(Di)Vino Amore Food&Wine

Ardito 2016 – Baracchi

Ardito 2016 - Baracchi
Written by Wine Tasting Team

Credits: © Baracchi

Nell’azienda agricola Baracchi, situata nelle dolci colline della Valdichiana sotto il sole di Toscana, si produce vino da 5 generazioni, dal lontano 1860. Il proprietario, Riccardo ha voluto unire e condividere il mondo dell’ospitalità, della ristorazione e del benessere con la produzione di grandi vini. Insieme al figlio Benedetto e all’enologo e agronomo Stefano Chioccioli, ha creato un’azienda moderna e dinamica. L’idea è quella di produrre vini che siano sì specchio ed espressione del territorio ma che riescono anche a reinterpretarlo con il passare delle stagioni e delle tecniche. Sempre con la massima attenzione per la qualità e la genuinità dei prodotti.
L’area della Doc Cortona vanta un “terroir” rinomato da secoli per la sua vocazione alla viticoltura di qualità dovuta alla combinazione unica di altitudine, terreni galestrosi, grande luminosità e un microclima fantastico: caldo, asciutto e di ampia escursione termica.
L’azienda è composta da 30 ettari di vigneto situati in quattro distinte località:
San Martino, dove ha sede anche la cantina, ha terreni sabbiosi e particolarmente drenanti. Vi sono stati piantati soprattutto Syrah e Sangiovese che producono vini di grande eleganza e armonia
Gabbiano con il suo terreno argillo-calcareo è ideale per Cabernet e Syrah. Produce vini di grande struttura e potenza
La Pietraia con vigneti nuovi che producono vini di grande forza e respiro
Montanare con suoli ciottolosi e con un impasto misto, ideali per il Merlot e il Trebbiano. Qui, nella parte più alta al limitare di un bosco, Riccardo ha lanciato una grande sfida: piantare il Pinot Nero.

Proprietà: Riccardo Baracchi
Conduzione enologica: Stefano Chioccioli
Conduzione agronomica: Stefano Chioccioli
Viticoltura: convenzionale
Ettari vitati: 32
Bottiglie prodotte: 140.000
Vendita diretta: sì
Visite in azienda: sì
Produzione olearia: sì
Anno di fondazione: 1997

Vino: Ardito
Composizione varietale: 50% Syrah, 50% Cabernet Sauvignon.
Denominazione: I.G.T. Toscana.
Titolo alcolometrico: 15% vol.
Annata: 2016.
Vinificazione: la raccolta di entrambe le uve viene fatta a mano, le uve sono vinificate separatamente e dopo la fermentazione alcolica, proseguono la macerazione per 22 giorni. Il risultato è una grande ricchezza nel colore e una opulenta e fine struttura del vino. I vini vengono poi assemblati e proseguono la fermentazione malolattica direttamente in barriques francesi di media tostatura, la maturazione prosegue per circa 24 mesi. Affinato in bottiglia per 9 mesi.

Ardito 2016 - Baracchi

© Ph. Piero Pardini – The Wolf Post

Esame visivo
Limpidezza: limpido
Colore: rosso porpora
Consistenza: consistente
Osservazioni: intenso.

Esame olfattivo
Intensità: intenso
Complessità: complesso
Qualità: fine
Descrizione: floreale, fruttato, speziato, erbaceo e tostato
Osservazioni: note floreali di geranio e licine; sentori fruttati di fragola e lampone; note speziate di pepe nero e chiodi di garofano; sentori di erba tagliata e peperone verde, sentori di caffè e cioccolato.

Esame gusto – olfattivo
Zuccheri: secco
Alcoli: caldo
Polialcoli: abbastanza morbido
Acidi: fresco
Tannini: tannico
Sostanze minerali: abbastanza sapido
Struttura: di corpo
Equilibrio: abbastanza equilibrato
Intensità: intenso
Persistenza: abbastanza persistente
Qualità: fine
Osservazioni:

Considerazioni finali
Stato evolutivo: pronto
Armonia: abbastanza armonico

Abbinamenti: cosce di agnello al forno con patate.


Etichette recensite:
Ardito 2016
Syrah Riserva 2016

Azienda Agricola Baracchi
Via San Martino a Bocena, 370
52044 Cortona (AR)
Phone +39 0575 612679
E-mail: info@baracchiwinery.com
Website: www.baracchiwinery.com

About the author

Wine Tasting Team

Alessio Picciafuochi (Sommelier), Anna Maria Taccioli (Sommelier - Osteria La Limonaia), Fabiano Pugolotti (Sommelier), Luca D'Onofrio (Sommelier - Aqvolina Restaurant & Lounge Bar), Luca Giaccai (Sommelier - Agraria Giaccai), Luciano Vignali (Sommelier - Enoteca Da David) e Piero Pardini (Sommelier - Direttore Responsabile)