Food&Wine Storie (Di)Vino

Crita 2017 – Biologica Stellino

© Ph. Biologica Stellino
Written by Wine Tasting Team

Credits: © Ph. Biologica Stellino

L’azienda Stellino nasce nei primi anni del ‘900, è un azienda prevalentemente vitivinicola, situata nell’agro di Monreale, tra Alcamo e Camporeale, la coltivazione principale è la vite da vino, varietà autoctone a bacca bianca e nera.
Tommaso e Pietro rappresentano la 4 generazione di una famiglia di agricoltori che si è dedicata alla cura della terra con dedizione e passione, nel tempo l’azienda è cresciuta, non solo in grandezza ma anche differenziato la produzione con l’introduzione di nuove varietà di uve da vino, autoctone, e specie arboree, come il mandorlo. Ad oggi la superficie raggiunge i 20 ettari, coltivate in bio dal 2008.
Nel 2016 si decide di trasformare parte delle uve in vino, realizzando un sogno che da tempo era in mente intraprendendo una nuova avventura aziendale, Biologica Stellino con i sui vini, un lavoro che il padre e suo padre già facevano in passato; dove il catarratto la faceva da padrona (catarratto lucido), in un aria che da sempre è stato coltivato, l’introduzione di nuove varietà come il Nero D’Avola, impiantato nei primi anni del nuovo millennio, ha permesso la nascita di nuovi vini, con metodi di vinificazione semplici, ma dando vita a vini intensi.
La passione e la costanza ci permette di poter conoscere meglio le nostre viti, le loro esigenze, in modo da capire gli interventi da fare man mano che si presenta la necessità, in modo che ogni cosa non viene fatta per caso, ma attentamente; gran parte delle operazioni colturali sulle piante sono manuali, potatura invernale e primaverile, gestione della chioma e la raccolta.
Nel periodo estivo è frequente il controlla dello stato di avanzamento della maturazione, controllandone non solo il contenuto zuccherino, ma anche lo stato sanitario delle uve, ciò ci permette di selezionare dapprima gli appezzamenti, poi i filari e alla raccolta i grappoli migliori.
Coltivato su terreni argillosi, da cui prende anche il nome “Crita”, il Nero D’Avola riesce ad esprimere il meglio di se, dando rese basse, pochi grappoli per vite e acini piccoli, quindi molto concentrati; inoltre il terreno tendenzialmente salino da una certa nota minerale.
La raccolta avviene alle prime luci dell’alba, ciò ci permette di evitare riscaldamento delle uve e quindi l’avvio di processi fermentativi e ossidativi prima di arrivare in cantina riassumento: in vigna vengono fatte tutte quelle operazioni che ci permettono di ottenere delle buone e sane uve.

Vino: Crita.
Composizione varietale: 100% Nero d’Avola.
Titolo alcolometrico: 13,5% vol.
Annata: 2017.
Classificazione: I.G.T. (Indicazione Geografica Tipica).
Esposizione: Nord Ovest.
Altimetria: 170 s.l.m..
Terreni: a granulometria argillosa.
Anno d’impianto: 2003.
Sistema di allevamento: spalliera Guyot semplice.
Densità di viti per ettaro: 4000 piante.
Metodo di coltivazione: biologico.
Resa: 70 quintali ettaro.
Temperatura di servizio: 18°C
Vinificazione: in cantina le uve vengono diraspate prima e pigiate, fatte macerare per circa 12 giorni ad una temperatura di 21 – 24 °C, fermentazione spontanea con lieviti indigeni in vasche di acciaio a temperatura controllata, svinatura e pressatura soffice, malolattica spontanea in acciaio e affinamento sulle fecce fini per i primi 8 mesi in acciaio.
Affinamento in bottiglia: 8 mesi.

© Ph. Biologica Stellino

© Ph. Biologica Stellino

Esame visivo
Limpidezza: limpido
Colore: rosso rubino
Consistenza: abbastanza consistente
Osservazioni: scarico con riflessi porpora.

Esame olfattivo
Intensità: intenso
Complessità: abbastanza complesso
Qualità: fine
Descrizione: floreale, fruttato e minerale
Osservazioni: note di fiori rossi maturi, frutti ciliegia, mora e mirtillo, sentori di salmastro.

Esame gusto – olfattivo
Morbidezza
Zuccheri: secco
Alcoli: caldo
Polialcoli: abbastanza morbido
Durezza
Acidi: fresco
Tannini: abbastanza tannico
Sostanze minerali: sapido
Struttura: di corpo
Equilibrio: equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: abbastanza persistente
Qualità: abbastanza fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: pronto
Armonia: abbastanza armonico
Abbinamenti: arancini con ripieno di carne, cuscus di carne, pasta alla norma.


Biologica Stellino
Via Arancio, 108
91011 Alcamo TP
Phone +39 328 9143664
E-mail: info@biologicastellino.it
Website: www.biologicastellino.it

About the author

Wine Tasting Team

Alessio Picciafuochi (Sommelier), Anna Maria Taccioli (Sommelier - Osteria La Limonaia), Fabiano Pugolotti (Sommelier), Luca D'Onofrio (Sommelier - Aqvolina Restaurant & Lounge Bar), Luca Giaccai (Sommelier - Agraria Giaccai) e Piero Pardini (Sommelier)