Storie (Di)Vino

Galgo Wines: storia di una passione

Written by Veronica Lavenia

Galgo Wines è un progetto vinicolo nato dall’amicizia tra Ezequiel Sánchez-Mateos, titolare dell’enoteca Reserva y Cata di Madrid e l’enologo Juan Manuel Gonzalvo che punta a produrre vini di diverse origini e varietà.

Ezequiel è responsabile della progettazione del marchio e dell’immagine, Juan Manuel ha il compito di trovare le uve giuste, coordinare la produzione, la stabilizzazione e l’imbottigliamento dei vini.

Un progetto accolto positivamente non solo in Spagna ma anche all’estero dove i vini sono posizionati in alcune delle migliori distribuzioni internazionali.

Ezequiel Sánchez-Mateos ci racconta di più su Galgo Wines.

©Galgo Wines

Quando è nata l’idea di creare un marchio di vini spagnoli e da dove è nata la scelta del nome?

Il nostro quotidiano e stretto contatto con produttori di diverse zone ci ha portato alla fine degli anni ’90 a dedicarci alla nostra produzione vinicola. Nel 2005 abbiamo incrementato questa attività e iniziato a produrre vini con piccole aziende vinicole in tutta la Penisola Iberica con il marchio Galgo Wines.

L’obiettivo principale è produrre vini con un’immagine attraente e un prezzo competitivo con vitigni autoctoni della penisola iberica.

Il nome è un omaggio ai levrieri stilizzati ma potenti e veloci e all’immagine che hanno conservato dalle loro gare tra i vigneti.

Il tuo progetto coinvolge diversi vini, i cui vigneti non si trovano solo in Spagna. Puoi spiegare meglio?

Il nostro motto è “Iberian Terroirs”, motivo per cui abbiamo sempre pensato all’intera penisola iberica come un’area di produzione in cui sviluppare i nostri progetti.

Al momento abbiamo vini di Calatayud, Conca de Barberá, Galizia, La Mancha, Rioja e Sierra de Gredos, tutte aree spagnole, ma voglio tornare al Douro e all’Alentejo per definire i nostri primi vini lì.

Penso che, per il momento, la nostra internazionalità sarà limitata a Spagna e Portogallo.

©Galgo Wines-Ezequiel Sánchez-Mateos Úbeda- Juan Manuel Gonzalvo

Quali sono le difficoltà di questo progetto e quali le soddisfazioni finora raccolte?

Ogni progetto è una strana dicotomia e la difficoltà di lavorare con persone diverse in luoghi diversi implica un enorme arricchimento personale e professionale. La soddisfazione più grande è assorbire tutte le usanze locali e apprendere le peculiarità dei diversi vitigni, tecniche e sistemi di coltivazione. Le difficoltà vengono da sole e, ai problemi intrinseci di ogni progetto, si aggiungono alle sciocchezze e alla follia di alcuni esseri umani con la capacità di impartire sofferenza a molti dei loro coetanei.

Galgo Wines ha varcato i confini nazionali. A parte l’opportunità di acquistare online, in quali paesi sei distribuito?

Negli Stati Uniti e lavoriamo anche in Messico, Svizzera, Polonia, Regno Unito e Giappone.

©Galgo Wines-Juan Manuel Gonzalvo

Obiettivi per il 2022?

Oltre a riattivare un paio di vini in Portogallo, come ho detto prima, abbiamo un progetto molto avanzato a Ribera del Jiloca (Aragona) con vigneti molto vecchi di Garnacha piantati a più di 1.000 metri sul livello del mare.

Stiamo per lanciare una linea di BIB (Bag in Box) da 2,25 litri con vini biologici e vorremmo anche ampliare la rete di distribuzione negli Stati Uniti e in Europa.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com