Storie (Di)Vino

DO Binissalem

Written by Veronica Lavenia

DO Binissalem è stata riconosciuta nel 1990.
Da allora, la DO Binissalem ha optato per vitigni autoctoni, che hanno permesso di produrre vini unici, raggiungendo standard qualitativi elevati.
La zona geografica della DO Binissalem è costituita dai comuni di Santa Maria del Camí, Consell, Binissalem, Santa Eugènia e Sencelles.

I terreni su cui sono insediati i vigneti, principalmente Calcisols e Luvisols, sono moderatamente fertili e profondi, con tessitura argillosa ed elevata presenza di elementi grossolani.

Il vigneto rappresenta una delle principali colture della regione, condividendo il paesaggio con mandorli, carrubi, fichi e ulivi. I vigneti della zona geografica si caratterizzano per essere piccoli.

I vitigni autorizzati sono rossi, Manto Negro, Callet, Tempranillo, Monastrell, Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e Gorgollassa; e le varietà bianche Moll o Prensal Blanc, Parellada, Macabeo, Moscatel de Alejandría, Moscatel de Grano Menudo, Chardonnay e Giró Ros.

©D.O. Binissalem

Dalla nascita di DO Binissalem, quali obiettivi sono stati raggiunti e quali restano da raggiungere?

La Denominazione di Origine Binissalem è stata riconosciuta a livello nazionale nel 1990, anche se sin dai primi anni ’80 si è lavorato sulla necessità di tutelare i vini prodotti nella regione da vini che provenissero da altre zone e che ne trassero vantaggio dal nome e dal suo prestigio.
Dall’introduzione della coltivazione della vigna, nell’anno 121 a.C., la vite è sempre stata coltivata nella DO Regione di Binissalem. La tradizione del vino è radicata e presente nella toponomastica, nell’architettura, nella gastronomia, nelle fiere e nelle feste locali. Numerose sono le case, nei cinque comuni che compongono la DO che dispongono di antiche “cantine” poiché, tradizionalmente, la maggior parte di esse produceva vino.
Con il riconoscimento della Denominazione di Origine, i viticoltori hanno potuto vendere le loro uve a un buon prezzo, uno dei più alti della Spagna. Inoltre, il DO cresceva il numero delle cantine, dai 3 fondatori alle attuali 13 cantine e anche l’estensione dei vigneti, da 300 a 600 ettari.

©DO Binissalem- M. Torres

Sia i viticoltori che le aziende vinicole hanno incorporato le più moderne tecnologie nella coltivazione e lavorazione dell’uva e nella produzione del vino, raggiungendo gli attuali livelli di qualità, riconosciuti a livello locale, nazionale e internazionale.
Attualmente vi è un chiaro impegno nella produzione di vini con predominanza di vitigni autoctoni, ricercando la differenziazione e l’unicità dei vini.

Il nostro obiettivo è mantenere il prestigio di cui gode DO Binissalem nel mercato locale e anche in mercati europei come Germania, Svizzera o Regno Unito. D’altra parte, stiamo lavorando per aprire nuovi mercati, sia nella Penisola, dove abbiamo poca presenza, sia in altri paesi.

Abbiamo in corso un progetto di modifica del Disciplinare con l’obiettivo di poter tutelare nella DO Binissalem, vini monovarietali di tutte le varietà autoctone, non solo quelle attualmente considerate varietà principali.

©DO Binissalem-M. Torres

Quali sono le peculiarità del territorio e dei suoi vini?

Il fare. Binissalem è composta da cinque comuni, Santa Maria del Camí, Consell, Binissalem, Santa Eugènia e Sencelles e si trova in una zona privilegiata, al centro dell’isola di Maiorca, protetta dalla Serra de Tramuntana, dove le caratteristiche del suolo e il clima sono ideali per la coltivazione di vitigni autoctoni, Manto Negro, Callet, Moll Gargollassa, Giró Ros… e dove si producono vini di qualità differenziata.
L’area geografica protetta ha un’estensione di 154,75 km2, dominata da una pianura di forma ovoidale, con un’altezza compresa tra 70 e 140 m slm, disposta parallelamente alla Serra de Tramuntana e con pendenza media intorno allo 0,5% esposta al sud-est. Questa pianura è circondata da un’altura, che nelle parti più alte raggiunge i 400 metri ed è costituita da litologie calcaree.

©DO Binissalem-M. Torres

I terreni su cui sono insediati i vigneti, principalmente Calcisols e Luvisols, sono moderatamente fertili e profondi, con tessitura argillosa ed elevata presenza di elementi grossolani. L’alto contenuto di elementi grossolani (ghiaia e sassi) determina le proprietà di questi terreni, che presentano un’elevata densità apparente e una limitata capacità di ritenzione idrica. Questi apparenti svantaggi, causati da ghiaia e sassi, sono compensati dai benefici che apportano al terreno, rendendolo adatto alla coltivazione della vite.

