(Di)Vino Amore Food&Wine

Vin Santo del Chianti Classico Riserva 2010 – I Sodi

Vin Santo del Chianti Classico Riserva 2010 - I Sodi
Written by Wine Tasting Team

Credits: © I Sodi

Il podere I Sodi viene acquistato nel 1973 dalla famiglia Casini.
Ivo, il padre dei tre fratelli Giancarlo, Danilo e Franco attuali proprietari, nativo del vicino paese di Monti e profondo conoscitore della zona e di tutte le sue peculiarità, da tempo meditava l’acquisto de I Sodi che era di proprietà della Curia Arcivescovile di Arezzo e che si trovava disabitato ormai da diversi anni. La sua volontà, insieme a quella dei figli, di produrre direttamente vino di pregio oltre al commercio dello stesso che si tramandava già dalla generazione precedente, fu l’impulso decisivo che consentì finalmente la definizione dell’acquisto e l’inizio dei lavori.
La scelta del luogo si rivelò infatti ottima grazie alla perfetta esposizione al sole che bacia tutte le vigne dall’alba sino al tramonto, i pendii dolci che non creano zone svantaggiate e la presenza di un ideale microclima dove il riparo delle colline sul versante di nordest si contrappone al dolce digradare delle stesse verso sudovest annullando praticamente il rischio di gelate tardive e creando al tempo stesso il giusto sbalzo termico nottegiorno tanto utile per una corretta maturazione delle uve.
Il terreno è composto da un ottimo scheletro sassoso abbinato ad una diffusa presenza di piccole vene di acqua poco profonde che anche nei periodi più siccitosi riescono egregiamente ad alleviare in modo significativo lo stress da calore.
I lavori iniziarono con l’impianto nell’arco di quattro anni di nove ettari di vigneto e di tre di oliveto. La prima annata ad essere imbottigliata fu il 1978; sempre in quegli anni si inizió ad allestire la cantina mediante il restauro dei vecchi locali già adibiti a tale uso, unitamente al recupero di altri vani. Nel 1982 si procedette alla realizzazione di un nuovo e più ampio locale dedicato esclusivamente all’imbottigliamento ed allo stoccaggio del prodotto finito.
Fra il 1995 ed il 1996 sono state rinnovate tutte le botti di cantina al fine di migliorare ulteriormente la qualità del prodotto, mantenendo l’ uso delle botti “grandi” (hl. 40) da sempre tradizione della zona. Negli ultimi anni si è iniziato anche l’invecchiamento di piccole quantità in fusti di rovere di piccola capacità in special modo per l’affinamento dei vini destinati a “Riserva”.
A partire dal 2000 è iniziata la collaborazione con l’enologo Marco Bernabei, con il quale stiamo cercando ogni anno di migliorare la qualità, rimanendo nel pieno rispetto delle tradizioni chiantigiane in particolare per ciò che riguarda i vitigni (Sangiovese e Canaiolo in primis). Sempre dal 2000 si è proceduto ad un graduale reimpianto dei vigneti più vecchi al fine di migliorare il livello qualitativo delle uve; attualmente circa un terzo dei vigneti sono impianti recenti, affiancati da quelli storici mantenuti in piena efficienza che ci permettono di mantenere costanti
le caratteristiche qualitative. La qualità viene ricercata anche attraverso una lavorazione accurata e tradizionale del terreno, dove i filari vengono dissodati frequentemente e concimati periodicamente con concimi organici e riducendo al tempo stesso i trattamenti al minimo indispensabile.
Nel 2007 è stata realizzata la nuova cantina per la vinificazione delle uve, rendendo allo stesso tempo disponibile per l’invecchiamento in legno un locale situato nella parte più antica del fabbricato in pietra.
Nel 2010 è stata completamente ristrutturata la vecchia cantina per ampliare ulteriormente le potenzialità di invecchiamento dei vini in legno. Sempre nel 2010 è stata completamente ristrutturata anche la Vinsantaia. Alla fine del 2014 è stato completato l’ampliamento del reparto imbottigliamento e stoccaggio e dell’affinamento dei vini imbottigliati che ha raggiunto una capienza di circa 70.000 bottiglie.
Attualmente i vigneti si estendono su circa 12 ettari per una produzione complessiva massima di circa 90.000 bottiglie annue.
Fa parte dell’azienda anche l’Agriturismo Le Trappoline da sempre di proprietà della nostra famiglia, finemente ristrutturato, si compone di una villa con piscina privata, e tre appartamenti con altra piscina.

