(Di)Vino Amore Food&Wine

Cremisi 2019 – Il Colombaio di Santa Chiara

Cremisi 2019 - Il Colombaio di Santa Chiara
Written by Wine Tasting Team

Credits: © Il Colombaio di Santa Chiara

San Gimignano con l’assordante silenzio delle sue pietre cariche di storia e di orme, con il suo profilo riconoscibile si impone più facilmente di altri luoghi nella memoria delle persone. Una magia che si riflette su tutto il suo territorio, nelle ondulate pieghe dei vigneti e nei verdi profili boschivi. Il suo fascino si riverbera sulle chiome argentate degli uliveti e nei viottoli di campagna. Vengono in mente le parole di Pavese quando pensava alla sua collina “non era un luogo tra gli altri, ma un aspetto delle cose, un modo di vivere”. Nascere a San Gimignano è un modo di vivere, si cammina nella storia, in un tempo immobile continuamente scosso, ma mai turbato, dalla voracità dei turisti, si vive la bellezza della natura e si guarda l’orizzonte respirando l’immensità. È un territorio con cui si instaura da subito un dialogo appassionato e silente, fatto di rispetto e di cura, un dialogo palpitante che diventa un abbraccio avvolgente. Per questo Il Colombaio di Santa Chiara ha deciso fin dalla sua nascita di coltivare in conduzione biologica.
Il Colombaio di Santa Chiara è stata fondata da Mario Logi. Era l’inizio degli anni ’50, quando lui, molto prima di diventare adulto, già lavorava nei campi. Con il tempo e la determinazione è sorta l’ azienda, dapprima dedita all’allevamento e trasformatasi poi nella realtà viticola che è oggi.
La svolta verso la viticoltura, la vinificazione e l’imbottigliamento si è avuta nel 2002 dopo l’acquisto della Pieve di San Donato e dei terreni adiacenti sulla spinta del più piccolo dei figli di Mario, Alessio Logi, che grazie agli studi in enologia ne aveva riconosciuto le potenzialità soprattutto ad accogliere la Vernaccia di San Gimignano . Il coinvolgimento dei fratelli Giampiero e Stefano nel progetto è stato immediato e ha segnato il momento in cui l’azienda è diventata una tradizione di famiglia. Anche con l’entrata dell’ultima generazione ognuno mantiene un proprio ruolo e al contempo è partecipe della visione d’insieme.
Proprio a San Donato è sorta la piccola cantina che permesso di muovere i primi passi, timidi, ma non incerti. Il primo anno sono state prodotte 5000 bottiglie vendute localmente. L’apprezzamento ha dato slancio al progetto e alla produzione arrivando nel 2013 a circa 90.000 bottiglie
In cantina Alessio si è sempre occupato in prima persona della produzione affiancato fin dagli inizi dal giovane enologo Nicola Berti allievo di Paolo Caciornia.
Nel 2007 il mondo del vino si accorge di questa nuova realtà che con coraggio punta sul territorio e sulla Vernaccia di San Gimignano in purezza. Il Gambero Rosso recensisce il Colombaio di Santa Chiara dedicandogli la pagina grande.
La vera svolta arriva con la vendemmia 2011, quando dopo anni di affinamento dell’esperienza in vigna e in cantina Il Colombaio di Santa Chiara individua il suo stile. Si passa da macerazioni spinte a macerazioni più moderate, si cerca un maggiore equilibrio, si esalta acidità, freschezza, verticalità e pungenza. Selvabianca 2011 ne è la riprova ancora oggi.
Nel 2012 tutte le più importanti guide aggiudicano al Campo della Pieve i loro massimi riconoscimenti. Tra il 2012 e il 2013 l’azienda si apre a nuovi mercati.
All’inizio del 2016 con l’acquisto di un vigneto di 10 ha altamente vocato alla produzione di Vernaccia si raddoppia la superficie vitata dell’azienda.

Proprietà: Famiglia Logi
Conduzione enologica: Nicola Berti
Conduzione agronomica: Mario Logi
Referente: Alessio Giampiero e Stefano Logi
Viticoltura: biologica certificata
Ettari vitati: 21
Bottiglie prodotte: 100.000
Vendita diretta: sì
Visite in azienda: sì
Produzione olearia: sì
Anno di fondazione: 2000

Vino: Cremisi
Composizione varietale: 100% Sangiovese.
Denominazione: Toscana I.G.T. Rosato.
Titolo alcolometrico: 13,5% vol.
Annata: 2019.
Coltivazione: biologica certificata.
Terreno: suoli a medio impasto, ricchi di scheletro e calcare.
Altitudine: 350 m s.l.m.
Sistema di allevamento: cordone speronato.
Densità ceppi per ettaro: 5.500.
Resa vino: 55/60 hl/ha.
Numero di bottiglie: 2000.
Vendemmia: effettuata a mano a partire dalla prima settimana di ottobre.
Vinificazione: breve macerazione pellicolare per 4-6 ore in pressa.
Fermentazione: a temperatura controllata.
Affinamento: 7 mesi in acciaio sulla feccia nobile.
Prima annata prodotta: 2009.
Temperatura di servizio: 12° C.

Cremisi 2019 - Il Colombaio di Santa Chiara

© Ph. Piero Pardini – The Wolf Post

Esame visivo
Limpidezza: cristallino
Colore: rosa cerasuolo
Consistenza: consistente
Osservazioni: vivace con riflessi tenui.

Esame olfattivo
Intensità: intenso
Complessità: abbastanza complesso
Qualità: fine
Descrizione: floreale e fruttato
Osservazioni: sentori di rosa rosa e fiori di campo, note fruttate di melograno, fragoline di bosco e lampone.

Esame gusto – olfattivo
Zuccheri: secco
Alcoli: caldo
Polialcoli: abbastanza morbido
Acidi: fresco
Tannini: – – –
Sostanze minerali: abbastanza sapido
Struttura: di corpo
Equilibrio: equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: abbastanza persistente
Qualità: fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: maturo
Armonia: abbastanza armonico
Note:

Abbinamento: pizza margherita verace.


Etichette recensite:
Cremisi 2019

Il Colombaio di Santa Chiara
Loc. San Donato, 1
53037 San Gimignano (Siena)
Phone +39 0577 942004
E-mail: info@colombaiosantachiara.it
Website: www.colombaiosantachiara.it

About the author

Wine Tasting Team

Alessio Picciafuochi (Sommelier), Anna Maria Taccioli (Sommelier - Osteria La Limonaia), Fabiano Pugolotti (Sommelier), Luca D'Onofrio (Sommelier - Aqvolina Restaurant & Lounge Bar), Luca Giaccai (Sommelier - Agraria Giaccai), Luciano Vignali (Sommelier - Enoteca Da David) e Piero Pardini (Sommelier - Direttore Responsabile)