Il clima è caratterizzato da condizioni mediterranee con estati calde e secche e inverni miti.
Il vigneto rappresenta una delle principali colture della regione, condividendo il paesaggio con mandorli, carrubi, fichi e ulivi. I vigneti della zona geografica si caratterizzano per essere piccoli. La gestione tradizionale è a calice e i vigneti più recenti sono disposti a pergola. È un settore produttivo prospero e in continua crescita.
I vitigni autorizzati sono rossi, Manto Negro, Callet, Tempranillo, Monastrell, Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e Gorgollassa; e le varietà bianche Moll o Prensal Blanc, Parellada, Macabeo, Moscatel de Alejandría, Moscatel de Grano Menudo, Chardonnay e Giró Ros.

©DO Binissalem-M. Torres

Nell’elaborazione dei vini si considerano i principali vitigni, le varietà autoctone Manto Negro e Moll e le varietà Moscatel.

In relazione alle caratteristiche organolettiche, i vini coperti dalla DO Binissalem sono caratterizzati da aromi fruttati, di natura mediterranea, con l’espressione di sfumature e aromi varietali di uve autoctone e terroir, che li rendono singolari ed unici.

Quali servizi/attività utilizzate per promuovere la regione vinicola?

Abbiamo una pagina web con tutte le informazioni utili sulla Denominazione di Origine (area geografica, vini, statistiche…) e nella quale diamo visibilità alle cantine che fanno parte della DO Binissalem.

Abbiamo una sezione specifica dedicata all’enoturismo. In essa si parla della “Strada del Vino”, dei paesi, del paesaggio, della gastronomia, delle esperienze offerte dalle cantine e delle feste del vino.

©DO Binissalem-M. Torres

Il Consiglio di regolamentazione, invece, organizza, dal 2014, le Giornate del Vino. Una manifestazione annuale di enoturismo, in cui vengono proposte per 10 giorni diverse attività enoturistiche, proposte dalle cantine, dal Consiglio di regolamentazione e da altri soggetti collaboratori del territorio, legate alla cultura, al paesaggio, al patrimonio, alla musica, allo sport… utilizzando il il vino come filo conduttore. Una vetrina delle possibilità offerte dal territorio nell’enoturismo. Abbiamo un sito web specifico dedicato alla promozione di questo evento.

D’altra parte, tutta la nostra attività promozionale si riflette sui nostri social network: https://twitter.com/dobinissalem

https://www.facebook.com/DOBINISALEM

https://www.instagram.com/dobinissalem

https://www.youtube.com/channel/UCg69xT9DfQCAaS3qkQjhA-g/featured

Il nostro blog https://binissalemdo.com/blog-es/ e anche la stampa locale, la radio e la televisione. oltre ad alcune riviste specializzate e riviste di compagnie aeree.

©DO Binissalem-Manto negro-M. Torres

Può descrivere brevemente le aree di interesse culturale ed enoturistico della DO Binissalem?
Nella Denominazione di Origine Binissalem, il vino ha scolpito il paesaggio, l’architettura e la nostra cultura.

Santa Maria del Camí, Consell, Binissalem, Santa Eugènia e Sencelles, i cinque comuni che compongono il DO Binissalem, presidiati dai campanili delle loro chiese, ci offrono la loro architettura, il fascino dei loro mercati con prodotti locali, senza dimenticando le fiere e le feste tradizionali legate alla gastronomia e al vino.

Nella regione sono numerosi i sentieri che conducono il visitatore ai vigneti e che collegano i paesi e le cantine. È un’area di limitata estensione. In un raggio di circa 15 km raggiungiamo tutti gli angoli della regione, a cui si può accedere con i mezzi pubblici (treno e autobus) o in auto.

La zona può essere esplorata anche in bicicletta o a piedi ammirando il paesaggio di vigneti, mandorli e carrubi, con la Serra de Tramuntana come sfondo.
I comuni offrono angoli speciali, le loro strade e case dall’architettura tipica, centri culturali, negozi e mercati locali senza dimenticare la gastronomia locale: “Mallorquí Frit”, “Sopes”, “Fideus de Vermar”, “Pa am boli”,… Loro sono alcuni dei piatti più emblematici della cucina maiorchina, accompagnati da vini DO.
Nella regione c’è anche un’interessante offerta di ospitalità rurale, in masserie centenarie che offrono alloggio e buona gastronomia.

©DO Binissalem-Pueblo Binissalem-M. Torres

Perché sono DO Vini Binissalem così speciali?

Perché sono unici. Vini di qualità differenziata, realizzati con vitigni autoctoni (Mantonegro, Callet, Gargollassa, Moll i Giró ros), che insieme al clima e ai terreni ne segnano le caratteristiche e l’unicità.

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Italian based writer and magazine contributor.
Author of six books, some of her works have appeared in the most popular International Food magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com