Storie (Di)Vino

Annalisa Zorzettig: vignaioli da cento anni

Written by Veronica Lavenia

Zorzettig produce vino da oltre cento anni. L’azienda è ubicata sulle colline di Spessa di Cividale, terra generosa con un terroir e un microclima unici. L’estensione della proprietà raggiunge, oggi, 115 ettari con una produzione annua media di di 800.000 bottiglie. La Cantina è presente all’estero in Austria e Germania, Asia Stati Uniti, Australia e nord Europa.

© Zorzettig

Annalisa Zorzettig regala qualche ricordo e alcune informazioni sul vino fiore all’occhiello dell’azienda in questa intervista.

© Zorzettig

L’azienda ha una storia lunga cento anni. Cosa ha mantenuto Zorzettig dei valori di un tempo e quali innovazioni ha apportato la sua generazione?

 Una volta la vigna era sacra, perché fonte di sussistenza. Oggi, abbiamo mantenuto, tale sacralità, quasi “un culto”  perché è  biodiversità e qualità.

I tempi cambiano e l’ospitalità, ovvero aprire le porte della cantina per offrire un calice e condividere il nostro lavoro, diventa una delle chiavi per divulgare la nostra produzione, raccontandone la storia. Non solo.

La disponibilità e la serietà nei confronti dei clienti è una valore aggiunto, così come la selezione dei fornitori, partner fondamentali. Con loro abbiamo instaurato un rapporto di fiducia lungo anni.

Infine, una delle innovazioni tipiche della mia generazione è l’aver costruito una squadra unita, al lavoro per lo stesso obiettivo.

© Zorzettig

La cantina si trova sulle colline di Spessa di Cividale, nel cuore dei Colli Orientali del Friuli. In che modo i suoi vini raccontano la storia di un territorio a così alta vocazione vitivinicola?

I vini raccontano un  territorio importante, con caratteristiche ben definite date dalla “ponca” e  dal  microclima di queste colline.

I Vini bianchi longevi possiedono armonia ed eleganza. Equilibrio tra  acidità/sapidità/Mineralità/profumi.

© Zorzettig

Nata in una famiglia di vignaioli da sempre, quale il suo primo ricordo di bambina in vigna o cantina che le è rimasto particolarmente impresso?

Ho ricordi meravigliosi. Un famiglia eravamo (tra fratelli e cugini) in otto bambini. Uno in particolare vede i quattro più grandi, me compresa, distesi sotto le botti di legno a passarci il tubicino di gomma che, sapientemente, mio cugino (il più grande) aveva preparato per bere il Picolit. Ovviamente, siamo stati puniti!  Così, mille altri momenti tra campagna e cantina di divertimento, alternati a regole abbastanza rigide dei nostri genitori.

© Zorzettig

Naturalmente, tutta la vostra produzione è figlia di un lavoro che esprime passione e territorio. Eppure, le chiedo se c’è un vino che per lei, più di altri, è vicino alla sua personalità o a cui è più affezionata.

Oggi, è “i Fiori di Leonie”. Ha il nome della mia nipotina che ama muoversi tra le piante da frutto, in mezzo alle vigne. È l’augurio  per un futuro un po’ meno complicato, più semplice, più naturale e un po’ spensierato

Un uvaggio di:

  • Friulano: la forza , l’integrità, i valori , la tradizione. L’energia che spero di trasmettere a mia nipote.
  • Sauvignon: i profumi, il savoir faire, l’atmosfera, la grinta.
  • Pinot bianco: l’eleganza , la schiettezza, la pulizia.

© Zorzettig

Le sfide future di Zorzettig?

Capire, direi quasi indovinare, qual è il futuro di questo nettare dalla storia  “millenaria”.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com