Storie (Di)Vino

Vini del centro della Loira

Written by Veronica Lavenia

I vigneti del Centro-Loira, collocati su altipiani e pendii risalenti all’era secondaria e  terziaria, sono costituiti da sedimenti calcarei e argillosi, sui quali i viticoltori hanno  impiantato un numero limitato di vitigni di qualità. I tipi principali di suolo, molti dei quali provengono da formazioni diverse, sono quattro:

Formazioni giurassiche:

  1. Il Portlandian: calcare abbastanza duro;
  2. Il Kimmeridgian: calcare tenero e marnoso, a volte conchiglia;
  3. Upper Oxfordian: calcare duro o calcare ghiaioso morbido

Formazioni cretaciche:

  1. Sabbie argillose su ghiaie sabbiose;
  2. Sabbie argillose su argilla pesante, leggermente ghiaiose.

La roccia sedimentaria calcarea di origine marina, ricca di ostriche fossili, costituisce la base dei vigneti del Centro-Loira. Si tratta di terreni profondi, compatti e impermeabili. Qui, la vite sviluppa radici superficiali, che possono renderla sensibile alla siccità. La maturazione è  ritardata se paragonata ad altri tipi di terreno.

Il clima è temperato con tendenza continentale.

I vitigni coltivati sono: Sauvignon Blanc; Pinot Nero; Gamay; Pinot Grigio; Chasselas e Chardonnay.

Il Sauvignon Blanc rappresenta l’80,9% della produzione dei vigneti del Centro-Loira. I suoi grappoli a forma di cono e le bacche compatte racchiudono una polpa soda e croccante con una buccia spessa.

© Vins du centre de la Loire

Il Pinot Nero copre il 16,4% del Centro-Loira ed è il vitigno unico per i vini prodotti a Sancerre, Menetou-Salon e Reuilly.  Viene assemblato con il Gamay per i vini di Coteaux du Giennois e Châteaumeillant. Grappoli piccoli e compatti (a forma di pigna), con acini piccoli di forma ovoidale, buccia sottile di colore blu-nero vellutato.

Il Gamay rappresenta l’1,4% della produzione vinicola del Centro-Loira ed è utilizzato nella produzione di rosati e rossi di Châteaumeillant e Coteaux du Giennois in uvaggio con pinot nero. Una varietà nera con succo bianco, le sue bacche sono ricoperte da uno spesso strato di polvere blu-biancastra e le sue bacche ovali di media grandezza sono leggermente più grandi di quelle del Pinot Nero.

Il Pinot grigio rappresenta lo 0,8% dei vigneti piantati nel Centro-Loira, distribuito solo nelle denominazioni Reuilly e Châteumeillant. I suoi grappoli sono piccoli e gli acini sferici, con polpa molto dolce e profumata. I grani hanno una buccia spessa che può sfumare tra il rosa e il blu polvere. Utilizzato per produrre rosati leggermente colorati, il Pinot Grigio produce vini particolarmente freschi e delicati.

© Vins du centre de la Loire

Lo Chasselas è utilizzato solo a Pouilly-sur-Loire, su 30 ettari di vigneto. È apprezzato, a seconda delle regioni in cui fiorisce, per il suo fruttato, la sua freschezza e la sua delicatezza e può esprimere note sorprendentemente variegate a seconda dei terroir in cui viene coltivato. Qui, questo vitigno dà vini fini e leggeri con aromi delicati di frutta a polpa gialla (pesca, albicocca), fiori bianchi, biancospino, menta, nocciola o anche miele.

Chardonnay, vitigno a bacca bianca della Borgogna, è prodotto ben oltre la sua regione di origine ed è noto a livello mondiale.

Le AOC della regione vitivinicola sono nove:

SANCERRE

La storia della vite a Sancerre è molto antica, risalente ai tempi di Grégoire di Tours del 582, o Plinio il Vecchio nel I secolo. Nel XII, secolo il vigneto ebbe un periodo florido grazie ai monaci agostiniani di Saint-Satur e ai Conti di Sancerre. La produzione di Pinot Nero divenne ben presto noto anche al di fuori della Loira. Impiantato principalmente a Pinot, il vigneto fu distrutto alla fine dell’800 dalla fillossera. Fu ricostruito inserendo il Sauvignon blanc al posto del Pinot.

© Vins du centre de la Loire

Attualmente, i vigneti hanno una superficie di 3.007 ettari, dislocati in 14 comuni del Dipartimento di Cher: Bannay, Bué, Crézancy, Menetou-Ratel, Ménétréol, Montigny, St-Satur, Ste Gemme, Sancerre, Sury en Vaux, Thauvenay, Veaugues, Verdigny, Vinon e le tre  frazioni: Amigny, Chavignol e Maimbray.

