(Di)Vino Amore Food&Wine

Magistro 2016 – Rigoli

© Azienda Rigoli
Written by Wine Tasting Team

Credits: © Ph. Franco Biondi Azienda Rigoli

Sulla strada che porta a Suvereto si incontrano i primi vigneti dell’Azienda Rigoli situata nel pieno centro della Val di Cornia. Questo territorio si estende tra i confini delle province di Livorno e Grosseto, a sud di Bolgheri e, racchiuso tra le colline metallifere dell’Alta Maremma è un territorio dove si concentrano risorse di alto valore paesaggistico, storico e archeologico tali da costituire uno straordinario patrimonio di testimonianze culturali. In questo scenario di rara bellezza, arricchiscono e completano il quadro, estesi vigneti collocati nella fascia pedecollinare di Monte Calvi e delle altre floride colline. Qui si sono affermati importanti vini a Denominazioni di Origine appartenenti alla strada del Vino Costa degli Etruschi di cui la D.O.C. Val di Cornia ne è parte. L’Azienda Rigoli si inserisce in questo contesto. Già negli anni 60′ e 70′ si producevano vino per consumo familiare. Con gli anni ’80 l’Azienda inizia a qualificare la produzione per giungere ai primi vini in bottiglia con l’assegnazione della Denominazione di Origine Controllata alla Val di Cornia. Alla fine degli anni ’90 si acquisiscono altri terreni, si rinnovano i vigneti ampliando le varietà coltivate; oltre al Sangiovese e l’Ansonica presenti in passato, vengono impiantati Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot e Vermentino. Oggi l’Azienda Rigoli condotta dal fondatore, Nelusco Pini, e dai suoi figli, Edoardo e Niccolò, coltiva sette ettari di vigneto e due di oliveto collocati ai piedi di una collina ben esposta a sud, coperta nella sommità da macchia mediterranea. Un microclima asciutto, mite d’inverno e ben assolato d’estate che favorisce la giusta maturazione delle uve. E’ per questo che i vini hanno la capacità di raccontare la terra che li ha tenuti in grembo, esprimendo carattere e personalità. Un ambiente di cui essere gelosi custodi.
Coadiuvati dall’enologo Leonardo Conti del gruppo “Matura” produce attualmente 30.000 bottiglie annue.

Vino: Magistro
Composizione varietale: 100% Ansonica.
Titolo alcolometrico: 14% vol..
Annata: 2016.
Classificazione: Val di Cornia D.O.C. (Denominazione di Origine Controllata).
Sistema di allevamento in vigna: Cordone speronato.
Terreno: pedecollinare, medio impasto, calcareo, asciutto, buon equilibrio degli elementi nutritivi.
Raccolta: seconda metà di settembre.
Produzione: 60-70 Hl/ettaro.
Vinificazione: frangitura e pressatura gtradizionale, decantazione statica del mosto a freddo.
Fermentazione: a temperatura controllata per 60/70 giorni.
Maturazione: 4 mesi in vasca di acciaio.
Affinamento: almeno 3 mesi in bottiglia.
Acidità TOT 5,70.
Temperatura di servizio: 12-15°C.

© Azienda Rigoli

© Azienda Rigoli

Esame visivo
Limpidezza: limpido
Colore: giallo ambrato
Consistenza: consistente
Osservazioni: vivace.

Esame olfattivo
Intensità: intenso
Complessità: complesso
Qualità: fine
Descrizione: floreale, fruttato, fragrante ed etereo
Osservazioni: note di fiori appassiti, confettura di albicocca, fico canditi, biscotto, cera, burro fuso, caramello.

Esame gusto – olfattivo
Morbidezza
Zuccheri: dolce
Alcoli: caldo
Polialcoli: morbido
Durezza
Acidi: abbastanza fresco
Tannini:
Sostanze minerali: abbastanza sapido
Struttura: di corpo
Equilibrio: equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: molto persistente
Qualità: fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: maturo
Armonia: abbastanza armonico
Abbinamenti: gorgonzola, pasticceria secca, crostate di fichi o albicocca, torta sacher, vino da meditazione e conversazione da bere e ribere.


Azienda agricola Rigoli
Via degli ulivi, 8
57021 Campiglia Marittima (Livorno)
Phone +39 348 6002441
E-mail: info@rigolivini.it
Website: www.rigolivini.it

About the author

Wine Tasting Team

Alessio Picciafuochi (Sommelier), Anna Maria Taccioli (Sommelier - Osteria La Limonaia), Fabiano Pugolotti (Sommelier), Luca D'Onofrio (Sommelier - Aqvolina Restaurant & Lounge Bar), Luca Giaccai (Sommelier - Agraria Giaccai) e Piero Pardini (Sommelier)