Vino & Altre Storie

Oregon regione del vino

Written by Veronica Lavenia

L’Oregon ha una tale varietà di microclimi e tipi di suolo da rendere speciali  le sue uve e i suoi vini. La storia vitivinicola di questo Stato inizia nel 1847 quando Henderson Luelling e la sua famiglia portano diverse dozzine di varietà di piantagioni di frutta dall’Iowa al territorio dell’Oregon, comprese le prime piantagioni di uva dell’Oregon.

Nel 1852, Peter Britt, un immigrato svizzero, fonda la prima azienda vinicola del nord-ovest, Valley View, a Jacksonville. Britt è il primo di una serie di immigrati che trovano nell’Oregon un territorio fertile e generoso per la vinificazione.

Nel 1889, l’immigrato tedesco Adam Doerner, con esperienza nella vinificazione, pianta l’uva nella sua fattoria situata nella zona di Melrose della Umpqua Valley, tra cui Zinfandel, Riesling e una varietà di Sauvignon. Oggi, il vigneto rimane  ancora in famiglia, curato da Christina Doerner, agricoltrice di quinta generazione.

Per i vignaioli dell’Oregon i riconoscimenti a livello internazionale non tardano ad arrivare. Nel 1904, l’enologo Ernest Reuter vince l’argento per il suo Riesling alla Fiera mondiale di St. Louis del 1904, il primo premio assegnato a un enologo dell’Oregon.

Dopo il lungo periodo del proibizionismo e la siccità, nel 1961, Richard Sommer lancia l’era moderna della viticoltura dell’Oregon, piantando Riesling, Gewürztraminer, Chardonnay, Semillon, Sauvignon blanc, Cabernet Sauvignon, Pinot noir, Malbec e Zinfandel nel suo vigneto HillCrest nella Umpqua Valley . HillCrest è la più antica azienda vinicola dell’Oregon.

Nel 1964, lo scrittore enogastronomico, nativo di Portland, James Beard, colloca l’Oregon sulla mappa culinaria con la pubblicazione del suo libro di memorie, Delights & Prejudices: A Memoir with Recipes.

Nel 1967, Richard Sommer raccoglie il suo “primo raccolto importante”, ottenendo 6.000 litri di succo. Decide di lasciare il suo lavoro per produrre vino a tempo pieno e imbottiglia la prima annata di Pinot nero dell’Oregon.

L’Oregon inizia a essere meta di un “pellegrinaggio” vitivinicolo internazionale. Nel 1969, Dick e Nancy Ponzi arrivano in Oregon e piantano il loro primo vigneto di 20 acri. Nello stesso anno, Jim e Loie Maresh  piantano viti nell’ormai famoso vigneto Maresh Red Hills.

Nel 1970,Susan Sokol Blosser e Bill Blosser acquistano un frutteto di prugne abbandonato a Dundee per piantare viti Lo stesso fanno, un anno dopo, David e Ginny Adelsheim e altri imprenditori agricoli.

Nel 1973, i pionieri del vino Bill Fuller e Bill Malkmus, fondano “Tualatin Estate Vineyard”, uno dei vigneti più antichi e rispettati della Willamette Valley dell’Oregon. Tualatin è l’unico vigneto ad aver vinto il Best of Show sia per i vini rossi che per i bianchi al London International Wine Competition nello stesso anno, e l’unica azienda vinicola dell’Oregon a conquistare il Governor’s Trophy, il premio enologico più prestigioso dell’Oregon, per due anni consecutivi ( 1994-1995).

Gli Anni Settanta del Novecento rappresentano una decade importante che dà alla geografia del vino dell’Oregon una identità definita e sempre più di valore.

Nel 1980, David Adelsheim, Dick Erath e David Lett chiedono al dipartimento statale dell’agricoltura di istituire una commissione per il vino. Ha luogo la conferenza inaugurale di Steamboat, tenutosi nella Umpqua Valley. Un evento senza precedenti dove i viticoltori condividono tecniche, degustazioni e critiche.

Nel 1983, viene fondata la Willamette Valley AVA, che diventa la prima AVA dell’Oregon. Un anno dopo sorgono le AVA di Umpqua Valley, Columbia Valley e Walla Walla Valley.