Il terroir è costituito da:

  1. 40% Terres blanches: suoli argillosi-calcarei di marne kimmeridgiane.
  2. 45% Caillottes: terreni gessosi, gialli e soffici o bianchi e compatti, da calcare oxfordiano.
  3. 15% Terreni argillosi-silicei: costituiti da conglomerati selciferi, argillosi e silicei.

© Vins du centre de la Loire

POUILLY-FUMÉ & POUILLY-SUR-LOIRE

Situato tra Berry e Borgogna, il vigneto Pouilly si estende su sette comuni e quasi 1379 ettari.

Le prime viti apparvero in epoca gallo-romana, nel V secolo. Nel XII, secolo i monaci agostiniani e benedettini ebbero un ruolo cruciale nello sviluppo dei vigneti e della loro popolarità. Nel 1642, l’apertura del canale Briare consentirà ai vini di Poilly di farsi conoscere in buona parte della Francia e anche in Inghilterra. All’inizio del ‘900 il vigneto conobbe un nuovo impulso, dopo la crisi dovuta alla fillossera in particolare grazie alla delimitazione della zona di produzione nel 1929. I vini di Pouilly riacquistarono pregio quando, nel 1937 Pouilly-Fumé e Pouilly-sur – oire ottenne la Denominazione d’Origine Controllata.

I vigneti si estendono su una superficie di 1.379 ha per Pouilly-Fumé: e 25 ha per Pouilly sur Loire, dislocati nella regione: Borgogna, dipartimento di Nièvre, nei sette comuni di: Garchy, Mesves sur Loire, Pouilly sur Loire, St-Andelain, St Laurent l’Abbaye, St Martin sur Nohain e Tracy/Loire.

Il terroir è costituito da:

  1. Calcari di Villiers: depositi sedimentari calcarei che delimitano la parte orientale del vigneto (localmente chiamati “caillottes”).
  2. Marne con piccole ostriche: terreni argillosi-calcarei che ricoprono gran parte del vigneto (localmente detti “terreni bianchi”).
  3. Calcare Barrois: ciottoli calcarei generalmente più grandi di quelli del calcare di Villiers (caillottes). Si trovano all’estremità occidentale dell’area AOC.
  4. Argilla con selce: argilla e selce che occupano le sommità del poggio di Saint-Andelain, Saint Laurent e le pendici di Tracy.

MENETOU-SALON

Situato alla periferia di Bourges, tra il Pays Fort Sancerrois e lo Champagne Berrichonne, il vigneto Menetou-Salon si estende lungo 10 comuni su circa 627 ettari e ha ottenuto la Denominazione d’Origine Controllata nel 1959.

I primi documenti scritti che attestano la presenza della vite in zona risalgono agli anni 1063, 1097 e 1100.

La vigna si estende su 627 ettari, nel Dipartimento di Cher lungo i comuni: Menetou-Salon, Aubinges, Morogues, Parassy, ​​​​Pigny, Quantilly, Saint-Céols, Soulangis, Vignoux-sous-les-Aix, Humbligny

Il vigneto Menetou-Salon è piantato su sedimenti calcarei.

© Vins du centre de la Loire

QUINCY

Riconosciuta come la prima Appellation d’Origine Contrôlée nella Valle della Loira nel 1936, Quincy copre ora quasi 332 ettari distribuiti su due comuni: Quincy e Brinay.

La storia del vigneto Quincy, particolarmente forte nel Centro-Loira, ha duemila anni. Chiamato all’epoca Quincacius, il villaggio sarebbe originariamente una tenuta di un certo Quinzio. Citato nella bolla di Calliste II del 1120 e poi menzionato in una donazione fatta in epoca merovingia nel VII secolo, il Quincy è uno dei vigneti più antichi della regione.

La vigna si estende su una superficie di 332 ettari.

Il terroir è costituito da:

  1. Sabbio-ghiaiosi su formazioni argillose;
  2. Sabbioso su formazioni di sabbia rossa;
  3. Sabbio-limoso su sabbie argillose o su argille più o meno sabbiose.

