Storie (Di)Vino

Gente di vino: Ezequiel Sánchez-Mateos Úbeda

Written by Veronica Lavenia

Reserva y Cata è un’enoteca situata nel centro di Madrid, fondata nel 1997, e gestita da una piccola azienda familiare guidata da Ezequiel Sánchez-Mateos Úbeda. Un’enoteca che offre il meglio della produzione spagnola (con vendita internazionale anche on line), proponendo anche vini dai migliori paesi produttori.

Ezequiel Sánchez-Mateos Úbeda gestisce l’enoteca, una delle più quotate di Madrid, offrendo al cliente la sua esperienza sul tema. Non solo commerciante ma anche imprenditore. Sánchez-Mateos Úbeda, infatti, è anche titolare di un’azienda di vini.

In questa intervista, Sánchez-Mateos Úbeda condivide la sua esperienza e il suo pensiero sui vini spagnoli e il loro gradimento a livello Internazionale.

©Reserva y cata

Quando è nata la tua passione per il vino e la decisione di aprire un’enoteca?

La mia passione per il vino è legata alla mia infanzia a La Mancha e al contatto diretto con i vigneti di famiglia, le annate e le cantine intorno a me. A livello professionale, è il 1996, quando ho costituito la mia prima azienda e l’anno successivo ho iniziato la mia attività con il primo negozio Reserva y Cata. L’idea era quella di emulare le catene di enoteche emerse nelle grandi città europee come Oddbins a Londra e Nicolas a Parigi.

Situato a Madrid, il negozio è anche un punto di riferimento per i visitatori stranieri. Secondo la tua esperienza, c’è differenza tra acquirenti europei e, ad esempio, nordamericani? Qual è il tipo di vino che piace di più a entrambi?

Omettendo il periodo che tutti conosciamo, il nostro negozio riceve molte visite di turisti e stranieri residenti a Madrid. Abbiamo osservato che, in generale, l’acquirente europeo cerca vini di piccoli produttori ed è preoccupato che i metodi di produzione seguano linee guida biologiche, biodinamiche o naturali. Siamo fortunati perché la maggior parte dei nostri clienti nordamericani è molto ben informata e ci chiede etichette e vini specifici di determinate aree. In generale, noto che c’è un crescente interesse per i vini spagnoli e questo è dimostrato dal costante aumento delle degustazioni in lingua inglese effettuate nel nostro punto vendita.

©Reserva y cata

All’interno del mercato internazionale del vino, molto competitivo, soprattutto nel vecchio mondo, come si posiziona oggi la Spagna? E quali sono, secondo la tua esperienza, ancora i margini di miglioramento?

Definirei la nostra debole influenza internazionale nel mondo del vino un “paradosso spagnolo”. Difficile credere che il vigneto più grande del mondo non abbia la notorietà che merita. Tuttavia, ciò può essere interpretato anche come un’opportunità di business, poiché abbiamo una quota di mercato ampia, raggiungendo anche paesi produttori simili come Francia e Italia. E non mi riferisco ai litri o alle bottiglie vendute ma alla cifra di fatturazione mostrata dal nostro commercio internazionale. Dobbiamo aumentare il prezzo medio per bottiglia dei vini esportati e questo si consolida, tra l’altro, con enologi mediatici e giornalisti specializzati che comunicano bene in inglese, una strategia di marketing internazionale sovraregionale per vendere un’immagine di paese potente e comune, collegare la qualità dei nostri vini a quella del nostro restauro, ecc.

Quale area geografica della Spagna che produce vino attrae il consumatore spagnolo e quale straniero?

Le abitudini di consumo (e produzione) del vino in Spagna sono cambiate negli ultimi anni, passando da vini densi, con molta estrazione e legno, a vini più leggeri e freschi, cioè di facile beva. Possiamo trovare buoni esempi realizzati con varietà autoctone in aree con influenza atlantica come la Galizia e le Isole Canarie. Per i clienti stranieri, le denominazioni di origine classiche come Rioja e Jerez continuano a pesare molto, anche se, nel nostro caso, sono molto ricettive quando si provano vini di piccole cantine ovunque in Spagna.

Quali vini spagnoli guardi per il 2022 tra quelli ancora poco conosciuti nel mercato internazionale?

Sono molto interessato ai vini prodotti con uve autoctone minoritarie. Alcuni di loro sono: Juan García e Bruñal in Arribes de Duero; Maturana a La Rioja; Caiño, Brancellao e Sousón in Galizia; Velasco rosso alla Mancia; Pintaillo e Tardana in Manchuela; Moristel e Parraleta a Somontano; Trepat a Conca de Barberá; Forcallat a Murcia e Mantúo a Jerez, per fare alcuni esempi.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com