(Di)Vino Amore Food&Wine

Brunello di Montalcino 2015 – Fattoi

Brunello di Montalcino 2015 - Fattoi
Written by Wine Tasting Team

Credits: © Fattoi

La storia vinicola della famiglia “Fattoi” inizia negli anni ’60, il periodo del boom economico italiano. Intorno al 1965 Ofelio decise, dopo essersi fatto una discreta esperienza sulla coltivazione della vite e dell’olivo, di acquistare un appezzamento di terra e mettersi in proprio. I primi anni furono duri, dopo molti sacrifici Ofelio e i suoi figli, Leonardo e Lamberto, sono riusciti a costruire una piccola-media azienda vinicola che da ormai 30 anni lavora con passione producendo vini ed olio di qualità. La loro filosofia è strettamente legata alle radici ed alla tradizione del territorio.
Attualmente l’azienda possiede 9 ettari di vigneti coltivati esclusivamente ad uvaggio Sangiovese grosso, la tipologia dalla quale vengono prodotti i vini autoctoni del territorio: Rosso di Montalcino, Brunello e Brunello Riserva; oltre a circa 3 ettari di oliveto (intorno alle 700 piantagioni di varie qualità tra cui: olivastra, leccino e moraiolo). La produzione è di circa 50.000 bottiglie totali all’anno: 26.000 di Brunello, 20.000 per il Rosso; e 4.000-4.300 per la Riserva (prodotta solo nelle migliori annate).
La vendemmia, la potatura e le selezioni in vigna vengono effettuate manualmente in modo da tenere sotto controllo il più possibile l’impianto produttivo. La raccolta delle uve avviene intorno alla fine di settembre-inizio ottobre, questo è il periodo nel quale mediamente questi vigneti raggiungono una macerazione ottimale. I vigneti sono ad un’altezza di circa 300 metri sul livello del mare ed hanno un’ottima esposizione al sole che facilita la maturazione dei grappoli, il suolo è principalmente composto da terra chiamata galestro, una tipologia particolare di terra composta da argilla e minerali. Vengono effettuate selezioni in vigna ed in cantina per ridurre le quantità ed incrementare la qualità. Una volta arrivate in cantina le uve iniziano il processo di fermentazione alcolica e malolattica nei contenitori in acciaio inox a temperatura controllata. L’affinamento dei vini avviene principalmente nelle botti di rovere di slavonia di dimensioni che vanno dai 32 Hl. fino ai 45 Hl. È proprio questo uno dei punti di forza della nostra cantina, contraddistinguerci per un metodo tradizionale seppur al passo con i tempi, ne risultano vini corposi, strutturati ma allo stesso tempo con un certo equilibrio e una discreta acidità che gli permette di essere conservati a lungo in bottiglia. Sono vini genuini come le persone che li producono con passione.
Il Rosso di Montalcino è invecchiato in legno per circa 6 mesi, mentre il Brunello 3 anni abbondanti ed il Brunello Riserva 4 anni. Questi vini sono strutturati per sostenere un ulteriore affinamento in bottiglia che con il tempo li rende più equilibrati e morbidi.

Vino: Brunello di Montalcino
Composizione varietale: 100% Sangiovese .
Titolo alcolometrico: 14,5% vol..
Annata: 2015.
Zona di produzione: parte Sud del territorio del Comune di Montalcino.
Composizione del terreno: sabbie ed argille plioceniche, di ottima esposizione.
Clima: mediterraneo con estati calde, inverni non troppo rigidi, pioggia concentrate nei mesi autunnali e primaverili.
Produzione media annuale in HL: 200,00.
Altitudine media vigneti: mt 350 s.l.m..
Densità di viti per ettaro: 4.166
Forma di allevamento: Cordone speronato.
Resa uva ql/ha: 80%.
Resa uva in vino: 68%.
Età dei vigneti: variabile da 25 a 5 anni.
Vinificazione: vendemmia inizio Ottobre, raccolta manuale, trasporto i piccoli cassoni, diraspapigiatura, fermentazione in vasche di acciaio inox, temperatura di fermentazione da 25 a 28 °C, macerazione di 15-20 giorni, svinatura e sgrondatura delle vinacce, sfecciature e inizio affinamento in acciaio a marzo-maggio.
Invecchiamento: 3 anni in botti di Rovere slavonia e francese.
Affinamento bottiglia: 4 mesi.
Temperatura di servizio: 18 °C stappare la bottiglia almeno 1-2 ore prima di servire.
Metodo di conservazione: mantenere la bottiglia coricata in luogo fresco, buio e asciutto.
Durata: vino da lungo invecchiamento, esprime le sue caratteristiche migliori non prima di 5-6 anni dall’annata di produzione, ma può essere consumato anche dopo 10-12 anni e oltre.

Brunello_di_Montalcino_2015_Fattoi_Ph_Piero_Pardini

© Ph. Piero Pardini – The Wolf Post

Esame visivo
Limpidezza: limpido
Colore: rosso granato
Consistenza: consistente
Osservazioni: non particolarmente carico di colore.

Esame olfattivo
Intensità: intenso
Complessità: complesso
Qualità: fine
Descrizione: floreale, fruttato, speziato e tostato
Osservazioni: pot pourri di fiori rossi leggermente appassiti tra cui la rosa rossa, frutti maturi come la prugna, frutti di bosco, ciliegia, note speziate di liquirizia e pepe nero macinato, profumi di polvere di cacao e sigaro spezzato, profumi di erbe aromatiche e sentori di sottobosco che richiamano il fungo e il terriccio bagnato con foglie.

Esame gusto – olfattivo
Morbidezza
Zuccheri: secco
Alcoli: caldo
Polialcoli: abbastanza morbido
Durezza
Acidi: abbastanza fresco
Tannini: tannico
Sostanze minerali: abbastanza sapido
Struttura: robusto
Equilibrio: abbastanza equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: abbastanza persistente
Qualità: fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: pronto
Armonia: abbastanza armonico
Note: Vino di carattere e di classe che ancora non ha raggiunto a pieno il suo potenziale. Da far riposare in cantina ancora 3-4 anni.
Abbinamenti: fagiano in umido con funghi porcini.


Etichette recensite:
Brunello di Montalcino 2015
Rosso di Montalcino 2018

Azienda Agricola Fattoi Ofelio e Figli
Podere Capanna, 101
Località Santa Restituita
53024 Montalcino (SI)
Phone +39 0577 848613
E-mail: info@fattoi.it
Website: http://www.fattoi.it

About the author

Wine Tasting Team

Alessio Picciafuochi (Sommelier), Anna Maria Taccioli (Sommelier - Osteria La Limonaia), Fabiano Pugolotti (Sommelier), Luca D'Onofrio (Sommelier - Aqvolina Restaurant & Lounge Bar), Luca Giaccai (Sommelier - Agraria Giaccai), Luciano Vignali (Sommelier - Enoteca Da David) e Piero Pardini (Sommelier - Direttore Responsabile)