Storie (Di)Vino

Museo del vino e del commercio di Bordeaux

Written by Veronica Lavenia

Il Museo del Vino e del Commercio nasce nel 2008, a Bordeaux, con l’obiettivo di divulgare la storia e la cultura del vino nella città capoluogo della Gironda.

Il museo, ricavato all’interno di cantine semi interrate, ospita una collezione di oggetti rari e pannelli esplicativi che ripercorrono l’evoluzione della cultura vinicola fino ai nostri giorni.

Un percorso che affronta vari temi come, ad esempio, per citarni alcuni, la storia delle grandi famiglie di mercanti del XVIII e XIX secolo, il lavoro di invecchiamento nelle cantine di Chartrons, il porto di Bordeaux e le esportazioni di vino.

Il museo offre anche la possibilità di degustare e di acquistare i vini di Bordeaux. Scopriamo di più dalle parole di Grégory Pecastaing, Presidente Fondatore del Museo.

©Musée du Vin et du Négoce de Bordeaux

Quando è nato il Museo e quali obiettivi sono stati raggiunti fino a oggi?
Fondato dall’associazione “Bordeaux Historia Vini”, il Museo del Vino e del Commercio è stato inaugurato nell’ottobre 2009 con l’obiettivo di promuovere la storia e il patrimonio del quartiere Chartrons.
Indubbiamente, sin dalla sua apertura, il Museo del vino e del commercio ha raggiunto molti obiettivi in ​​termini di promozione del patrimonio di Bordeaux e valorizzazione della storia locale.
Siamo particolarmente legati alla promozione del territorio regionale, collaborando, spesso, con attori locali come viticoltori, produttori, artigiani, che mettiamo in evidenza nella nostra bottega.
Se l’importanza della storia locale è ben nota agli adulti, rendiamo un punto d’onore sviluppare il nostro centro di mediazione e pedagogia con un pubblico giovane. Proponiamo diversi laboratori a seconda dell’età dei bambini e su temi legati al programma scolastico.

Come è strutturato il Museo e cosa offre al visitatore?
Situato nell’emblematico quartiere di Port de la Lune, il Chartrons, l’edificio che ospita il museo fu costruito negli anni ’20 del Settecento da un mercante irlandese, mediatore reale di Luigi XV.

Fin dalla sua costruzione, questo edificio è sempre stato intimamente legato alla produzione e al commercio del vino ospitando molte case di commercio come la Maison Calvet, che già aveva visitato le sue cantine su base privata.
Dietro l’imponente facciata, l’organizzazione interna degli spazi ripercorre la vita quotidiana dei mercanti-allevatori dell’Ottocento. La bottega del museo occupa l’antica bottaia, la sala conferenze si trova nella sala tini e la collezione permanente sostituisce ora le botti nelle cantine semi-sotterranee.
Questa raccolta è composta da documenti, bottiglie rare, film e attrezzature per la vinificazione per far rivivere diversi secoli di storia, dall’antichità al XX secolo, per scoprire l’evoluzione della città di Bordeaux e del suo porto commerciale aperto al mondo.
Al termine della visita, uno dei mediatori dell’enoturismo ti accompagnerà nella spiegazione dei vigneti di Bordeaux e del loro sistema di denominazione durante una degustazione commentata di due vini.

©Musée du Vin et du Négoce de Bordeaux

Quali sono i principali punti di interesse del museo che più attraggono il visitatore?
Essendo un elemento importante nello sviluppo economico della regione fin dall’antichità, i visitatori sono interessati alla storia dei vini di Bordeaux, ai suoi vigneti e alla sua produzione. Soprattutto dal periodo medievale, il commercio delle annate rappresentò la prosperità della città e permise la creazione di un intero nuovo quartiere dedicato esclusivamente al commercio del vino: i Chartrons.
Grazie all’influenza dei vini bordolesi verso il nord Europa, grandi famiglie di mercanti, interessati ai vini della regione si stabilirono nel sobborgo di Bordeaux. Molto rapidamente, il commercio del vino sarà soggetto a rigide normative e le transazioni saranno stabilite secondo tre attori principali: il commerciante, l’intermediario e la proprietà. Questo, è ancora il sistema che governa il commercio di Bordeaux oggi e l’unico del suo genere al mondo, che spesso incuriosisce i nostri visitatori stranieri.
Attraverso oggetti e documenti dell’epoca, la collezione permanente del Museo del Vino e del Commercio, i nostri visitatori possono conoscere meglio l’evoluzione delle diverse tecniche e oggetti legati al vino: l’invecchiamento in botti, l’evoluzione delle bottiglie, le etichette e le mode che si sono susseguite.
Infine, non va dimenticato che la maggior parte dei visitatori viene anche a conoscere un po’ di più sul vino stesso, sul terroir del vigneto di Bordeaux, sul suo sistema di denominazioni e classificazioni e sulle tecniche di degustazione.

©Musée du Vin et du Négoce de Bordeaux

All’interno del museo i visitatori possono degustare le eccellenze di Bordeaux. Come è organizzata la degustazione?
La visita indipendente del Museo del Vino e del Commercio si conclude con la degustazione commentata di due vini o succhi d’uva della nostra selezione.
Durante questa degustazione, i visitatori possono acquisire gli elementi essenziali per riconoscere i vini di Bordeaux.
Iniziamo, innanzitutto, con una spiegazione globale della mappa del vigneto e delle sue specificità geomorfologiche con l’influenza del suolo e del clima nella produzione del vino. Discutiamo dei diversi vitigni utilizzati nella regione, delle sue caratteristiche e degli stili di vino dei principali uvaggi.
Quindi, facciamo una panoramica delle denominazioni più prestigiose del vigneto e dei suoi diversi sistemi di classificazione dei vini prima di affrontare la parte pratica della degustazione.
Ogni giorno offriamo una degustazione di due vini da una selezione di vini rossi, bianchi secchi o bianchi dolci di varie denominazioni per mostrare la più grande diversità dei vini di Bordeaux.
Infine, la degustazione si svolge in tre fasi: la vista, il naso e il palato. Insegniamo ai visitatori quali gesti e termini utilizzare per esprimersi durante una degustazione.

Perché vale la pena visitare il Museo del Vino e del Commercio?
Fondato come associazione, il Musée du Vin et du Négoce è molto più di un museo.
I legami che abbiamo stretto con la rete culturale e vitivinicola di Bordeaux ci consentono di essere in prima linea nell’attualità offrendo un’agenda culturale ricca di eventi durante tutto l’anno. Musica, afterwork, degustazioni, incontri con i viticoltori.
Diamo il benvenuto a Bordeaux e ai turisti che vengono alla scoperta della città, in diverse lingue, offriamo visite guidate e laboratori, accogliamo regolarmente gruppi di studenti di affari e vino o gruppi con disabilità (visita nella lingua dei segni, visite sensoriali per non vedenti) .
Combinando tradizione e futuro, il museo vuole essere un luogo di incontro e convivialità intorno alle novità del vino grazie a una forte agenda culturale, posizionando il Museo del Vino e del Commercio come una delle istituzioni di Bordeaux più influenti della città.
È un luogo che si distingue per l’accoglienza che riserva a ciascuno dei suoi visitatori, singoli o gruppi, locali o stranieri, nella tradizione dei musei a misura d’uomo, ma con grandi ambizioni!

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
(Speech) Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com