Storie (Di)Vino

A.O.C. Lalande de Pomerol

Written by Veronica Lavenia

La Denominazione AOC Lalande de Pomerol è situata a pochi chilometri da Bordeaux, nella regione di Libournais, separata da Pomerol dal fiume Barbanne, si estende su 1.200 ettari.

Alla fine dell’800 imperversa la terribile crisi della fillossera che distrusse quasi tutti i vigneti della regione. Il sindacato agricolo e vitivinicolo di Lalande de Pomerol, nacque nel 1884, con l’obiettivo di distribuire i fondi di sostegno stanziati ai viticoltori vittime della fillossera che distrusse i vigneti nell’800. Fu una delle prime Denominazioni in Gironda.

Nel tempo, la Denominazione si è fatta promotrice della qualità dei vigneti e del vino della nostra denominazione. Non solo. È anche un organismo di controllo e monitoraggio del rispetto delle condizioni di produzione.

Le radici dei vitigni bordolesi si tuffano negli antichi fondali marini che formavano un immenso altopiano calcareo ed è stato tagliato in tre milioni di anni dai fiumi che vi scorrono ancora oggi.

©AOC Lalande de Pomerol

Questi corsi d’acqua hanno portato con sé una molteplicità di sassi, ciottoli e altri sedimenti di varie dimensioni, formando così i terroir di Bordeaux in generale e la sponda destra in particolare. Portando con sé i minerali della sua terra d’origine (la Dordogna del Massiccio Centrale, la Garonna dei Pirenei, ecc.), e depositando prima i sedimenti più grandi sul suo percorso, ciascuno di questi fiumi è all’origine della superba diversità Vini Bordeaux.

Xavier Piton, presidente AOC racconta storia e caratteristiche di questa Denominazione.

Dalla nascita di AOC Lalande de Pomerol, quali obiettivi sono stati raggiunti e quali restano da raggiungere?

La coltura della vite a Lalande de Pomerol è molto antica (probabilmente, risalente alla conquista romana) e fu particolarmente sviluppata nel Medioevo, dall’Ordine dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme, che vi insediò una Commenda per l’accoglienza dei pellegrini sulla strada per St Jacques de Compstelle.

AOC Lalande de Pomerol- Chenevel

Di secolo in secolo, di generazione in generazione, si sono tramandate il know-how e l’esperienza, nonché la precisa conoscenza del potenziale agronomico dei nostri terreni. È questo saper fare ancestrale e questa tradizione di ospitalità che hanno prodotto i viticoltori di oggi, coloro che producono vini che fanno da tramite tra la storia del terroir e le aspettative degli amanti del vino.

È, quindi, difficile parlare in termini di obiettivi da raggiungere, se non per mantenere questa continuità, ed evidenziare le conquiste del passato, adattandosi alle nuove esigenze, integrando tecniche innovative, preservando il nostro ambiente così prezioso, pur continuando a spiegare questo stretto legame che lega il viticoltore alla sua terra.

©AOC Lalande de Pomerol

Quali sono le peculiarità del territorio e dei suoi vini?

Tra le denominazioni della sponda destra, si è, spesso, convenuto di distinguere due tipi principali di terreno: argilloso-calcareo (principalmente St Emilion, Satellites e Fronsac) e ghiaioso e sabbioso (principalmente Pomerol e Lalande-de-Pomerol). Tuttavia, il peso della storia è stato, spesso, più forte della geologia e le denominazioni sono tutt’altro che omogenee da questo punto di vista. In particolare per Lalande-de-Pomerol abbiamo un susseguirsi di piccole variazioni, da Est a Ovest (da St Emilion alla valle dell’Isola) e da Nord a Sud (da Montagne-St-Emilion alla valle della Barbanne e Pomerol) senza che ci sia un’interruzione improvvisa da una trama all’altra. A ciò, si aggiunga che le tenute sono spesso costituite da diversi appezzamenti discontinua.

Ogni parte ha, quindi, caratteristiche particolari diverse, ed è arte del viticoltore metterle in evidenza per costituire in definitiva la firma del suo vino, necessariamente unico e diverso dal suo vicino. Mi piace evocare il mosaico per illustrare questo: tanti piccoli pezzi di pietre di diversa natura e colore, di diverse dimensioni, ma che sapientemente disposti e associati compongono un quadro armonioso.

Aggiungete a ciò il blend dei nostri diversi vitigni (spesso dominanti Merlot, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, a volte un po’ Malbec). I vini sono, quindi, il più delle volte complessi e lunghi, di buona profondità, combinando aromi fruttati e bouquet (piccoli frutti rossi e neri tipici del Merlot) con note più minerali sul finale. L’eleganza il più delle volte ha la precedenza sul potere.

©AOC Lalande de Pomerol- Moulin Vigne

Attraverso quali servizi/attività promuovete la regione vinicola?

La promozione dei nostri vini è assicurata a diversi livelli: ovviamente collettivamente con gli altri vigneti di Bordeaux attraverso le azioni del Consiglio Interprofessionale dei Vini di Bordeaux (CIVB: associazione di commercianti, intermediari e produttori), il Gran Consiglio dei Vini di Bordeaux (GCVB: associazione delle varie confraternite bacchiche di Bordeaux) e la Federazione dei Grandi Vini di Bordeaux (FGVB: riunisce tutte le associazioni vinicole delle AOC Bordeaux). Grandi eventi come “Bordeaux Fête Le Vin”, accoglienza stampa, campagne di comunicazione sui media…

Poi, a livello regionale all’interno del Groupe Organique St-Emilion-Pomerol-Fronsac (associazione delle denominazioni della Rive Gauche) con viaggi promozionali all’estero.

E, soprattutto, all’interno del Syndicat Viticole de Lalande de Pomerol, di cui ho l’onore di presiedere: organizziamo open day, numerose degustazioni per giornalisti francesi e stranieri, oltre che per professionisti del vino (commercianti di vino, ristoratori), ma siamo al di sopra tutto un supporto all’azione diretta dei nostri produttori, perché abbiamo la fortuna di avere viticoltori molto dinamici a livello commerciale che partecipano a moltissime fiere del vino.

AOC Lalande de Pomerol- Belles Graves

Può descrivere brevemente le aree di interesse culturale ed enoturistico di AOC Lalande de Pomerol?

La nostra piccola denominazione (1100 ettari) ha pochi attori enoturistici che offrono alloggi di charme per scoprire le nostre bellezze paesaggistiche e le nostre tenute, che sono i principali centri di interesse per i nostri visitatori, con la chiesa edificata dagli Ospitalieri (XII sec.) e il suo campanile parete.

La vicinanza al borgo medievale di Saint-Emilion permette di offrire numerose escursioni sia agli amanti delle pietre antiche che ai curiosi degustatori.

AOC Lalande de Pomerol- Chenevel

Perché i vini AOC Lalande de Pomerol sono così speciali?

Non dimentichiamo che la cosa più importante è il contatto diretto con i nostri clienti e visitatori. Rimaniamo attaccati ai nostri valori storici di ospitalità e vicinanza, ci piace ricordare che da noi l’essere ha la precedenza sull’apparenza, un po’ lontano dai “cliché” dei grandi castelli bordolesi o dei Grands Crus Classés. Qui, nessuna classificazione, è il visitatore, il viandante, (il pellegrino!) che farà la propria esperienza e formerà il proprio giudizio con un bicchiere in mano, all’ingresso della cantina o alla fine di un filare, con l’enologo.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com