Storie (Di)Vino

Strada dei vini dell’Alentejo

Written by Veronica Lavenia

L’Alentejo è una delle zone del Portogallo più note per una produzione vinicola di alto livello.
Divista in Alto Alentejo e Baixo Alentejo, la regione ha saputo emergere, nel tempo, puntando sull’enoturismo piuttosto che sul turismo di massa e oggi è una meta ambita per gli amanti del vino (e non solo) che hanno la possibilità, tra l’altro, di scoprire un territorio ricco anche di testimonianze artistiche e suggestivi borghi che meritano una visita.
Un’organizzazione meticolosa e una comunicazione efficace fanno dell’Alentejo una delle punte di diamante del mondo del vino a livello internazionale.

La Strada dei Vini dell’Alentejo rappresenta al meglio la diffusione dei vini della regione, attraverso offerte, itinerari e opportunità da scoprire. Scopriamo di più dalle parole di Tiago Caravana, direttore marketing della Strada del Vino dell’Alentejo.

Da quando è nata l’Associazione, quali obiettivi ha raggiunto e quali raggiungere?

La Strada dei Vini dell’Alentejo fa parte del dipartimento marketing dei vini dell’Alentejo ed è stata costituita nel 1997. La sede si trova nella città di Évora, patrimonio mondiale dell’UNESCO, proprio vicino alla cattedrale e vicino al tempio romano. Quindi, nella zona più turistica della città e ricevevamo circa 8.000 persone all’anno in questo ufficio in tempi pre-pandemia. Il turismo in Portogallo era in forte espansione e ci aspettiamo una ripresa adesso che la pandemia può essere contenuta.

©Alentejo Wine Route

Oggi, l’Associazione conta con 73 enoturisti iscritti alla Strada del Vino dell’Alentejo. Negli ultimi dieci anni, gli aderenti sono aumentati e continuano ad arrivare nuovi progetti. L’offerta è molto diversificata dai semplici piccoli produttori, alle offerte più sofisticate con wine SPA e ristoranti stellati Michelin. La Strada dei vini dell’Alentejo è stata altamente riconosciuta con premi annuali dai media di settori più popolari.

Fortunatamente, la maggior parte degli enoturisti che ci visitano coincide con i nostri principali mercati di esportazione, come Brasile e USA. Essendo, quindi, la Strada del Vino detenuta dalla Commissione Regionale del Vino, la sua promozione è sempre presente nelle principali fiere del vino come Prowein, nelle degustazioni che organizziamo nei nostri mercati principali e in tutti gli sforzi di Internet, Social Media e PR che sviluppiamo in Portogallo, Brasile, Stati Uniti e Svizzera.

Siamo, inoltre, strettamente collegati con l’ufficio di promozione del turismo dell’Alentejo, con il quale partecipiamo alle principali fiere del turismo e attività di pubbliche relazioni.

©Alentejo Wine Route

Quali sono le peculiarità del territorio e dei suoi vini?

C’è qualcosa di fortificante e liberatorio nel paesaggio dell’Alentejo, con il suo spazio infinito, le sue immense pianure ondulate, enormi cieli del blu più profondo, il suo orizzonte infinito e la gente, gente calma e imperturbabile, immensamente orgogliosa della propria patria. Il paesaggio scorre dolcemente dal vigneto al campo di grano, un verde intenso alla fine dell’inverno, il colore della paglia alla fine della primavera e l’ocra bruciata durante i roventi mesi estivi. Le forme inconfondibili di querce da sughero e lecci solcano l’orizzonte, simboli di una regione che copre un terzo del Portogallo continentale.

