Recensioni & Punteggi

Ciardo 2019 – Tre Monti

Ciardo 2019 - Tre Monti
Written by Piero Pardini

Credits: © Tre Monti

Certe scelte “di vita” si fanno a volte in modo non razionale, magari con la convinzione di essere guidati dalle emozioni, dai sentimenti, quando invece, più o meno inconsciamente, si obbedisce a qualcosa d’altro. Così fu quando, all’inizio degli anni ’70, Thea e Sergio Navacchia diedero il via a questa avventura. E così è stato quando David e Vittorio, alla morte della loro mamma, nel 1989, decisero che fare vino sarebbe stato il lavoro della loro vita.
Sergio e Thea, a modo loro, furono dei rivoluzionari. Una rivoluzione che partì in vigna (fra i primi a piantare con grandi densità per ettaro e a sperimentare con vitigni non tradizionali) per proseguire in cantina
Collaborazioni importanti con la migliore enologia italiana: un giovanissimo Francesco Spagnolli nei primi anni ottanta, quindi Vittorio Fiore fino ad arrivare a Donato Lanati, i cui insegnamenti sono stati fondamentali per la crescita di Vittorio come responsabile della gestione agronomica ed enologica dell’azienda.
L’azienda è costituita da due corpi poderali, uno sulle colline imolesi, l’altro su quelle forlivesi. La superficie agricola complessiva si estende su circa cinquantacinque ettari, tutti coltivati a vigneto. La zonazione dei terreni aziendali ha posto in evidenza una grande gamma di composizioni anche all’interno dello stesso appezzamento, rendendo obbligatoria una ulteriore suddivisione in micro-zone. La conoscenza capillare dei terreni ha permesso la messa a dimora delle varietà più compatibili con ogni singola specificità. I risultati sono nella ricchezza di qualità e nella diversità delle uve ottenute.

Proprietà: Famiglia Navacchia
Conduzione enologica: Nicola Tucci, Vittorio Navacchia
Conduzione agronomica: Patrizio Gasparinetti, Vittorio Navacchia
Viticoltura: biologica certificata
Ettari vitati: 50
Bottiglie prodotte: 180.000
Vendita diretta: sì
Visite in azienda: sì
Anno di fondazione: 1971

Vino: Ciardo
Composizione varietale: 90% Chardonnay, 10% Sauvignon Blanc.
Titolo alcolometrico: 13% vol.
Annata: 2019
Classificazione: Rubicone I.G.P..
Vigne: Vigna della Villa, Podere di Imola.
Sistema di allevamento: Guyot.
Composizione del terreno: argilloso.
Epoca di vendemmia: seconda metà d’agosto.
Densità d’impianto: 4.800 piante per ettaro.
Anno impianto: 1990.
Vinificazione: Pressatura soffice a freddo, fermentazione con lieviti selezionati.
Fermentazione e affinamento: in vasche in acciaio inox.

Ciardo 2019 - Tre Monti

© Ph. Piero Pardini – The Wolf Post

Esame visivo
Limpidezza: cristallino
Colore: giallo verdolino
Consistenza: consistente
Osservazioni:

Esame olfattivo
Intensità: intenso
Complessità: abbastanza complesso
Qualità: abbastanza fine
Descrizione: floreale e fruttato
Osservazioni: sentori di fiori bianchi come acacia e narciso, frutti come banana ananas e melone giallo, nota di vaniglia.

Esame gusto – olfattivo
Zuccheri: secco
Alcoli: caldo
Polialcoli: abbastanza morbido
Acidi: fresco
Tannini: – – –
Sostanze minerali: sapido
Struttura: di corpo
Equilibrio: equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: abbastanza persistente
Qualità: abbastanza fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: pronto
Armonia: abbastanza armonico

Abbinamenti: tagliere di salumi freschi.


Etichette recensite:
Campo di Mezzo 2019
Ciardo 2019


Tre Monti
Via Lola, 3 – Località Bergullo
40026 Imola (BO)
Phone: +39 0542 657116
E-mail: tremonti@tremonti.it
Website: www.tremonti.it

About the author

Piero Pardini

Founder and editor of "The Wolf Post".
Freelance Journalist.
Wine critic and Sommelier.
He has also written about sports and technology for some specialized magazines.
Co-author of the authorized biography "Gianni Clerici - The writer, the poet the journalist", Le Lettere, Firenze.

This site is protected by wp-copyrightpro.com