Storie (Di)Vino

Territori di vino: Costers del Segre

Written by Veronica Lavenia

La produzione vitivinicola della Catalogna ha una solidità notevole, costruita nel tempo con più di 600 cantine di imbottigliamento e una superficie di 42.822 ettari.

Con una tradizione vinicola lunga oltre duemila anni e un clima mite, la Catalogna è il luogo ideale per la produzione di vini di alta qualità.

Nello sviluppo del commercio, soprattutto con l’estero, le denominazioni di origine giocano un ruolo importante. Attualmente, quelle riconosciute sono undici: Alella, Catalunya, Conca de Barberà, Costers del Segre, Empordà, Montsant, Penedès, Pla de Bages, Priorat, Tarragona e Terra Alta e la denominazione Cava.

Costers del Segre è una delle zone più interessanti e ancora non abbastanza note all’appassionato medio di vino. I sette territori situati lungo il fiume Segre compongo la denominazione di origine della provincia di Lérida.

Lérida è la sola provincia della Catalogna completamente interna. Ciò, se per molti secoli ha penalizzato gli scambi commerciali, dall’altro ha garantito e continua a garantire una produzione unica nel suo genere, con aromi caratteristici dovuta sia alle importanti escursioni termiche nel corso dell’anno tra il giorno e la notte, che al suo terreno calcareo ricoperto di sabbia.

©Mas Blanch I Jové

Non solo varietà autoctone, Costers del Segre è stata la prima area in Catalogna ad avere introdotto le varietà Cabernet Sauvignon, Merlot e Chardonnay dopo che la fillossera distrusse le coltivazioni locali nel tardo Ottocento.

Tra le varietà bianche emergono: Albariño, Macabeo, Xarel lo, Parellada, Chardonnay, Garnacha Blanca, Riesling e Sauvignon Blanc. Per le varietà rosse invece: Garnacha negra, ull de llebre, cabernet sauvignon, merlot, monastrell, trepat, samsó, pinot nero e syrah.

Nel territorio di Costers del Segre si producono vini rossi, bianchi, rosati ma anche spumanti. Terza DO Catalana per numero di bottiglie, Costers del Segre sfrutta il vantaggio di una vinificazione d’altura in tempi di cambiamento climatico e investe nella sostenibilità. La DO Costers del Segre è, infatti, l’unica DO con un piano di sostenibilità iniziato nel 2012.

Mas Blanch I Jové è una delle cantine più note in zona, ubicata nella sottozona Las Garrigues, al confine occidentale di Priorat, in una zona di montagna, a più di 700 metri sul livello del mare.

65.000 bottiglie di vini biologici unici, nati dalla particolarità del terreno, scarsa piovosità, generose ore di sole e la tipica escursione termica giorno/notte

Sara Jové racconta così la particolarità della sua cantina e dei suoi vini che riflettono pienamente il territorio: “Mas Blanch i Jové è una piccola azienda vinicola con un microclima molto speciale. Vigneti alti tra i 700 e gli 850 metri (per questo si pratica la viticoltura di montagna o eroica), con scarsa piovosità e terreno organicamente povero: con molto conglomerato sassoso (calcareo e argilloso). Il luogo è molto suggestivo, paesaggio mediterraneo, con presenza di querce, pini, diversi tipi di erbe aromatiche, oltre a mandorli e ulivi. E lavoriamo per preservare l’ambiente: non utilizziamo erbicidi né pesticidi, recuperiamo muri in pietra per prevenire il deflusso delle acque e l’erosione del suolo, mettiamo in estate punti d’acqua per la fauna della zona, ecc.”

©Mas Blanch I Jové

L’azienda è nota anche per la “Viña de los Artistas”: “un spazio unico- racconta ancora Sara- dove convivono sculture e installazioni artistiche tra vigne e uliveti.”

About the author

Veronica Lavenia

PhD.
Writer and magazine contributor, some of her works have appeared in the most popular International magazines.
Her scientific papers have been published in some of the most renowned international literary academic journals.
Writer| Translator| Communications manager at "The Wolf Post", since the birth of the platform.

This site is protected by wp-copyrightpro.com