(Di)Vino Amore Food&Wine

Pepi 2018 – Cantina Tramin

Pepi 2018 - Cantina Tramin
Written by Wine Tasting Team

Credits: © © Ph. Florian Andergassen – Cantina Tramin

Fondata nel 1898 da Christian Schrott, parroco di Termeno e deputato del Parlamento Austriaco, Cantina Tramin è fra le prime realtà cooperative della regione.
I vini, espressione autentica di un territorio dal carattere unico, nascono dalle uve coltivate da 290 produttori, con l’orgoglio di chi sa che ciascuna bottiglia racchiude compendio di una filosofia di vita e di lavoro: rigore, dedizione, fiducia e creatività. Anche la nuova sede di Cantina Tramin, inaugurata all’avvio del 2010, esprime con coerenza questi valori, grazie a una sintesi architettonica in cui convivono passato e futuro, legno e ferro, vetro e cemento, trasparenza e oscurità. Il progetto pluripremiato è firmato da Werner Tscholl, che ha saputo innestare il nuovo intervento sul corpo originario della cantina senza sottrarre neanche un metro di terreno alle amate e preziose vigne e, proprio grazie a questa sensibilità, si è aggiudicato la vittoria sui concorrenti. La struttura si fonde idealmente con l’ambiente circostante: il gesto architettonico si rivela in una scultura di grande impatto che evoca nella forma e nel colore le viti di Termeno e disegna un contrasto netto ed emozionante con il paesaggio, offrendo a questi luoghi un originale motivo di riconoscimento territoriale. Se visto dall’esterno l’insieme colpisce per la non banale cifra stilistica, all’interno lo spazio è stato accuratamente studiato in funzione della sua destinazione d’utilizzo, in modo da riservare aree funzionali dedicate all’attività degli operatori e al piacere dei visitatori. Dal corpo preesistente si estendono le due lunghe braccia verdi ove trova posto l’enoteca e la sala di degustazione, una bolla luminosa sospesa fra cielo e terra che permette ai visitatori di gustare in ogni senso l’esperienza Tramin. Letteralmente affacciati su questo lembo verde e blu di Sud Tirolo, avvicinando un bicchiere di Gewürtraminer alle labbra, non vi stupirete di percepire tanto intensamente il canto dei venti, rapiti dal panorama pedemontano tratteggiato a sbalzo, quasi toccando con il pensiero i frutteti odorosi e le uve polpose dei vitigni.

Vino: Pepi
Titolo alcolometrico: 13,5% vol.
Annata: 2018.
Classificazione: Alto Adige DOC.
Vitigno: 100% Sauvignon.
Descrizione dell’annata: nonostante una germinazione relativamente tardiva, le temperature elevate e l’umidità registrate ad aprile e maggio hanno anticipato la fioritura in vigna. Da metà giugno il tempo era caldo e secco e un lieve stress idrico ha favorito una conclusione ottimale della crescita della vite e un passaggio ideale alla fase di maturazione. Importanti quantità di pioggia poco prima della vendemmia si sono rivelate benefiche per l’uva, in quanto dopo un’estate alquanto arida le hanno permesso di giungere alla fase di maturazione finale con un bilancio idrico positivo. Per tutta la durata della vendemmia il tempo asciutto e soleggiato ha creato le condizioni ideali per una perfetta maturazione e uno sviluppo armonico degli aromi dell’uva. Di conseguenza, per ogni vitigno e in ogni vigneto è stato possibile procedere alla vendemmia proprio nel momento più adatto. Il risultato sono vini bianchi che si caratterizzano per una struttura elegante e una finissima acidità. Anche i vini rossi presentano un grande potenziale, poiché possenti e tannici.
Vigneti: sono situati in due distinte zone collinari, su versanti opposti della vallata. Questi vigneti beneficiano del calore del sole in tempi e modi molto differenti. Sul versante occidentale la luce del sole scalda fin dal primo mattino quando il sole sorge dall’altro versante, mentre sul versante orientale, il culmine della luce solare si mostra dal primo pomeriggio fino al tramonto. Entrambi i vigneti si trovano a un’altezza di oltre 450 metri slm, su terreni calcarei di conformazione argillosa e ghiaiosa. Penon e a Pinzon, due zone viticole classiche per il Sauvignon, si trovano nei comuni di Cortaccia e Montagna.
Resa: 55 hl/ettaro
Vinificazione: dopo la vendemmia l’uva è sottoposta a pressatura soffice immediata. Segue la fermentazione in piccoli contenitori d’acciaio con temperatura controllata a 19°C. La successiva vinificazione prevede un lungo contatto con i lieviti che si protrae per 8 mesi in grandi botti di rovere, senza fermentazione malolattica.
Temperatura di servizio: 10-12° C.
Zuccheri residui: 2,6 g/l.
Acidità totale: 6,4 g/l.
Invecchiamento: 3-5 anni.
Bottiglie da: 0,75 l 1,5 l.

Pepi 2018 - Cantina Tramin

© Cantina Tramin

Esame visivo
Limpidezza: cristallino
Colore: giallo paglierino
Consistenza: consistente
Osservazioni: con riflessi dorati.

Esame olfattivo
Intensità: intenso
Complessità: complesso
Qualità: fine
Descrizione: floreale, fruttato ed erbaceo
Osservazioni: sentori di sambuco, frutta esotica matura come papaya e mango, pompelmo, foglia di pomodoro e sotto bosco.

Esame gusto – olfattivo
Zuccheri: secco
Alcoli: caldo
Polialcoli: morbido
Acidi: fresco
Tannini: – – –
Sostanze minerali: sapido
Struttura: di corpo
Equilibrio: equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: persistente
Qualità: fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: maturo
Armonia: armonico

Abbinamenti: risotto con asparagi e gamberetti.


Etichette recensite:
Pepi 2018
Selida 2018

Cantina Tramin
Strada del Vino 144
39040 Termeno (BZ)
Phone +39 0471 096633
E-mail: info@cantinatramin.it
Website: www.cantinatramin.it

About the author

Wine Tasting Team

Alessio Picciafuochi (Sommelier), Anna Maria Taccioli (Sommelier - Osteria La Limonaia), Fabiano Pugolotti (Sommelier), Luca D'Onofrio (Sommelier - Aqvolina Restaurant & Lounge Bar), Luca Giaccai (Sommelier - Agraria Giaccai) e Piero Pardini (Sommelier)