(Di)Vino Amore Food&Wine

Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2015 – Tenuta di Gracciano della Seta

© Tenuta di Gracciano della Seta
Written by Wine Tasting Team

Credits: © Tenuta di Gracciano della Seta

La Tenuta di Gracciano è una delle aziende più antiche nell’area di Montepulciano. La famiglia Svetoni (originaria di queste terre), possedeva Gracciano dall’inizio del 1800. La Villa costruita ai primi del secolo XIX è circondata da un giardino all’italiana che risale a quell’epoca.
Gracciano era una proprietà molto vasta, di oltre 400 ettari con 22 poderi, dove oltre al vino, venivano coltivati i vari prodotti tipici della mezzadria Toscana.
Per via ereditaria la proprietà è pervenuta oggi ai tre fratelli della Seta Ferrari Corbelli Greco, Marco, Vannozza e Galdina attraverso il loro padre Giorgio.
Attualmente l’azienda consiste di circa 70 ettari di cui 20 a vigneto. Le vigne sono situate sui terreni limosi-argillosi delle colline di Gracciano, uno dei crus storici più prestigiosi di Montepulciano. Ricordiamo che sin dal 1864 il Vino Nobile di Montepulciano delle cantine allora Svetoni (ora Tenuta di Gracciano della Seta) vinse un premio alla fiera internazionale di Torino.
Ancora oggi nelle vecchie cantine della villa di Gracciano sono conservate varie bottiglie di annate storiche.
Giorgio della Seta che aveva svolto per molti decenni l’attività di “Manager” di una multinazionale in vari paesi all’estero, rientrato in Toscana, decide di dedicarsi all’azienda di famiglia rinnovandone i vigneti e costruendo nel 2013 una nuova cantina di vinificazione che si è così affiancata alla cantina storica che rimane operativa per l’affinamento in legno.
Da sempre l’azienda è stata diretta da enologi rinomati (come Nicolò d’Afflitto dal 1985 e dal 1995 da Beppe Rigoli) i quali hanno contribuito a far sì che la Tenuta di Gracciano producesse l’ottimo Vino Nobile di Gracciano della Seta, nel rispetto assoluto del terroir e valorizzando i vitigni autoctoni.

La Tenuta di Gracciano della famiglia della Seta Ferrari Corbelli Greco, si estende su circa 20 ettari vitati.
Gracciano è uno dei cru storici di Montepulciano. L’altitudine media è 300- 350 metri slm. I suoli sono in prevalenza limosi-argillosi: in alcuni prevale la matrice argillosa, in altri prevale la matrice arenaria. Questa zona è particolarmente vocata per la coltivazione della vite e soprattutto per la coltivazione dei vitigni che compongono l’uvaggio del Vino Nobile. Il Prugnolo Gentile riesce qui a manifestare tutto il suo potenziale grazie ad una maturazione lenta e completa, dovuta alla buona ventilazione, alla escursione termica notturna e alla buona esposizione. C’è una bassa incidenza di gelate tardive e le grandinate si verificano raramente.
I vigneti sono dislocati in 4 crus: Casale, Toraia, Maramai e Podere Rovisci, ognuno dei quali ha caratteristiche che si differenziano soprattutto per il suolo.
Casale è il cru con il terreno più sciolto e produce vini armonici, eleganti e profumati. Il vigneto è stato reimpiantato nel 2008, quindi le uve sono utilizzate per la produzione del Rosso di Montepulciano.
Gli altri tre crus hanno una frazione argillosa più importante soprattutto il Podere Rovisci le cui uve sono destinate alla produzione del Vino Nobile Riserva.
L’età media delle viti è di 15 anni. Una parte del vigneto Maramai ha più di quaranta anni.
La filosofia aziendale è sempre stata improntata al rispetto della tradizione e dell’ambiente. Infatti non sono utilizzati né concimi chimici né diserbi e i vini cercano di rispettare il più possibile l’espressione del territorio con interventi tecnologici su uve e vini alquanto rispettosi della materia prima. La Tenuta di Gracciano si è convertita all’agricoltura Biologica a partire del 2015.
Solamente nelle annate migliori vengono selezionate le migliori uve per produrre un quantitativo limitato di Riserva di Vino Nobile di Gracciano della Seta.

© Tenuta di Gracciano della Seta

© Tenuta di Gracciano della Seta

Vino: Vino Nobile di Montepulciano Riserva
Composizione varietale: 100% Sangiovese
Titolo alcolometrico: 14% vol.
Annata: 2015
Classificazione: DOCG (Denominazione d’Origine Controllata e Garantita)
Crus: Maramai, Podere Rovisci
Esposizione vigneti: sud/sud-est/sud-ovest
Altitudine: 300-350 metri s.l.m.
Tipo di terreno: limoso-argilloso
Età dei vigneti (anno di impianto): 1970 – 1993
Densità di impianto: 3.300 (vecchi impianti) – 4.500-5000 ceppi/ha
Vitigni: Prugnolo Gentile 90%, Merlot 10%
Forma di allevamento viti: guyot e cordone speronato
Produzione: 30 ettolitri per ettaro
Vinificazione: fermentazione e macerazione sulle bucce in acciaio a temperatura controllata (28° C) con lieviti indigeni per circa 20-25 giorni con rimontaggi giornalieri
Invecchiamento: 24 mesi di cui i primi 12 in tonneaux di rovere francese da 3,5 e 5 ettolitri e gli altri 12 mesi in botti di rovere di Slavonia da 25 ettolitri
Affinamento in bottiglia: almeno 6 mesi
Produzione media bottiglie: 6.600 bottiglie da 0,75 l

Esame visivo
Limpidezza: limpido
Colore: rosso rubino
Consistenza: consistente
Osservazioni: con leggeri riflessi granati

Esame olfattivo
Intensità: abbastanza intenso
Complessità: abbastanza complesso
Qualità: abbastanza fine
Descrizione: floreale, fruttato e speziato
Osservazioni: sentori di mora prugna, fiori rossi e pepe nero

Esame gusto – olfattivo
Morbidezza
Zuccheri: secco
Alcoli: caldo
Polialcoli: abbastanza morbido
Durezza
Acidi: abbastanza fresco
Tannini: tannico
Sostanze minerali: abbastanza sapido
Struttura: di corpo
Equilibrio: abbastanza equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: abbastanza persistente
Qualità: abbastanza fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: pronto
Armonia: abbastanza armonico
Abbinamenti: bistecca alla fiorentina, formaggio stagionato, coniglio in salmì con polenta


Tenuta di Gracciano della Seta
Via Umbria 59/61
53045 Montepulciano – Siena
Phone +39 0578 708340
E-mail: info@graccianodellaseta.com
Website: www.graccianodellaseta.com

About the author

Wine Tasting Team

Alessio Picciafuochi (Sommelier), Anna Maria Taccioli (Sommelier - Osteria La Limonaia), Fabiano Pugolotti (Sommelier), Luca D'Onofrio (Sommelier - Aqvolina Restaurant & Lounge Bar), Luca Giaccai (Sommelier - Agraria Giaccai) e Piero Pardini (Sommelier)