La caratteristica planarità dell’Alentejo, e la conseguente mancanza di barriere fisiche per bloccare la condensazione dell’umidità proveniente dal mare, elimina ogni traccia di influenza atlantica nella regione. Ma le poche catene montuose che esistono sono responsabili del carattere distintivo di ciascuna delle sottoregioni, fornendo condizioni singolari per la coltivazione della vite in tutto l’Alentejo. La Serra de São Mamede a nord, la catena montuosa più alta a sud del fiume Tago, è un chiaro esempio di questa individualità, offrendo una freschezza rivitalizzante che solo l’altitudine può fornire.

©Alentejo Wine Route

Redondo, protetta dalla catena montuosa della Serra da Ossa, e Vidigueira, protetta dalla Serra de Portel, beneficiano entrambe della natura per garantire vini unici. Ciò che accomuna tutti i vini dell’Alentejo è l’offerta di un piacere infinito, che sia rosso, rosato o bianco. Vini pieni di esuberanza aromatica, vini rotondi e morbidi con la capacità unica di essere bevuti giovani, sicuri che invecchieranno con distinzione.

©Alentejo Wine Route

Può descrivere brevemente la Strada e i territori di interesse culturale ed enoturistico che attraversa?

Culturalmente, il principale riflettore per la regione dell’Alentejo è stata a lungo la tradizione romana di produrre vini talha. Qui sono state salvaguardate le tecniche sviluppate dai romani per la vinificazione nelle anfore di argilla chiamate talhas. Il processo di vinificazione della talha è stato tramandato di generazione in generazione nel corso della storia, quasi senza modifiche. Tuttavia, c’è più di un modo per produrre vino nei talha, con alcune variazioni da regione a regione, secondo la tradizione locale.

Il crescente interesse per la vinificazione del talha nell’Alentejo ha spinto alcune cantine moderne a sperimentare l’utilizzo di questi vasi di argilla. Di conseguenza, sono state introdotte nuove tecniche e attrezzature per facilitare il processo senza contaminare l’essenza della vinificazione del talha.

Il vino prodotto nelle talhas non ha eguali. Sia che derivi da procedure più classiche o modernizzate, il vino talha è l’epitome della millenaria cultura del vino dell’Alentejo.

©Alentejo Wine Route

Perché scegliere la Strada del Vino dell’Alentejo?

L’Alentejo è speciale perché ha una personalità profonda che oggi è in linea con le principali tendenze, come la genuinità e lo slow food. È la regione del mondo con la più grande produzione di sughero, essendo l’ecosistema di alberi di sughero e palme con la più alta biodiversità in Europa. È popolato da persone calde e accoglienti, sparse in piccoli villaggi imbiancati con grandi siti storici.

Per quanto riguarda il vino, la regione ha una grande diversità rispetto a quelli prodotti a Talhas (nome locale delle anfore), passando per rossi fruttati di classe mondiale, bianchi rinfrescanti e deliziosi rosati. Unica, non solo per il terroir, ma anche per una vasta gamma di vitigni autoctoni. Per completare, come nella maggior parte delle grandi regioni vinicole del mondo, l’Alentejo ha un’ottima gastronomia. Il pane locale e il maiale nero sono quasi un marchio per i piatti locali, ma anche cibo fatto con ingredienti di stagione, molti dei quali selvatici e raccolti nei campi.

Inoltre, la regione è fortemente impegnata a lavorare per la sostenibilità, avendo avviato un “Programma di sostenibilità dei vini dell’Alentejo” da sette anni, oggi altamente riconosciuto in tutto il mondo.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Italian based writer and magazine contributor.
Author of six books, some of her works have appeared in the most popular International Food magazines.
Food Connoisseur.
EVOO Communicator. Founder of the EVOO Column at "The Wolf Post".
Writer| Translator| Communication Manager at "The Wolf Post", since the birth of the magazine.

She has always lived in the countryside. She has learned to "get her hands dirty", working and reaping the benefits of the fields, since she was a child. She participated in grape harvests, olive picking and assisted in the subsequent stages of production.
Food & Wine tourism were the family holidays that educated her on the subject.

This site is protected by wp-copyrightpro.com