Recensioni & Punteggi

Casanova Montepulciano d’Abruzzo 2018 – Barone Cornacchia

Casanova Montepulciano d'Abruzzo 2018 - Barone Cornacchia
Written by Piero Pardini

Credits: © Ph. Donatella Mancini – Barone Cornacchia

L’Azienda Agricola Barone Cornacchia ha una antica tradizione che affonda le sue radici alla fine del XVI secolo, quando la famiglia Cornacchia ricevette, da parte del Re di Napoli, “terra e castella” ovvero il titolo baronale (Baroni di Poggio Varano e CASANOVA) e il compito, tipico dell’ordinamento feudale del tempo, di controllare i vasti feudi che si estendevano intorno alla Fortezza di Civitella (TE), sulla terra di confine del Regno dei Borboni. Con l’unità d’Italia, fedeli ai Borboni, i Cornacchia abbandonarono il palazzo nella fortezza ritirandosi in un possedimento in località Torri, piccolo borgo oggi dimora della famiglia e sede dell’azienda. Questa proprietà ha da sempre mostrato la sua vocazione alla viticoltura perché caratterizzata da colline con un’ottima esposizione, il terreno calcareo pietroso e un microclima ideale, grazie alla vicinanza con il mare Adriatico e la catena del Gran Sasso d’Italia. Agli inizi del 1900 Il Barone Filippo Vizzarro Cornacchia, appassionato viticoltore, scelse questo eccezionale territorio per riprendere e tramandare l’antica tradizione vitivinicola. Dopo la devastante infestazione di fillossera che colpì tutta l’Italia, selezionò antichi cloni e impiantò nuovamente tutti i vigneti con innesto americano introducendo tra le varietà coltivate, il Montepulciano.
Nel 1969 il clone Montepulciano R/7, Biotipo Teramano è stato selezionato proprio nella vigna dei Baroni Cornacchia ed è stato, fino al 2007, uno dei pochissimi cloni di tale varietà ad essere largamente utilizzato in tutto l’Abruzzo.
Si sono succedute ben 4 generazioni, ognuna delle quali ha aggiunto un tassello importante nell’assetto attuale della Cantina cogliendo sempre nel corso degli anni le tecniche e le tecnologie disponibili.

Proprietà: Filippo e Caterina Cornacchia
Conduzione enologica: Filippo Cornacchia e consulenza di Goffredo Agostini
Conduzione agronomica: Filippo e Caterina Cornacchia
Viticultura: biologica
Ettari vitati: 54
Bottiglie prodotte 250.000
Vendita diretta: si
Visite in azienda: si
Anno di fondazione: primi anni del ‘900 su un’antica proprietà di famiglia (dal 1488).

Vino: Montepulciano D’Abruzzo
Composizione varietale: 100% Montepulciano.
Titolo alcolometrico: 14% vol.
Annata: 2018.
Classificazione: Montepulciano d’Abruzzo DOC.
Zona di produzione: Contrada torri, Torano Nuovo (TE).
Altitudine del terreno: 250 m s.l.m..
Tipologia di terreno: calcareo pietroso.
Sistema di allevamento: filare a cortina semplice con cordone speronato.
Densità d’impianto: 4.000piante per ettaro.
Resa per ettaro: 90/100 quintali di uva.
Vendemmia: manuale con selezione dei grappoli.
Epoca di vendemmia: prima metà ottobre.
Vinificazione: pigiadiraspatura, macerazione sulle bucce per 5-6 giorni con mosto a 28/30° C, svinatura.
Fermentazione: in vasche di acciao inox.
Affinamento: in botti di rovere di Slavonia di 30 ettolitri di capacità per 12 mesi e successivamente in bottiglia per 3 mesi.
Temperatura di servizio: 16°-18° C.

Casanova Montepulciano d'Abruzzo 2018 - Barone Cornacchia

© Piero Pardini – The Wolf Post

Note di degustazione:
Campione di colore rosso rubino intenso, quasi impenetrabile, con riflessi granati.
Il vino si apre con un’intensa nota floreale di fiori viola come la viola mammola e il glicine, suadenti anche le note fruttate che ricordano i frutti maturi a bacca scura come la mora, il gelso e il cassis, sentori di spezie dolci come anice e noce moscata, molto eleganti i profumi di tabacco da pipa biondo e sentori di scatola di sigari, finale balsamico e nuance di erbe officinali.
Il vino presenta un ottimo profilo olfattivo con profumi interessanti, netti e variegati, all’assaggio è d’impatto e la sua persistenza è molto lunga, da perfezionare il bilanciamento delle parti morbide e dure con un po’ di affinamento , ma nel complesso un grande vino.
Si consiglia in abbinamento con costine di agnello alla brace.

Valutazione:
4 Lupetti


Altre etichette dell’azienda in Guida (Di)Vino

Barone Cornacchia
Contrada Torri, 19
64010 Torano Nuovo (TE)
Phone +39 0861 887412
E-mail: info@baronecornacchia.it
Website: www.baronecornacchia.it

About the author

Piero Pardini

Founder and editor-in-chief of "The Wolf Post".
Freelance Journalist.
Wine critic and Sommelier.
He has also written about sports and technology for some specialized magazines.
Co-author of the essay "Gianni Clerici - The writer, the poet the journalist", Le Lettere, Firenze.

This site is protected by wp-copyrightpro.com