Storie (Di)Vino

D.O. Tacoronte

Written by Veronica Lavenia

Situata sul versante settentrionale dell’isola di Tenerife (Isole Canarie, Spagna), la regione di Tacoronte-Acentejo ha un’estensione longitudinale di 23 chilometri e una superficie coltivata di 2.422 ettari di vigneti, che rappresentano il 40% della superficie coltivata nell’isola di Tenerife e il 20% della superficie viticola delle Isole Canarie, essendo la zona di vigneti più densamente coltivata nell’arcipelago delle Canarie.

Le piantagioni sono poste su terrazzamenti, su pendii ripidi esposti a nord e rivolti verso il mare. I terreni sono di colore rossastro, ricchi di sostanza organica, con una bassa percentuale di calce e abbondante azoto, fosforo e potassio.

Scopriamo di più dalle parole di María Paz Gil, Direttrice del Consiglio Regolatore Tacoronte-Acentejo.

©D.O. Tacoronte

Dalla nascita del D.O. Tacoronte-Acentejo, quali obiettivi sono stati raggiunti e quali restano da raggiungere?

Tacoronte-Acentejo è la prima denominazione di origine dei vini nell’arcipelago delle Canarie e in quest’anno 2022 festeggia il suo trentesimo anniversario.

In questi tre decenni molte cantine e viticoltori hanno fatto parte di questo Consiglio Regolatore Tacoronte-Acentejo, contribuendo positivamente ad elevare e mantenere il simbolo di qualità e origine che la back label rappresenta nei vini che vengono immessi sul mercato.

Paesaggio, ambiente, storia, economia, cultura e relazioni sociali costituiscono una rete di sinergie positive che consentono alla regione vinicola Tacoronte-Acentejo di essere uno spazio di riferimento unico nelle Isole Canarie per quanto riguarda vini e vigneti.

La notorietà di Tacoronte-Acentejo è palpabile nei diversi mercati, sia locali, regionali o nazionali quando si fa riferimento al settore vinicolo delle Isole Canarie; tuttavia, la strada da percorrere in termini di presenza sui mercati europei è ancora lunga. Questi trent’anni sono serviti per organizzare e sensibilizzare un settore che ha saputo adattarsi alle proposte dei cambiamenti tecnologici alla ricerca di una viticoltura di qualità e di vini eccezionali riconosciuti in molti concorsi nazionali e internazionali. La sfida principale che Tacoronte-Acentejo ha in questo momento, nelle sue viscere – come l’intero settore agricolo in generale – è proprio quella di fermare l’abbandono della coltivazione della vite e realizzare un ricambio generazionale che funzioni i vigneti. Contribuire a rendere la viticoltura attraente ed economicamente efficiente per le nuove generazioni. Il ruolo del viticoltore è essenziale per mantenere la produzione, e con essa il paesaggio, l’ambiente e la storia socioeconomica della regione di Tacoronte-Acentejo.

©D.O. Tacoronte

Quali sono le peculiarità del territorio e dei suoi vini?

Attualmente, la regione vinicola Tacoronte-Acentejo comprende i comuni di Santa Úrsula, La Victoria de Acentejo, La Matanza de Acentejo, El Sauzal, Tacoronte, Tegueste, El Rosario, San Cristóbal de La Laguna e Santa Cruz de Tenerife. Riunisce trentadue cantine e millecento viticoltori che lavorano su una superficie viticola di 760 ettari.

La coltura si trova principalmente nella fascia media della parte settentrionale dell’isola, cioè tra i 300 e i 700 metri di altitudine. Il principale sistema di guida è il semplice traliccio che convive con il noto ma oggi testimonial, sistema tradizionale o a trascinamento. Il lavoro di coltivazione viene svolto per il 90% manualmente; la realtà geografica dell’isola determina una meccanizzazione delle attività viticole solo in quelle aree la cui pendenza lo consente; quindi i vigneti richiedono molte ore di lavoro manuale. La dimensione media del vigneto è di circa 0,2 ettari. Con forti pendenze, la coltivazione della vite è disposta su terrazzamenti ed è caratterizzata dall’influenza di vari microclimi che giustificano la naturale disposizione della coltivazione nelle varie varietà che si insediano sul suolo vulcanico.

I principali vitigni coltivati ​​sono Listán Negro, Listán Blanco de Canarias e Negramoll Negra; e in misura minore, ma anche rilevanti nella produzione di vini, le varietà Castellana Negra, Tintilla, Syrah, Tempranillo, Marmajuelo, Gual, Malvasía e Moscatel de Alejandría. I vitigni, coltivati ​​in libertà ed esenti da fillossera, costituiscono un quadro viticolo unico a livello nazionale.

©D.O. Tacoronte

Attraverso quali servizi/attività promuovete la regione vinicola?

Tacoronte-Acentejo è anche costantemente impegnata nella promozione del suo territorio e dei suoi vini. Oltre ai consueti canali di stampa, radio e cartelloni pubblicitari, c’è il potenziale dei social network e degli influencer con le implicazioni che questo comporta. Inoltre, ogni anno si tengono fiere regionali e nazionali, dove la presentazione dei vini e la possibilità di degustarli implica un approccio sensoriale alla ricchezza varietale della regione di Tacoronte-Acentejo.

