Storie di EVO

Marco Ramos: la mia vita tra gli uliveti VACINATA

Written by Veronica Lavenia

Marco Ramos è un imprenditore olivicolo di ultima generazione. Un giovane con alle spalle gli insegnamenti di genitori che hanno investito sull’agricoltura decenni addietro, acquistando terrenni dismessi nella generosa terra Portoghese.

L’inserimento in azienda avviene dopo altre esperienze lavorative, fino a quando il desiderio di raccogliere l’eredità di famiglia spinge Marco a entrare, definitivamente, nel mondo dell’olio Extra vergine di oliva. Una realtà che egli ben conosce fin dall’infanzia, avendone appreso le enormi potenzialità e le altrettante sfide, soprattutto in un’poca di cambiamento climatico come quella attuale.
Eppure, Marco sa che è proprio dal mondo olivicolo che può partire il movimento per uma agricoltura sempre più sostenibile, nel rispetto di un ambiente che è la nostra casa.

Vacinata, l’azienda di Marco Ramos e famiglia, produce olio Extra Vergine di altissima qualità ed è nota al di fuori dei confini nazionali per le sue due eccellenti varietà: Terras Senhoriais e Val D’Ama.

Marco Ramos racconta la sua vita tra gli uliveti di famiglia e le nuove scommesse per il futuro della sua azienda i questa intervista.

©Vacinata

Il tuo primo ricordo nell’uliveto di famiglia?

Quando ero bambino, non producevamo olio d’oliva per la vendita ma per consumo personale. A quel tempo, vivevamo in Francia e il Portogallo era la nostra destinazione per le vacanze, come tornare alle origini ogni anno. Di conseguenza, non ho trascorso molto tempo negli uliveti. Tuttavia, sapevo che quando sarebbero arrivate le vacanze di Natale, ci sarebbe stato del tempo trascorso al frantoio. L’importante era vestirsi bene perché l’inverno è piuttosto freddo a Cótimos e avremmo aspettato molto tempo per il nostro turno. Ma, nei tradizionali frantoi d’oliva, c’è sempre un camino dove le persone si riuniscono e condividono le loro esperienze. È il momento perfetto per condividere una “chouriça” (una salsiccia portoghese che di solito si griglia sul fuoco) e delle castagne. Ricordo che era sempre una specie di avventura perché sapevamo quando saremmo arrivati ​​ma mai quando saremmo partiti. Ma l’attesa ne è valsa la pena: è stata l’occasione per affrontare l’intero processo e l’odore dell’olio d’oliva era permanente e ovunque. Più di ogni altra cosa, l’odore è ciò che mi è rimasto nella memoria da allora.

© Azeite Vacinata

Hai saputo, fin dal principio che avresti seguito le orme dei tuoi genitori, o pensavi di fare un’altra professione nella vita?

Non era nei miei piani seguire le orme dei miei genitori, principalmente perché al momento della decisione per il mio futuro, la produzione di olio d’oliva era ancora una specie di hobby. In realtà, ho iniziato una carriera nel Mobile Marketing a Parigi, carriera che poi ho abbandonato. Perché se c’è una cosa che posso dire con certezza è che quando l’idea di avviare questa attività è venuta in mente ai miei genitori, stavano cercando dei partner: mi ci sono buttato senza nemmeno pensarci.

© Azeite Vacinata

Certamente vivere ogni giorno l’esperienza di un uliveto aiuta a imparare il mestiere ben prima di chi ha solo studiato e dopo si avvicina alla campagna. Eppure, tu hai sentito il bisogno di formarti anche attraverso gli studi o l’esempio di chi è arrivato prima di te ti è bastato?

L’esperienza della campagna e gli studi sono complementari. Ci sono alcune cose che non puoi imparare nei libri, ed è anche vero il contrario. Non puoi stare con una sola delle parti: ciò che è sicuramente interessante negli studi è che ottieni connessioni e crei legami per collaborare, e alcune conoscenze innovative che ti aiuteranno a modernizzare i campi e il modo di lavorare. Ad esempio, la tradizione dice che devi sempre arare la terra in modo che non ci siano erbacce. Ora sappiamo che alcune erbacce possono portare benefici agli ulivi: menti e abitudini cambiano grazie agli studi scientifici. Quindi, se sei abbastanza curioso, ottieni alcune conoscenze inestimabili che solo l’esperienza sul campo non può portarti.

