Storie (Di)Vino

Museo Cité du Vin

Written by Veronica Lavenia

La Fondazione per la cultura e le civiltà del vino nasce per tutelare, promuovere e condividere gli aspetti culturali, storici e simbolici del vino. Il suo scopo è difendere, valorizzare e tramandare la dimensione culturale e intellettuale del vino.

Sulla base di questi compiti chiave, la Fondazione per la cultura e le civiltà del vino è stata nominata organizzazione di interesse pubblico l’11 dicembre 2014.

La città di Bordeaux, proprietaria dell’edificio Cité du Vin, ha messo a disposizione della Fondazione per la cultura e le civiltà del vino la struttura per un periodo di 12 anni (fino al 2028) per svolgere il suo mandato. La Fondazione è, quindi, responsabile della gestione e dello sviluppo del primo sito culturale al mondo dedicato all’esplorazione degli aspetti del patrimonio vitivinicolo.

Scopriamo di più dalle parole di Philippe Massol, amministratore delegato della Fondazione per la cultura e le civiltà del vino.

©Cité du vin

Quando è nato il Museo e quali obiettivi sono stati raggiunti fino ad oggi?
La Cité du Vin ha aperto i battenti il ​​1 giugno 2016, ma il progetto è più vecchio. Dagli anni ’80 e ’90 è emersa l’idea di un centro culturale dedicato al vino, a Bordeaux. Dopo diversi tentativi infruttuosi, è nel 2008 che il progetto è davvero iniziato sotto l’impulso di Alain Juppé, allora sindaco di Bordeaux, accompagnato da Sylvie Cazes e Philippe Massol. Il cantiere inizierà a giugno 2013 e l’apertura al pubblico avverrà tre anni dopo.
Quasi sei anni dopo, circa due milioni di visitatori provenienti da 180 paesi hanno varcato le porte della Cité du Vin, rendendola un luogo di visita essenziale a Bordeaux e un luogo unico al mondo. Il suo approccio originale, giocoso e accessibile, ha permesso a un pubblico internazionale molto vario di scoprire le culture e le civiltà del vino di tutto il mondo. Oggi, la competenza in termini di contenuto scientifico e museografico della Fondazione per la Cultura e le Civiltà del Vino (che gestisce la Cité du Vin) è riconosciuta e l’ha portata a essere regolarmente consultata da altri progetti di sito culturale per il supporto.

©Cité du vin

Come è strutturato il Museo e cosa offre al visitatore?
La Cité du Vin offre diversi tipi di attività ai suoi visitatori.
La principale è la Strada Permanente, che ripercorre la grande storia del vino in diciannove moduli tematici su una superficie di 3.000 mq. Un’esperienza interattiva e digitale, disponibile in otto lingue, per scoprire come questo patrimonio universale abbia ispirato le persone e plasmato le loro vite e il loro territorio per millenni.
Dopo aver scoperto il Percorso Permanente, i visitatori si recano al Belvedere all’8° piano, dove possono godere di una vista panoramica di Bordeaux, sorseggiando un bicchiere di vino scelto tra una quindicina di referenze da tutto il mondo (o un succo d’uva biologico) derivante dal nostro collaborazioni con enti e associazioni di una cinquantina di regioni vinicole del mondo.
Ogni primavera viene offerta anche una mostra artistica temporanea. Nel 2022, sarà protagonista uno degli artisti più importanti del 20° secolo: Pablo Picasso. Picasso, l’effervescenza delle forme, presentato dal 15 aprile al 28 agosto 2022, esplora il posto del vino e degli spiriti popolari nell’opera di Pablo Picasso, attraverso un’ampia varietà di temi e media (dipinti, disegni, ceramiche, film…). Riunendo più di ottanta opere, grazie in particolare all’eccezionale partecipazione del Musée national Picasso-Paris e del Museu Picasso de Barcelona, ​​la mostra getta nuova luce sulle conquiste di Pablo Picasso e rivela l’effervescente creatività che lo ha animato in tutto per tutta la vita.
Durante l’anno, molti eventi sul vino (conferenze, incontri, degustazioni, proiezioni, ecc.) sono offerti nell’Auditorium Thomas Jefferson o online.
I visitatori possono, inoltre, partecipare a un’ampia varietà di laboratori di degustazione: dall’iniziazione alla degustazione agli abbinamenti enogastronomici e alla scoperta delle regioni vinicole del mondo.
La Cité du Vin ha anche due ristoranti e una cantina mondiale, per non parlare del suo concept store dedicato all’arte di vivere il vino con oltre 1.500 referenze.

©Cité du vin

Quali sono i principali punti di interesse del museo che più attraggono il visitatore?
Il percorso permanente e il Belvedere senza esitazione! Sono davvero il cuore della Cité du Vin e la parte essenziale di una visita di successo alla Cité du Vin.

©Cité du vin

Come è organizzata la degustazione all’interno del museo?
Ogni visitatore gode con il proprio biglietto d’ingresso, un bicchiere di vino mondiale (o un succo d’uva biologico) da degustare al Belvedere tra una quindicina di referenze frutto di collaborazioni con enti e associazioni di una cinquantina di regioni vinicole del mondo.
I visitatori possono inoltre partecipare a uno dei vari laboratori di degustazione organizzati dalla Cité du Vin durante la giornata (il loro programma è disponibile sul sito della Cité du vin) ma anche in prima serata in la forma del dopo-lavoro.
Infine, molti eventi come convegni o proiezioni di film in Auditorium sono seguiti da una degustazione.

©Cité du vin

Perché la Cité du Vin vale una visita?

Perché è unico al mondo! È l’unico museo che parla del vino come patrimonio universale e mette, così, in luce i vigneti di tutto il mondo, nelle loro dimensioni culturali e di civiltà. Offre attività per tutti i pubblici e per tutti i gusti, indipendentemente dal loro livello di conoscenza. Infine, la sua audace architettura arrotondata, ispirata al movimento del vino nel bicchiere, merita davvero una visita!

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com