La promozione è generalmente globale, si parla di “Tacoronte-Acentejo” come somma di singoli marchi che compongono una vasta regione da scoprire. Ed è che, all’interno di Tacoronte-Acentejo c’è spazio per tutti i tipi di progetti, dai viticoltori con mille metri di vigneto ai viticoltori con, ad esempio, più di dieci ettari di vigneto. Dalle cantine che producono mille bottiglie alle cantine che producono più di centomila bottiglie all’anno. Tacoronte-Acentejo è uno spazio in cui tutti si sommano. Il logo della Denominazione di Origine con la rappresentazione del vulcano Teide, del grappolo d’uva e del sole è una buona sintesi dell’identità di Tacoronte-Acentejo.

Può descrivere brevemente le aree di interesse culturale ed enoturistico della D.O. Tacoronte-Acentejo?

Tacoronte-Acentejo è più di vigneti e vini, poiché forma anche un paesaggio culturale in grado di attrarre diversi settori culturali. Ovviamente, la gastronomia è il principale partner dei vini della regione e per questo ogni anno è protagonista assoluta nelle diverse azioni enoturistiche che vengono proposte, o nelle diverse attività che sono programmate per avvicinare i vini dell’ambiente rurale la città (principalmente all’area metropolitana dell’isola); ma anche eventi artistici come la Biennale d’Arte e Vino Tacoronte-Acentejo La Vinal, dove il mondo dell’arte si fonde con il mondo del vino, concretizzandosi nella pubblicazione di cataloghi artistici e mostre varie (ad oggi hanno partecipato diversi gruppi, come come , pittori, scultori, fotografi, illustratori, fumettisti, gioiellieri e incisori) o i Quaderni di cultura e vino di Vinaletras dove il settore vitivinicolo viene affrontato con approcci diversi, sia dalla letteratura che dalla scienza o arte (disponibili nella sezione sulle pubblicazioni web: www.tacovin.com). Inoltre, il fermo impegno nei diversi appuntamenti con il mondo delle vignette nei loro incontri conosciuti come Entre Viñas y Viñetas da più di un decennio rappresentano un “export” della regione di Tacoronte-Acentejo oltre i suoi confini terrestri, verso spazi prevalentemente culturali.

Concentrandosi sull’enoturismo, Tacoronte-Acentejo partecipa a grandi fiere –generalmente nelle mani di un’amministrazione pubblica superiore– che mostrano l’attrattiva e la ricchezza delle Isole Canarie, ad esempio in fiere come FITUR, Madrid Fusión, San Sebastián Gastronómika, eccetera. In questi eventi, oltre ai vini e ai vitigni, vengono indicati il ​​paesaggio e le possibilità dei territori come fattori di attrazione per la massa turistica. Sono incontri dove l’obiettivo è catturare l’attenzione del cliente attraverso il vivere esperienze che in lui generano anche emozioni; in modo tale che finalmente il cliente apprezzi la destinazione di Tacoronte-Acentejo o le Isole Canarie quando decide di fare un viaggio. Normalmente, si trasmette l’offerta di buona gastronomia, paesaggio, tranquillità e divertimento.

©D.O. Tacoronte

Quali sono gli obiettivi prefissati per diffondere sempre più le sue eccellenze a livello internazionale?

Continua a essere attesa la presenza dei nostri vini nei grandi mercati europei e americani, al di là della presenza testimonial con cui sono attualmente. Tuttavia, la produzione annua limitata di circa un milione di litri è destinata, principalmente, al mercato interno stesso, ovvero alle Isole Canarie.

Sarebbe molto rilevante se i milioni di turisti che visitano le isole ogni anno scegliessero i nostri vini per le loro occasioni di consumo.

Una presenza attiva nei media digitali può aiutare i turisti nazionali o stranieri ad associare l’isola come “isola del vino”, così come sole e sabbia. Ricordiamo che alcuni secoli fa, durante il periodo di espansione dell’economia vinicola insulare, gli arcipelaghi delle Isole Canarie, Madeira e Azzorre erano conosciuti dalle dogane americane come “le isole del vino”. Più vicino, a Londra, nella zona dei Docklands, c’era Canary Wharf, zona portuale dove arrivavano i traffici marittimi con le Isole Canarie, nome che è mantenuto ancora oggi, sebbene ora per altri scopi commerciali. Questo ci dà un’idea della presenza dei nostri vini, tempo fa, all’estero.

©D.O. Tacoronte

Perché i vini D.O. sono così speciali?

La produzione del vino, dalle origini a oggi, continua a essere, prevalentemente, rosso giovane con il Listán Negro come varietà principale. Abbiamo vini che, ogni anno, riescono a piazzarsi nei più importanti medaglieri a livello regionale e nazionale. Sono vini locali, rispettosi dell’ambiente che li vede nascere, vini a Km.0. Oltre ai rossi giovani si producono anche rossi invecchiati in botte, bianchi secchi, bianchi fruttati, rosati e dolci, vini nella loro interezza, capaci di soddisfare i palati più esigenti.

Dietro i diversi vini c’è un enorme lavoro nel vigneto e in cantina. Questo lavoro globale consente di insediare la popolazione nelle aree rurali, proteggendo un paesaggio di vigneti che conferisce carisma ai vini che vi si producono ogni anno.

Il vigneto è presente nel paesaggio della regione da più di cinque secoli (da quando i primi coloni lo portarono dopo la conquista delle Isole Canarie), quindi penso che valga la pena lottare perché rimanga simbolo e immagine della regione.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com