Storie (Di)Vino

La strada del vino di Ilok

Written by Veronica Lavenia

Ilok, in Croazia, è un luogo ideale per la coltivazione della vite, date le sue straordinarie condizioni pedoclimatiche.
A Ilok, i vigneti sono dislocati nelle colline colline circostanti la città e le cantine sono ubicate in ogni strada, una caratteristica unica nel suo genere. Questa combinazione ha dato vita a una strada del vino davvero speciale.
I vigneti sono facilmente raggiungibili e le cantine visitabili dato che i viticoltori e i proprietari delle cantine hanno aperto le loro porte agli ospiti.

©The Ilok Wine Road

Le vecchie cantine di Ilok (Stari ilocki podrumi), situate nel centro storico medievale, sono una visita obbligata e non solo per gli amanti del vino. Esse furono costruite dai Principi Odescalchi nei secoli XVI e XVII. Oggi sono di proprietà della società Ilocki podrumi.

©Ilok Wine Road- D. Puharic-Ilok aerial view with Danube river and wineyards of Ilok Srijem area on small hills in background

Scopriamo di più in questa intervista con Ivica Miličević, direttore di City of Ilok Tourist Board.

In quale parte della Croazia si trova Ilok?

Ilok si trova nella parte continentale della Croazia, è la località croata più orientale, situata tra la riva del fiume Danubio e le pendici della collina di Fruška Gora. In termini di viticoltura, siamo ufficialmente la regione vinicola di Ilok-Srijem e parte della regione vinicola del Danubio.

©Ilok Wine Road-Ilok_vinarije 028. old cellar _ from 15th century-Ilocki podrumi company

Quali sono le peculiarità del territorio e dei suoi vini?

Tra le straordinarie condizioni pedoclimatiche con tanto sole, e il vino, si erge un uomo: il vignaiolo e operaio, il sirmiano, che tutto l’anno “serve” la sua vigna affinché poi nella sua cantina possa coltivare un prodotto che offrirà ai suoi visitatori con ospitalità.

©Ilok Wine Road-wineyards, apartments, wine bar and restaurant, golf and tennis field, event pavillion Principovac TZ Ilok

La viticoltura e la produzione hanno una tradizione ininterrotta di quasi 1.800 anni nella regione di Ilok. Nel 3° secolo, dopo che l’imperatore romano Probo abolì i divieti in vigore alla viticoltura e alla produzione nelle regioni pannoniche e introdusse nuove varietà, le colline vinicole di Ilok ricevettero un impulso per lo sviluppo.

©Ilok Wine Road-Ilok Wine Road-Winery Papak

I duchi Odescalchi riaffermarono la posizione di Ilok come regione vinicola di qualità. Nel XVII secolo costruirono cantine uniche sotto il castello Odescalchi, piantarono varietà ancora più pregiate come Traminer, Riesling italiano (in Croazia lo chiamiamo Graševina), Chardonnay, Riesling del Reno, Sauvignone, Blaufränkisch, Cabernet S., e altri. Siamo prevalentemente di zona vini bianchi, circa il 60-70% del totale.

Ilok è particolarmente famosa per il suo traminer, servito alla corte inglese in occasione dell’incoronazione della regina Elisabetta II. negli anni ’50. Da allora e ancora oggi Ilok traminer fa parte della carta dei vini reali e dell’enoteca. Per questo, in qualche modo Ilok traminer divenne noto e popolare come vino “reale”.

I legami con la famiglia reale britannica sono costanti, ad esempio per le occasioni di matrimonio del principe William e del principe Harry vi era presente anche il nostro vino, e per la visita ufficiale del principe Carlo in Croazia, la nostra presidente in quel momento Kolinda Grabar Kitarović, gli regalò regalo ufficiale – uno speciale archivio Ilok traminer.

Recentemente, i principi di York sono stati qui, nella vecchia cantina.

©Ilok Wine Road-Ilok Wine Road-Principovac

Attraverso quali attività promuovete la regione?

Principalmente, attraverso attività comuni che fanno parte dell’Ente croato per il turismo, della contea e della politica locale, che includono: comunicazioni con il mercato, pubblicità, fiere, presentazioni ed eventi (dentro e fuori Ilok), web e social media e vino speciale aggiuntivo Di tanto in tanto, pubbliche relazioni con l’Ente per il turismo della contea.