Vino: Vin Santo del Chianti Classico Riserva
Composizione varietale: 55-65% Malvasia del Chianti 35-45% Trebbiano Toscano.
Denominazione: D.O.C..
Titolo alcolometrico: 13,5% + 11vol.
Annata: 2010.
Ubicazione Azienda: Nord-Est di Siena nel Comune di Gaiole in Chianti, zona storica di produzione del Chianti Classico.
Terreno: marne argillose con elevata presenza di scheletro di galestro ed alberese.
Sistema di allevamento: cordone speronato e guyot semplice con un massimo di 10 gemme per ceppo.
Età media delle viti: 40 anni.
Densità piante: 4000 per ha.
Produzione ad ettaro: massimo 75 q.li.
Altitudine vigneti: 400 metri s.l.m..
Esposizione: Est-Sud-Ovest.
Vendemmia: prima quindicina di Settembre, salvo una piccola variabilità in base allo stato di maturazione delle uve.
Vinificazione: dopo lungo appassimento delle uve, nel mese di Dicembre si effettua la pigiatura mettendo il mosto nei piccoli e caratteristici “caratelli”.
Invecchiamento: nei caratelli almeno 5 anni, successivo affinamento in contenitori di vetro per circa un anno. Segue l’imbottigliamento con un affinamento in bottiglia di circa 6 mesi prima della messa in vendita
Temperatura di servizio: fra 14 e 16° C.

Vin Santo del Chianti Classico Riserva 2010 - I Sodi

© Ph. Piero Pardini – The Wolf Post

Esame visivo
Limpidezza: limpido
Colore: giallo ambrato
Consistenza: consistente
Osservazioni: vivace.

Esame olfattivo
Intensità: intenso
Complessità: complesso
Qualità: fine
Descrizione: floreale, fruttato, speziato e tostato
Osservazioni: sentori fiori appassiti, frutta candita come albicocca arancia e cedro, zafferano, burro fuso, cera d’api.

Esame gusto – olfattivo
Zuccheri: dolce
Alcoli: caldo
Polialcoli: morbido
Acidi: fresco
Tannini: – – –
Sostanze minerali: abbastanza sapido
Struttura: di corpo
Equilibrio: equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: persistente
Qualità: fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: maturo
Armonia: armonico

Abbinamento: torta ricotta e caramello.


Etichette recensite:
Chianti Classico 2016
Soprasassi 2016
Chianti Classico Riserva 2015
Vigna Farsina 2015
Vin Santo del Chianti Classico Riserva 2010

I SODI Società Agricola S.r.l.
Località I Sodi – Frazione Monti
53013 Gaiole in Chianti (SI) – ITALIA
Phone +39 0577-747012
E-mail: info@agrisodi.com
Website: www.agrisodi.com

About the author

Wine Tasting Team

Alessio Picciafuochi (Sommelier), Anna Maria Taccioli (Sommelier - Osteria La Limonaia), Fabiano Pugolotti (Sommelier), Luca D'Onofrio (Sommelier - Aqvolina Restaurant & Lounge Bar), Luca Giaccai (Sommelier - Agraria Giaccai), Luciano Vignali (Sommelier - Enoteca Da David) e Piero Pardini (Sommelier - Direttore Responsabile)