© Azeite Vacinata

Quali difficoltà incontra oggi, in questo preciso momento storico, un imprenditore agricolo e quali vantaggi, al contrario, possono nascere da una epoca storica in cui, l’olio Extra Vergine di oliva artigianale è sempre più considerato un elisir di lunga vita?

Più che mai, stiamo affrontando alcuni cambiamenti ambientali che stanno avendo un forte impatto sull’economia agricola. Non possiamo lavorare come una volta: le stagioni sono variabili, le temperature stanno impazzendo e alcune risorse naturali iniziano a scarseggiare. Credo si possa dire che, poiché abbiamo avuto l'”epoca d’oro” con la prosperità economica del dopoguerra, abbiamo appena lasciato l’epoca d’oro dell’agricoltura. Ora, il gioco è cambiato e sopravviverà chi si adatterà e innoverà. Inoltre, dobbiamo essere molto consapevoli delle novità e di ciò che sta accadendo nel mondo e non solo nel nostro paese: le nostre economie sono globalizzate, qualsiasi cosa ovunque può avere un impatto su di noi. Lo sentiamo anche quando dobbiamo acquistare più etichette per le nostre bottiglie: mancano colla, carta, colori… Quando i nostri fornitori trovano una soluzione, c’è sempre qualcosa che viene fuori. Dobbiamo fare un passo avanti per non sorprenderci.
Di conseguenza, poiché vediamo che anche un’economia globalizzata e industrializzata può portare molti problemi, torniamo, finalmente, ai nostri campi, alla tradizione e all’artigianato. Quando, alcuni anni fa, cercavamo di ottenere tutto in modo rapido e piacevole, oggi cerchiamo l’autenticità. Credo che l’olio EVO sia un ottimo fiore all’occhiello di questa tendenza: un’agricoltura millenaria, completamente naturale e con incredibili benefici per il nostro corpo che le persone cercano sempre di più. La dieta mediterranea non è una novità e siamo tutti d’accordo sui suoi benefici, quindi siamo felici di vederne le persone consapevoli, sapendo che l’olio EVO è uno dei suoi ingredienti principali.

©Azeite Vacinata

Cosa ami del Portogallo, in particolare della zona dove sorgono i vostri oliveti, e quale è il valore aggiunto dell’olio Extra vergine di oliva Portoghese e, in particolare di Vacinata?

Dal mio punto di vista, il Portogallo è un paese piccolo ma con una storia e una cultura enormi. All’inizio, c’era Enrico, conte del Portogallo. Egli ricevette questa contea dal re Alfonso VI di León e Castiglia. Enrico fu il padre di colui che divenne, anni dopo, Alfonso I, primo re del Portogallo. Il Portogallo ha ottenuto la sua indipendenza ed è diventato quello che è oggi attraversando la Reconquista, graffiando le terre, battaglia dopo battaglia, vittoria dopo vittoria. Ecco perché possiamo ancora trovare molti castelli in giro per il paese, e soprattutto nell’entroterra che è molto più rurale del resto. Puoi vedere questi mostri di pietra che dominano le piccole città o villaggi. Trancoso, capoluogo della nostra provincia ne è un perfetto esempio, conserva ancora il suo bastione che racchiude la città vecchia. La presenza di queste costruzioni nella nostra location è uno dei motivi per cui amo il nostro terroir, così come la gastronomia, non delle migliori, ma allettante e generosa.
L’olio extravergine di oliva fa parte della gastronomia nazionale, Vacinata di quella locale. I nostri uliveti crescono in mezzo a montagne di granito, castagneti, pini, mandorli e querce. I risultati di questa situazione geografica sono oli d’oliva con spiccate punture, anche Val d’Dama (quella matura), e aromi unici. I nostri oli EVO raccolgono le quattro varietà principali della regione attraverso una miscela naturale che crea la sua personalità unica.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com