Storie (Di)Vino

Jabier Marquínez: cambiamento climatico e viticoltura

Written by Piero Pardini

Se nella seconda metà dell’Ottocento la viticoltura europea ha dovuto affrontare il problema della fillossera, oggi, e nei prossimi anni, dovrà affrontare un nuovo ostacolo: il cambiamento climatico. Un problema globale, che richiede politiche comuni a livello globale. Per capire come il settore del vino stia analizzando e valutando i primi importanti segnali di cambiamento climatico, abbiamo chiesto all’enologo Jabier Marquínez un parere che illustri la sua esperienza.

© Jabier Marquinez

Il cambiamento climatico ha modificato in modo significativo aree importanti del nostro pianeta. In base alla sua esperienza professionale, questi cambiamenti stanno già avvenendo anche in Spagna?

In primo luogo, il cambiamento climatico è una realtà ma sarebbe necessario separare quale parte di questo cambiamento è causato dall’uomo e quale è geologica. Tra il X e il XIV secolo c’era il cosiddetto clima medievale ottimale, un periodo caldo che permetteva di avere dei vigneti nella mia città, Vitoria. Poi, venne la cosiddetta Piccola Era Glaciale, che durò fino al XIX secolo, a causa della quale i vigneti della mia città scomparvero nel XV secolo. È chiaro che l’attività umana aggrava notevolmente il cambiamento climatico ma ci sono altri fattori.
La Spagna non è estranea a questo cambiamento e ne stiamo già soffrendo, con un’incidenza speciale a partire dall’anno 2000.

C’è qualche intervento, anche preventivo, che è opportuno adottare per iniziare a compensare questi cambiamenti climatici?
Contro il cambiamento climatico “geologico” possiamo fare poco ma possiamo ridurre la nostra impronta di carbonio, cambiare le nostre abitudini di vita, prendere meno auto e aerei, riciclare di più, ecc.
Nel settore vitivinicolo vedo 2 possibili interventi:
Modificare l’altitudine e la latitudine del vigneto, spingendosi ogni volta più a nord o piantando a un’altitudine più alta, o piantando sui pendii settentrionali, meglio che sui pendii meridionali. Ma questo implica cambiamenti demografici, spostamenti di persone e, persino magazzini, qualcosa con implicazioni sociali molto grandi.
Il secondo intervento, per me il più riuscito almeno come passaggio, è recuperare o ricercare varietà e portinnesti a ciclo più lungo, che maturano più lentamente e più tardi, e sono più resistenti al caldo e alla siccità. Molte di queste varietà esistono già ma la loro coltivazione è stata abbandonata perché non maturavano bene o per la sensibilità a qualche malattia, cosa che oggi non è così importante per la quantità di risorse e conoscenze che abbiamo.

© Jabier Marquínez

In alcuni paesi del nord Europa (Danimarca e Svezia), anche se in quantità minime, hanno iniziato a produrre vino. Gli studi ipotizzano che tra 50 anni il clima di questi paesi sarà al livello del nord della Francia. Cosa ne pensi di questi studi e, secondo te, potrebbero diventare le nuove frontiere del vino in Europa?
Se l’unico fattore da tenere in considerazione è il clima, è evidente che questi paesi potranno sviluppare la loro viticoltura. In un vino, però,  entrano in gioco altri fattori oltre al clima: suolo, sottosuolo, varietà, tipi di lieviti nell’ambiente, know-how, ecc. Ci sono vini o zone attuali che erano già famosi nell’antica Roma e anche in Grecia, con momenti climatici diversi come ho evidenziato prima. Quindi, c’è qualcosa in più del clima. Inoltre, il cambiamento climatico non implica che pioverà di meno e sarà più caldo. Il cambiamento climatico implica che farà ciò che non dovrebbe quando non dovrebbe, neve o gelo ad aprile, ondate di caldo a maggio, forti piogge in estate, ecc. La viticoltura aumenterà sicuramente in questi paesi, ma ci vorrà molto tempo per consolidarsi.

© Jabier Marquínez

Quanto alla situazione spagnola, è a conoscenza della progettazione o realizzazione di nuovi impianti ad altezze sul livello del mare impensabili fino a “ieri”? Come ipotizza questo cambiamento e quali saranno le difficoltà di questo “riassetto” enologico?
Dagli anni ’90 del secolo scorso ho visto aumentare l’altitudine d’impianto della vite in diverse zone, ma molti di questi nuovi vigneti hanno delle annate difficili, più piovose, dove i funghi, soprattutto l’oidio, fanno molti danni.
Un altro problema della piantagione a quote più elevate è il vento, con più rotture di rami. Un altro problema molto importante, a quota più alta e più vicino al bosco più animali, aumentano i problemi con cinghiali e caprioli. In queste zone, anche sporadicamente, continueranno a verificarsi episodi meteorologici come quelli di prima, ad esempio gelate primaverili o abbondanti nevicate.
La mia scommessa è adattarmi alla nuova situazione con varietà nuove-vecchie.

About the author

Piero Pardini

Founder and editor of "The Wolf Post".
Freelance Journalist.
Wine critic and Sommelier.
He has also written about sports and technology for some specialized magazines.
Co-author of the authorized biography "Gianni Clerici - The writer, the poet the journalist", Le Lettere, Firenze.

This site is protected by wp-copyrightpro.com