Nel 1985, durante una degustazione all’International Wine Center di New York, un gruppo di eno-esperti non riesce a distinguere i Pinot neri dell’Oregon dai Burgundi che costano più del doppio. Scelgono gli Oregon Wines come i loro primi tre preferiti.

Nel 1988, Véronique Drouhin, nata e istruita in Borgogna, produce la sua prima annata di vino della Willamette Valley per la nuova etichetta Domaine Drouhin Oregon. L’investimento dell’azienda di famiglia di Véronique, Maison Joseph Drouhin, nel vigneto di Dayton e in una nuova cantina, pone sotto i riflettori internazionali l’Oregon. Nel frattempo, una cantina dell’Oregon viene installata nella villa del governatore.

©Oregon Wine Region

Nel 1991, viene fondata la Rogue Valley AVA.

Le prime varietà iberiche vengono piantate nel 1995, a opera di Earl e Hilda Jones i qualo piantano le viti di Tempranillo nel nord-ovest del Pacifico, presso l’azienda vinicola Abacela a Roseburg. Le loro varietà iberiche continuano a ottenere riconoscimenti internazionali.

Nel 1999, l’azienda vinicola Cooper Mountain Vineyards a Beaverton è la prima nello stato a ottenere lo status di biodinamica certificata Demeter.

Nel 2000, viene fondata l’Applegate Valley AVA.

Nel 2004, vengono istituiti gli AVA di Columbia Gorge e Southern Oregon. Nella Willamette Valley vengono stabiliti gli AVA di Dundee Hills e Yamhill-Carlton.

Nel 2005, vengono istituiti gli AVA McMinnville e Ribbon Ridge nella Willamette Valley e l’AVA della contea di Red Hill Douglas nella Umpqua Valley. A quel tempo, Ribbon Ridge era l’AVA più piccolo d’America.

Un anno dopo vengono istituiti gli AVA di Chehalem Mountains e Eola-Amity Hills.

Nel 2007, viene istituita la Snake River Valley AVA attraverso il confine tra Oregon e Idaho.

©Oregon Wine Region

Nel 2009, quattordici aziende vinicole, che rappresentano circa il 20 percento della produzione di vino dell’Oregon, uniscono le forze con l’Oregon Environmental Council per dare il inizio alla Carbon Neutral Challenge, il primo programma di riduzione del carbonio dell’industria vinicola negli Stati Uniti. I pannelli solari iniziano a spuntare in tutto il paese del vino.

Willamette Valley Vineyards co-fonda quello che si dice sia il primo programma di riciclaggio del sughero al mondo, intitolato Cork ReHarvest.

Nel 2013, Elkton Oregon è diventato il più recente AVA dello stato. Il nuovo Elkton Oregon AVA è interamente contenuto all’interno dell’Umpqua Valley AVA, che è interamente all’interno dell’Oregon meridionale AVA. L’Oregon ha un totale di 17 AVA.

L’era moderna della vinificazione dell’Oregon ha recentemente superato la soglia del mezzo secolo, ed è solo negli ultimi due decenni che la crescita del settore ha subito un’accelerazione. I viticoltori e i viticoltori dell’Oregon hanno compiuto quasi miracoli in un tempo molto breve.

Nel 2016, La Willamette Valley AVA espande il suo confine meridionale a circa cinque miglia a sud, includendo in particolare i vigneti di King Estate.

©Oregon Wine Region-Dancin-Vineyards-scaled- Rogue Valley

Nel 2022, la Willamette Valley AVA è diventata solo la seconda regione vinicola americana a ricevere lo status di indicazione geografica protetta (IGP) nell’Unione europea. Il sistema IGP protegge i nomi iconici di prodotti agricoli, bevande spiritose e vini con un legame con la loro origine geografica, compresi prodotti noti come Champagne e Barolo. Solo due regioni vinicole americane, la Napa Valley e ora la Willamette Valley, portano questa distinzione

Oggi, l’Oregon ospita 995 aziende vinicole e 1.370 vigneti insieme che lavorano poco meno di 40.000 acri piantati (16.000 ha). Mount Pisgah, contea di Polk, Oregon, il 23° AVA dello stato, viene istituito ufficialmente.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Writer, book author and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer and Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com