© Vins du centre de la Loire

REUILLY

Esteso su una superficie di 288 ettari, lungo i sei comuni di, Reuilly, Diou, Lury-sur-Arnon, Chéry, Lazenay, Preuilly, Reuilly è radicato nella storia dei vini del Centro-Loira. Secondo quanto narra la leggenda, nel VII secolo il re Dagoberto offrì i suoi campi, vigneti e prati ai monaci dell’abbazia reale di Saint Denis vicino a Parigi. Da lì, la fortuna della zona i cui vini, al tempo, arrivavano fino in Inghilterra.

Reuilly ottenne la Denominazione d’Origine Controllata nel 1937 per i vini bianchi. Nel 1961 per i vini rossi e rosati.

Il terroir è costituito da:

  1. Versanti marnosi calcarei con pendenza media;
  2. Terrazzi di ghiaia e sabbia.

COTEAUX DU GIENNOIS

Tra la Nièvre e il Loiret, le colline del Giennois si estendono per quasi 50 km, sulla sponda settentrionale della Loira, tra Gien e Cosne-sur-Loire.

Le abbazie create nella regione e contribuirono all’ampliamento del vigneto locale.

Dal 1998, ottenendo la Denominazione di Origine Controllata, i Coteaux du Giennois si sono sviluppati grazie a una nuova generazione di viticoltori che hanno fatto importanti investimenti nelle vigne e nelle cantine.

Il vigneto si estende su 179 ettari, nelle regioni Centro-Valle della Loira, Borgogna-Franca Contea, dipartimenti Nièvre e Loiret, lungo 14 comuni: Beaulieu, Bonny, Gien, Briare, Ousson, Neuvy, Saint-Loup, Thou, Alligny, La Celle sur Loire, Cosne-sur-Loire, Myennes, Pougny, Saint Père

Il terroir è costituito da:

  • Suoli silicei-Calcare sulle colline della Loira.

© Vins du centre de la Loire

CHÂTEAUMEILLANT

L’origine del vigneto risale al V secolo, citato da Grégoire de Tours già nel 582.

Nei secoli, la reputazione di Châteaumeillant si afferma grazie al gris”, un vino ottenuto dalla pigiatura immediata di uve Gamay. Le qualità di questi vini sono riconosciute nel 1965 da un decreto che consacrerà il vigneto VDQS: vino delimitato di qualità superiore. Il vigneto ha ottenuto la Denominazione d’Origine Controllata nel 2010.

La vigna si estende su una superficie di 61 ettari, nel Dipartimento Cher e Indre, lungo i Comuni di : Châteaumeillant, Saint Maur, Vesdun, Champillet, Feusilles, Néret e Urciers.

Il terroir è costituito da:

  • Suoli di origine vulcanica, prevalentemente sabbiosi e sabbioso-argillosi.

CÔTES DE LA CHARITE

A partire dal Medioevo, il vigneto si sviluppò sotto l’impulso dei grandi monasteri benedettini di La Charité-sur-Loire e Bourras. La produzione venne esportata nel nord della Francia e in Europa. La fama e  la prosperità continuarono fino al 19° secolo quando il vigneto raggiunse una superficie di 1300 ha fino all’arrivo della crisi della fillossera. Nel 1986, la zona ottenne la denominazione di Vin de Pays des Coteaux Charitois fino al 2011, quando è diventata, come la conosciamo oggi, Indicazione Geografica Protetta (IGP) Côtes de La Charité.

La vigna si estende su una superficie di 45 ettari, nella regione di Borgogna, Dipartimento: Nièvre, lungo i Comuni: La Celle-sur-Nièvre, Nannay, Chasnay, Chaulgnes, Parigny-les-Vaux e La Charité-sur-Loire.

Il terroir è costituito da:

  • Grandi faglie Nord/Sud e giochi di erosione.

© Vins du centre de la Loire

COTEAUX DE TANNAY

Nel 19° secolo furono piantati più di 3.000 ettari e le entrate del vino rappresentavano più della metà di quanto guadagnava la popolazione.

Dal 1875, la fillossera attaccò il vigneto. Il reimpianto delle viti americane  fu un insuccesso. Alla fine degli anni ’80 del Novecento, il vigneto inizia la sua rinascita, sancita, nel 2011, dal riconoscimento IGP.

Il vigneto ha una superficie di 21 ettari, nella regione di Borgogna, Dipartimento di Nièvre, lungo 56 comuni. La vite è piantata tra i 150 ei 250 m di altitudine.

© Vins du centre de la Loire

Il terroir è costituito da:

  1. “Terreni piccoli”, ricchi di ciottoli ed elementi grossolani, molto drenanti;
  2. Suoli color ocra, ricchi di argille;
  3. Suoli chiari, di struttura fine, chiamati localmente “blanchees”.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com