©Ilok Wine Road-Ilok winery Zelenik wine and sparkling (one with the Braile letters for blind people

Può descrivere brevemente le aree di interesse culturale ed enoturistico di  Ilok Wine Road?

Attraente patrimonio, storia, fortezza e mura, la cantina più antica della regione, il castello Odescalchi restaurato, che oggi ospita il Museo della città di Ilok, il moderno Centro di Interpretazione – “Ilok la Porta della Croazia” nell’ex casa padronale , la chiesa e il monastero di San Giovanni da Capestrano (Giovanni da Capestrano), i monumenti ottomani – turbes e hammam…, una vera scoperta per gli amanti dei viaggi.

©The Ilok Wine Road-Ilok vinarije traminer ice harvest

Parte integrante dell’itinerario eno-culturale di Ilok sono le uniche antiche cantine da cui l’aristocratica famiglia Odescalchi imbottigliava il vino in confezioni speciali quasi 200 anni prima di Bordeaux e Borgogna, proteggendo così la propria reputazione dai rivenditori che lo mescolavano con acqua o vino di qualità inferiore.

©The Ilok Wine Road-Ilok vinarije wine restaurant and tourist complex old cellar

Abbinare i piatti con la cucina Srijem nei nostri ristoranti è un’esperienza per buongustai e amanti del vino. Ilok è un piccolo posto, con 26 cantine, le cantine sono quasi in ogni strada e la natura circostante dei vigneti, si può raggiungere velocemente e facilmente ogni luogo. Gli sterminati vigneti alle pendici della Fruška Gora, che scendono verso il Danubio, creano paesaggi memorabili che, insieme alle vedute del centro storico, rimangono come una figura estetica unica nella memoria di ogni visitatore, oltre al gusto, all’olfatto e piacere dei vini Ilok, per i quali molti ritornano.

©The Ilok Wine Road

Qual è l’obiettivo prefissato per il prossimo futuro per diffondere le vostre eccellenze sempre più a livello internazionale?

Inizialmente, utilizzando Traminer di Ilok come uno dei marchi e punti salienti dei vini croati,  miglioramenti nella scelta del vino, presentazioni e promozioni speciali, nuovi tipi di piccoli eventi speciali (ad esempio per i visitatori delle navi da crociera fluviale), adotta l’enoturismo a nicchie come l’escursionismo, il benessere, il turismo lento e la promozione attraverso “Storie del vino Srijem” e “Strada del vino del Danubio” (che è infatti un percorso culturale transnazionale certificato insieme a quello romano)  e miglioramento della destinazione turistica in generale con più branding in cui sorge il famoso fiume Danubio.

©The Ilok Wine Road-St. Vincent Day in Ilok

Perché i vini della regione sono così speciali?

Oltre ai tanti e variegati, freschi, equilibrati, vini potabili in un’area così piccola, il terroir e il miglior Traminer provato in questa parte d’Europa (abbiamo 8 diverse varianti di traminer), è il nostro fattore umano, persone – vignaioli, che sono la chiave dell’unicità di ciò che il visitatore della strada del vino sperimenta in definitiva, perché i vini sono provati da molti riconoscimenti per essere eccellenti, ma i suoi produttori – vignaioli e viticoltori Ilok – gli danno un ulteriore bonus.

©The Ilok Wine Road-Principovac estate and one of the best croatian winegrowing position- author S.Lendler

Alcuni dei famosi viticoltori croati vivono e lavorano in questa parte della Croazia, modesti e laboriosi, rispettano la natura, la vite e il vino.

©The Ilok Wine Road

Nelle cantine ci sono maestri che da generazioni maturano esperienza e conoscenza, e sono dei padroni di casa ospitali per i loro ospiti. Qui il vino è parte integrante dell’identità culturale, parte inseparabile della vita, con esso ti addolori e ti rallegri, non lo bevi, te lo godi. Ilok ei suoi vini hanno sempre incuriosito i visitatori che non si accontentano solo del grande vino, ma cercano anche “quel qualcosa” in più nell’esperienza di una destinazione vinicola.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com