di paesaggi vitivinicoli e alla loro evoluzione, al lavoro agricolo della vite e ai mestieri tradizionali associati, ai vini della Galizia con le loro denominazioni di origine e tutela indicazioni geografiche, la quarta allude ai processi sociali, alla lotta contro i parassiti, alla meccanizzazione della viticoltura, al cooperativismo, alle fiere del vino… e al carattere identitario delle regioni produttrici di vino. Il piano intermedio è dedicato alle mostre temporanee, in questo momento l’immagine del vino galiziano è mostrata attraverso le sue etichette e in precedenza era stata esposta una mostra dedicata al vino sul Camino de Santiago. Il piano inferiore consente di visitare le cantine, integrate da campioni di diversi processi di pigiatura, nonché gli strumenti di cuberos e bottai. Questa zona si completa con un tunnel degli aromi del vino che conduce alla cantina. La cantina mostra vasche di diversa capacità e funzione. Tutte le stanze sono dotate di risorse audiovisive e un’Applicazione gratuita.

©MUSEO DO VIÑO DE GALICIA

Quali sono i principali punti di interesse del museo che più attraggono il visitatore?
Le persone che non provengono da terreni vitivinicoli sono, spesso, sorprese dal ciclo agricolo della vite. Altri sono ammirati dalla varietà dei vini galiziani e, in generale, il pubblico in visita gode della magnifica sala con i torchi originali, con il suo canale di lavoro per portare il mosto in cantina per gravità. Inoltre, trovandosi al centro del vigneto, la contemplazione dall’ampio terrazzo del paesaggio che cambia con le stagioni dell’anno, costituisce un altro momento di godimento per chi ci visita.

©MUSEO DO VIÑO DE GALICIA

Perché vale la pena visitare il Museo del vino della Galizia?
Visitando il Museo del Vino della Galizia, il visitatore ha l’esperienza di conoscere, prima di tutto, un edificio unico costruito da e per il vino, che mostra la lunga storia di questa terra nella produzione del vino. Inoltre, chi ci visita impara l’intero processo del “ciclo vino” dal vigneto alla cantina. Allo stesso modo, il visitatore comprende la diversità dei vini galiziani, risultante dall’interazione di suoli, uve, condizioni ambientali. Soprattutto, dalla conoscenza accumulata da generazioni di uomini e donne dediti alla coltivazione della vite e alla produzione del vino.

©MUSEO DO VIÑO DE GALICIA

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International Food magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com